Le osservazioni del Primo Ministro indiano Modi sul conflitto ucraino hanno dato voce a tutto il Sud del mondo

Andrew Korybko – 15/11/2022

PM Modi’s Pragmatic Remarks About The Ukrainian Conflict Gave Voice To The Whole Global South (substack.com)

 

Il primo ministro indiano Modi ha dimostrato che il presidente Putin non si sbagliava nel lodarlo in precedenza per la sua politica estera indipendente dopo aver condiviso alcune osservazioni più pragmatiche sul conflitto ucraino. Ha detto ai suoi colleghi al vertice del G20 a Bali che “dobbiamo trovare un modo per tornare sulla via del cessate il fuoco e della diplomazia in Ucraina”. Il primo ministro Modi ha poi condannato la proposta occidentale di “price cap” sull’energia russa prima di avvertire della prossima crisi alimentare causata dalla complicazione delle sue esportazioni di fertilizzanti.

Queste tre posizioni pragmatiche incarnano la sua crescente politica multipolare di neutralità di principio verso la guerra per procura della Nuova Guerra Fredda tra il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e il Sud globale guidato dai BRICS e dalla SCO di cui l’India fa parte. Il magistrale atto di equilibrio dell’India tra i due blocchi de facto della Nuova Guerra Fredda ha portato ad emergere come kingmaker nella loro competizione mondiale, per non parlare della voce della coscienza per l’intero Sud del mondo.

Il Golden Billion è fermamente contrario a qualsiasi cessate il fuoco in Ucraina, almeno ufficialmente nonostante i recenti segnali che suggeriscono il contrario, e altrettanto irremovibile nel limitare il prezzo delle esportazioni energetiche della Russia e nel continuare a complicare le sue esportazioni di fertilizzanti. Essendo il più grande paese in via di sviluppo del mondo, l’India sente una responsabilità unica nei confronti dei suoi pari di esprimere le loro preoccupazioni condivise su queste posizioni irresponsabili a livello globale, da qui le osservazioni del Primo Ministro Modi.

Non riuscire a concludere un cessate il fuoco in Ucraina potrebbe perpetuare indefinitamente le crisi alimentari e petrolifere globali che hanno destabilizzato in modo sproporzionato il Sud del mondo. Inoltre, più a lungo questa guerra per procura si trascina, maggiore sarà la pressione che questi paesi subiranno dal Golden Billion per concedere unilateralmente i loro interessi nazionali oggettivi schierandosi dalla sua parte contro la Russia invece di rimanere neutrali. È quindi naturale che l’India si opponga a queste tendenze dirompenti e promuova ancora una volta la pace.

Detto questo, nonostante tutte le sue nobili aspirazioni e le intenzioni positive che guidano i suoi ultimi sforzi, l’influenza dell’India sul Golden Billion è limitata in questo senso, quindi è improbabile che faccia la differenza. Tuttavia, funzionando come voce di coscienza per l’intero Sud del mondo in virtù del fatto che è il più grande paese in via di sviluppo, l’India è stata finalmente in grado di dare a queste dozzine di stati la politica condivisa di neutralità di principio nei confronti del conflitto ucraino l’attenzione mondiale che merita.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi