I politici sapevano che l’Italia entrando nell’UE sarebbe andata incontro a deflazione e recessione

Ogni tanto è utile andare a scavare tra la polvere dei faldoni d’archivio e ri-scoprire cose che – una volta – erano note.

È utile per comprendere quanto si sapesse delle conseguenze dell’adozione di politiche liberali da parte degli attori protagonisti.

Ce ne siamo solo dimenticati. Hanno lavorato per quello. Politici e informazione.

Come nelle parole del famoso intervento alle Camere di Napolitano del ’78 contro l’adesione dell’Italia allo Sme*.

Come nell’intervista di Scalfari a Berlinguer, sempre del ’78. Quella in cui si diceva di voler cambiare l’Europa da dentro.

Lo sapeva Federico Caffè che nei suoi scritti pubblicati tra il 1977 e il 1985 aveva avvertito sinistra e sindacati dei pericoli della deriva liberale
*.

Lo sapeva Guido Carli come dimostrano le parole pronunciate nel 1993
.

Lo sapeva Federico Rampini autore nel 1996 di Germanizzazione (altro che integrazione europea)
*.

«Avallare la deflazione oggi, può significare — per la sinistra — dover avallare la repressione domani».

E ancora

«Finora questo insieme di riflessioni non è riuscito a farsi molta strada nella discussione sulla politica economica, che appare dominata da un curioso gioco delle parti: la sinistra propone alla destra, come proprio programma, la deflazione (chiamiamola “lotta all’inflazione”); e la destra, mentre fa la deflazione, piange sulle sorti del mezzogiorno (costruendovi le basi per la propria rivincita elettorale).

Già nel dopoguerra la sinistra italiana fu vittima di un abbaglio: dell’identificazione fra fascismo e intervento dello Stato nell’economia, e fra fascismo e protezionismo, fu fatta discendere, in molti casi, quella fra antifascismo e liberismo economico.

Oggi, come allora, non è facile dire in che misura la fede liberistica funga da copertura di una scelta politica le cui ragioni vanno ricercate altrove, e in che misura rifletta invece l’influenza di vecchi modi di pensare».

Lo sapeva anche l’economista Fernando Vianello. Che queste cose le ha scritte ne “Il profitto e il potere una raccolta di saggi (1974, 1979)”

Sapeva lui.

E tanti come lui.

Sapevano tutto.

di Gilberto Trombetta

 

[* http://legislature.camera.it/_dati/leg07/lavori/stenografici/sed0383/sed0383.pdf
https://twitter.com/theBsaint/status/984109454764445696
* https://www.facebook.com/gilberto.trombetta.7/posts/2830198057204755
http://www.elzeviro.eu/affari-di-palazzo/economia-e-finanza/guido-carli-con-lue-litalia-ha-abbandonato-un-modello-vincente.html
* https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-germanizzazione_quando_rampini_nel_1996_scriveva_che/82_29548/

via Lim Bo https://twitter.com/theBsaint/status/1230431634484342785]

 

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-litalia_entrando_nellunione_europea_sarebbe_andata_incontro_a_deflazione_e_recessione_i_politici_sapevano_tutto/32703_33166/

 

Federal Reserve: I dazi di Trump hanno causato aumento dei prezzi e perdita dei posti di lavoro

Le tariffe statunitensi intese a rilanciare l’economia degli Stati Uniti eliminando pratiche commerciali “sleali”, principalmente da parte della Cina, hanno di fatto pesato sui posti di lavoro nel settore manifatturiero e hanno aumentato i prezzi, ha concluso uno studio del Federal Reserve Board degli Stati Uniti

La Fed è diventata l’ultimo organo a sottolineare le conseguenze dannose dei dazi punitivi “senza precedenti” scatenate dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulla Cina e altri partner commerciali – tra cui Canada, Messico e UE – all’inizio del 2018. In uno studio recentemente pubblicato, gli economisti della Fed Aaron Flaaen e Justin Pierce hanno affermato che gli effetti negativi della misura hanno superato i benefici, almeno a breve termine.

“Scopriamo che gli aumenti tariffari attuati nel 2018 sono associati a riduzioni relative dell’occupazione manifatturiera e aumenti relativi dei prezzi alla produzione”, si legge nel documento.

Secondo il rapporto della Fed, le industrie statunitensi che lavorano con alluminio e acciaio hanno dovuto affrontare il più grande aumento dei prezzi, poiché i nuovi prelievi all’importazione rappresentavano il 17,6 percento dei costi per i produttori di fogli di alluminio e l’8,4 percento dei costi per i prodotti siderurgici fabbricati con acciaio acquistato.

Alcuni produttori americani avrebbero potuto beneficiare della ridotta concorrenza nel mercato interno, ma le tariffe tit-to-tat hanno abbassato la loro competitività all’estero.

Ciò ha interessato una vasta gamma di settori, secondo lo studio, tra cui supporti magnetici e ottici, articoli in pelle, fogli di alluminio, ferro e acciaio, veicoli a motore, elettrodomestici, apparecchiature audio, video e computer.

Mentre alcune industrie sono riuscite a godere di un certo grado di protezione delle importazioni grazie ai dazi, questo è stato compensato da “maggiori trascinamenti” dall’aumento dei costi di input e delle misure di ritorsione, secondo il documento.

Gli economisti affermano che gli effetti a lungo termine possono essere diversi, in quanto le società statunitensi possono adattare le loro catene di approvvigionamento per evitare prelievi all’importazione statunitensi, ma potrebbero anche scegliere di trasferirsi al di fuori degli Stati Uniti, come affermato da alcuni studi precedenti.

“I nostri risultati suggeriscono che l’uso tradizionale della politica commerciale come strumento per la protezione e la promozione della produzione interna è complicato dalla presenza di catene di approvvigionamento globalmente interconnesse”, conclude il rapporto.

Washington e Pechino stanno attualmente cercando di finalizzare la prima fase del loro accordo commerciale, con entrambe le parti che stanno attualmente lavorando al testo e alle altre procedure necessarie per apporre l’accordo. Le due maggiori economie del mondo hanno imposto dazi sui beni di miliardi di dollari l’una dell’altra, con un nuovo round di tariffe evitato dalla recente svolta.

Nel frattempo, un’altra guerra commerciale degli Stati Uniti con l’Unione Europea sta ancora imperversando. Dopo che l’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) ha stabilito che l’UE ha pagato sussidi finanziari impropri al produttore di aeroplani Airbus, ostacolando così le vendite del rivale statunitense Boeing, l’amministrazione Trump ha imposto tariffe punitive sulle merci dell’UE. Gli Stati Uniti hanno imposto dazi record su aerei Airbus e prodotti agricoli come vino francese, formaggio italiano e whisky scozzese e hanno recentemente minacciato l’UE con nuovi aumenti.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-federal_reserve_i_dazi_di_trump_hanno_causato_aumento_dei_prezzi_e_perdita_dei_posti_di_lavoro/82_32349/

 

“La Banda d’Italia” (13/07/2015)

Il libro di Elio Lannutti meriterebbe già un premio per il titolo “La banda d’Italia” perché fatto dopo fatto documenta ciò che è avvenuto dietro le quinte della Banca d’Italia, un tempo punto di riferimento e di certezze istituzionali.

Questo contenuto è ospitato da AmbienteWebTv