Il presidente brasiliano Lula ha condannato l’operazione speciale di Mosca

Andrew Korybko – 24/01/2023

Lula è appena diventato il primo leader dei BRICS a condannare pubblicamente l’operazione speciale della Russia (substack.com)

 

Il neo-rieletto tre volte leader brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva, che è popolarmente noto come Lula, ha appena infranto le aspettative di politica estera della sua base multipolare diventando il primo leader BRICS a condannare pubblicamente l’operazione speciale della Russia. A differenza del suo predecessore Jair Bolsonaro che si è rifiutato di farlo e quindi ha ricevuto molte critiche dai media mainstream occidentali (MSM) guidati dagli Stati Uniti per il suo pragmatismo, Lula ha oltrepassato il limite e ha persino paragonato il coinvolgimento della Russia in Ucraina a quello degli Stati Uniti in Venezuela.

Nelle osservazioni che ha fatto mentre era a Buenos Aires lunedì, uno dei fondatori letterali dei BRICS ha dichiarato in modo scioccante che “Allo stesso modo in cui sono contro l’occupazione territoriale, come la Russia ha fatto con l’Ucraina, sono contro troppe interferenze nel processo venezuelano”. Abbastanza chiaramente, stava insinuando che gli sforzi militari della Russia per ripristinare l’integrità delle sue linee rosse di sicurezza nazionale in Ucraina dopo che la NATO le ha attraversate sono moralmente equivalenti all’aggressione non provocata degli Stati Uniti contro il Venezuela.

Lula ha ovviamente diritto alla sua opinione e ha il diritto legale come capo dello stato brasiliano di esprimere pubblicamente le sue opinioni su quella che a questo punto è indiscutibilmente diventata una guerra per procura tra il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e i BRICS e SCO congiunti. -guidato Sud globale di cui la Russia fa parte. Detto questo, anche gli osservatori hanno anche il diritto di criticare il suo attacco inaspettatamente duro contro l’operazione speciale di Mosca, soprattutto perché tradisce le aspettative della sua base multipolare in patria e all’estero.

Il Brasile dovrebbe cercare di bilanciare pragmaticamente tra i due blocchi de facto della Nuova Guerra Fredda seguendo il percorso sperimentato dal collega membro dei BRICS India nell’ultimo anno invece che il suo leader si inserisce nel dibattito come Lula ha appena fatto per fare una dichiarazione iper-partigiana che ovviamente offenderà la sua controparte russa. Non c’è dubbio che Lula sia allineato a livello nazionale con l’ideologia liberal-globalista dei democratici al potere negli Stati Uniti, ma almeno afferma pubblicamente di condividere anche quella internazionale multipolare della Russia .

Avrebbe potuto esprimere un approccio molto più equilibrato nei confronti di questo conflitto se avesse voluto esattamente come hanno fatto le sue controparti nei membri BRICS Cina, India e Sud Africa nell’ultimo anno. Invece, lo stesso uomo famoso per il suo uso magistrale delle parole ha scelto di paragonare l’operazione speciale della Russia in Ucraina alla guerra ibrida degli Stati Uniti contro il Venezuela, il che fa chiedere se si sia trattato di un raro passo falso da parte di quel famoso oratore pubblico o di una dichiarazione deliberatamente ostile.

Qualunque siano state le sue vere intenzioni, non si può negare che la sua osservazione mandi segnali contrastanti, soprattutto perché è arrivata lo stesso giorno in cui ha dichiarato l’interesse del Brasile a creare una moneta comune per i BRICS. Presto si dirigerà verso gli Stati Uniti all’inizio del mese prossimo per confrontarsi con il “frenemy” del suo paese con il quale è bloccato in una relazione di complessa interdipendenza economica e militare e che è stato responsabile della sua incarcerazione qualche anno fa.

È infatti possibile che il Brasile possa pragmaticamente bilanciare tra il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e il Sud globale guidato congiuntamente dai BRICS e dalla SCO di cui fa parte proprio come l’India ha fatto con successo, ma perché ciò accada, allora la retorica di Lula dovrebbe replicare quella del Primo Ministro Narendra Modi in cui rifiuta di condannare pubblicamente l’operazione speciale della Russia. figuriamoci paragonarlo al nudo imperialismo statunitense. Speriamo che questo sia stato solo un raro passo falso da parte di Lula e non un segnale di ciò che verrà con la sua politica estera.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi