La rassegna di Valeria Sonda

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Mario Albanesi: Udo Ulfkotte

https://www.pandoratv.it/?p=19676

EU

 

PORTOGALLO – CETA: o acordo que pode derrotar a democracia na Europa

http://www.esquerda.net/dossier/ceta-o-acordo-que-pode-derrotar-democracia-na-europa/50311

traduzione google

CETA: l’accordo può sconfiggere la democrazia in Europa
Il CETA è parte di una serie di nuovi accordi internazionali, che, anche se rivestito con una copertura di charme, il suo contenuto e ‘corrosivo per la democrazia.
Articolo Isabel Pires, che parteciperà al dibattito “CETA e gli accordi commerciali internazionali” con José Paulo Ribeiro Albuquerque e João Gama al Socialismo 2017 Forum.

Il CETA (economico e commerciale globale Accordo – Unione Europea / Canada) fa parte di una serie di nuovi accordi internazionali, che, anche se rivestito con una copertura di charme, il suo contenuto e ‘corrosiva per la democrazia. Questo accordo è stato negoziato nel corso di otto anni a porte chiuse, senza possibilità di controllo da parte dei cittadini e dei loro rappresentanti eletti, ma in stretta collaborazione con le multinazionali.  Così, il dibattito intorno allo stesso è stato avvolto in miti e incomprensioni. A cominciare da quello che i suoi appassionati affermano di essere il suo bene più prezioso, la crescita economica e l’occupazione, uno studio commissionato dalla Commissione europea rivela che la crescita prevista in sette anni, sarà (solo!) 0,08 % del PIL dell’Unione europea (UE). Per quanto riguarda l’occupazione, vari studi indicano una potenziale perdita di 200.000 posti di lavoro in tutta l’Unione. Ma la crescita economica, se è residuale e le minacce all’occupazione sono superiori a quelle garanzie, che affascina i suoi difensori?  L’Europa è la regione del mondo dove gli standard ambientali e di sicurezza alimentare sono più alti. Una seccatura per multinazionali o un costo pesante di contesto, dicono eufemisticamente altri. E ‘da qui che rendere chiaro a chi l’accordo è auspicabile.  Il CETA cerca di eliminare tutte le tariffe relative, armonizzare sotto degli standard ambientali e di sicurezza alimentare e aprire la porta in modo che possano inadempiente regole e la lotta contro gli obiettivi del cambiamento climatico hanno recentemente disegnato. Oppure, per dimostrare un buon caso, stende il tappeto rosso per gli scaffali dei nostri supermercati per carne bovina canadese prodotto con ormoni e gli OGM, oggi assolutamente vietato nell’UE.

Se la volontà di anni terraplanar di sviluppi legislativi per proteggere i consumatori e l’ambiente subisce l’ arresto, il trasferimento della sovranità popolare e democratica delle istituzioni elette ai consigli di amministrazione delle grandi imprese è ancora più spaventoso.  Il trattato crea una serie di disposizioni che limitano drasticamente il potere legislativo del paese, in tutte le questioni che possono essere considerate al di fuori del “spirito dell’accordo”. Colto in su, tutto ciò che può pizzicare gli interessi delle multinazionali, che comprende quello che siamo abituati a conoscere come i diritti sociali e del lavoro, la tutela dell’ambiente o della salute pubblica.  Il CETA che istituisce un tribunale arbitrale privata che sta al di sopra del sistema giuridico europeo e rende praticamente multinazionale plenipotenziario. Se una legge è considerato dannoso per investimento o profitti “previsto” di grandi imprese, lo Stato saranno trattati, e può anche non adire la Corte di giustizia europea – solo organo giudiziario riconosciuto dalla legislazione europea.  La creazione di tribunali arbitrali per la risoluzione delle controversie non è una nuova metodologia, ma con l’accordo vince contorni mai visti prima in Europa. Diamo un’occhiata a un altro esempio: con il CETA, i paesi ci penseranno due volte prima di legiferare in materia di politiche di controllo del tabacco, per esempio, perché rischiano di essere gravemente multato interferendo negli utili di tabacco.  Quindi è urgente per combattere questo e di altri trattati simili, proteggere la democrazia, la salute, il lavoro e l’ambiente.  Articolo Isabel Pires, che parteciperà al dibattito “CETA e accordi commerciali internazionali” con José Paulo Ribeiro Albuquerque e João Gama a Socialismo 2017 Forum – Sabato, 11:45, camera a 4.

 

 

SPAGNA – Pablo Bustinduy (PODEMOS) al PSOE: “…el CETA es anticonstitucional…” – Min. 1.52

https://www.youtube.com/watch?v=Gh87Y6wFRoU

Coldiretti: le uova contaminate al FIPRONIL rafforzano la richiesta dell’origine obbligatoria su tutti i prodotti agricoli e il cibo.

Coldiretti: le uova contaminate al FIPRONIL rafforzano la richiesta dell’origine obbligatoria su tutti i prodotti agricoli e il cibo

I dati sulla produzione di uova in Calabria – Molinaro: in Calabria importiamo il 44% delle uova che consumiamo, attenzione alle informazioni sul guscio

http://www.lamezialive.it/coldiretti-le-uova-contaminate-al-fipronil-rafforzano-la-richiesta-dellorigine-obbligatoria-tutti-prodotti-agricoli-cibo.html

ITALIA

 

AMATRICE 24 Agosto 2017

https://www.youtube.com/watch?v=EPxvzm7U0ns

Terremoto, immagini choc: dopo 6 mesi nulla

https://www.youtube.com/watch?v=oNo5jBrPeps

CALABRIA – Coldiretti: proseguono adesioni dei Comuni al No CETA

http://www.lameziaterme.it/coldiretti-proseguono-adesioni-dei-comuni-al-no-ceta/

 

MOLISE  – Regione, Province e 70 Comuni: è il fronte molisano anti Ceta

http://www.primopianomolise.it/attualita/57288/regione-province-70-comuni-fronte-molisano-anti-ceta/

 

MOLISE – Agroalimentare, il trattato Canada-Ue che minaccia le eccellenze lucane

http://www.quotidianodelsud.it/basilicata/economia/2017/08/23/agroalimentare-trattato-canada-ue-che-minaccia-eccellenze-lucane

TOSCANA – RIPARBELLA  : No al Ceta – Prima vittoria

http://www.comune.riparbella.pi.it/

Con la delibera consigliare nr. 25 del 17/07/2017 il consiglio comunale di Riparbella si era espresso contro la ratifica da parte dell’Italia dell’accrodo Europa-Canada denominato CETA.Un primo timido segnale positivo risultato grazie alla campagna …  

RUSSIA
 

Circassia-Karachay e Caucaso del nord, prossimi problemi interni per la Russia?

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-circassiakarachay_e_caucaso_del_nord_prossimi_problemi_interni_per_la_russia/21163_21289/

 

Trovato morto l’ambasciatore russo in Sudan

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-trovato_morto_lambasciatore_russo_in_sudan/82_21292/

Strana moria di diplomatici russi
https://www.pandoratv.it/?p=19652

– La NATO sfila a Kiev. Gli USA offrono altri aiuti militari
– La guerra in Siria è perduta ma Netanyahu prepara sorprese
– Continua l’apocalisse umanitaria nello Yemen
– Varsavia minaccia Berlino sulle riparazioni di guerra

 

Eltsin fu portato al potere con i denari della CIA

https://www.pandoratv.it/?p=19608

– Mosca: “Inevitabile la reazione alle nuove sanzioni di Washington”
– Continua lo shopping cinese in Italia
– Bruxelles congela la fusione Bayer – Monsanto
– Venezuela pronto a difendersi

YEMEN

 

Yemen, attacco della coalizione saudita su un hotel provoca 35 morti

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-yemen_attacco_della_coalizione_saudita_su_un_hotel_provoca_35_morti/82_21286/

Photo:

Siria expresa su apoyo al pueblo de Yemen

http://sana.sy/es/?p=68337

UCRAINA

Senator John McCain

1.500 denunce di crimini di guerra commessi dal regime nazista d’Ucraina, inviate alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (ECHR)

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-1500_denunce_di_crimini_di_guerra_commessi_dal_regime_nazista_ducraina_inviate_alla_corte_europea_dei_diritti_delluomo_echr/82_21307/

 

Ad oggi, 1.513 denunce / documenti sono stati inviati da residenti della DPR che hanno subito i reati commessi dal regime di Kiev

 

 

1,500 Reports of War Crimes Committed by the Pro Nazi Ukraine Regime, Sent to European Court of Human Rights (ECHR)

http://www.globalresearch.ca/1500-reports-of-war-crimes-committed-by-the-pro-nazi-ukraine-regime-sent-to-european-court-of-human-rights-echr/5605664?platform=hootsuite

1,500 documented reports of war crimes committed by the nazi Ukraine regime have been sent to the European Court of Human Rights! The public commission of DPR Donetsk people’s republic have gathered all documented reports from victims, residents of DPR who have suffered from the criminal war waged by war criminal and nazi coup leader of Ukraine Poroshenko!
 

 

 

1,500 Criminal Reports Of War Crimes Committed By The Nazi Ukraine Regime Have Been Sent To The European Court Of Human Rights !

http://nrt24.ru/en/news/1500-criminal-reports-war-crimes-committed-nazi-ukraine-regime-have-been-sent-european-court
 

SPAGNA

 

Il video ripugnante della “sceneggiata di Barcellona”

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-il_video_ripugnante_della_sceneggiata_di_barcellona/6119_21296/

https://drive.google.com/file/d/0B_WENlEYeAwqUFJNdEw2OV8tSHM/view  ( VIDEO )

 

Cuba, l’isola ferita solidale con il popolo spagnolo colpito dal terrorismo

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-cuba_lisola_ferita_solidale_con_il_popolo_spagnolo_colpito_dal_terrorismo/82_21279/

 

I cubani solidarizzano con il popolo spagnolo, e gli altri che negli ultimi tempi hanno sofferto le conseguenze delle azioni terroristiche, perché sanno cosa vuol dire perdere i propri cari

VENEZUELA

L'immagine può contenere: una o più persone

L’obiettivo di Mike Pence in America Latina: “Distruggere il Venezuela”

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-lobiettivo_di_mike_pence_in_america_latina_distruggere_il_venezuela/82_21305/

Cosa accade davvero in Venezuela

https://www.pandoratv.it/?p=19642

Una sintetica ed efficace spiegazione riguardo agli interessi che determinano la crisi in Venezuela.

L'immagine può contenere: una o più persone, scarpe, tabella e scacchi
 

L’arte della guerra – grandi manovre attorno al Venezuela

https://www.youtube.com/watch?v=xXK0CTv4LV8

 

Pubblicato il 24 ago 2017

A cura di Manlio Dinucci
Editing Stefano Citrigno

 

Già pronto il piano USA per l’invasione del Venezuela?

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-gi_pronto_il_piano_usa_per_linvasione_del_venezuela/5694_21278/

 

Per realizzare l’«opzione militare» minacciata da Trump potrebbe essere adottata, pur in un diverso contesto, la stessa strategia messa in atto in Libia e in Siria

Bloqueo Imperial| Trump ha dado un golpe financiero y económico para ahogar la economía de Venezuela, denunció Presidente Maduro
https://www.facebook.com/notes/vtvcanal8/bloqueo-imperial-trump-ha-dado-un-golpe-financiero-y-econ%C3%B3mico-para-ahogar-la-ec/1581489048568166/

John Pilger ha ragione. Se il Venezuela cade, l'umanità cade

 

John Pilger ha ragione. Se il Venezuela cade, l’umanità cade

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-john_pilger_ha_ragione_se_il_venezuela_cade_lumanit_cade/82_21282/

 

“Gli USA hanno già invaso il Venezuela con gruppi sovversivi come la NED, che supportano una cosiddetta ‘opposizione’, che cerca rovesciare con la forza un governo eletto”

Il Venezuela dedica il 72% del proprio bilancio agli investimenti sociali

Il Venezuela dedica il 72% del proprio bilancio agli investimenti sociali

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-il_venezuela_dedica_il_72_del_proprio_bilancio_agli_investimenti_sociali/5694_21283/

 

Il presidente Maduro ha evidenziato che questi ingenti investimenti nel sociale, hanno permesso che negli ultimi anni fossero consegnati oltre 1,7 milioni di alloggi popolari attraverso la Gran Misión Vivienda Venezuela

I punti chiave della conferenza stampa internazionale di Nicolás Maduro

I punti chiave della conferenza stampa internazionale di Nicolás Maduro

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-i_punti_chiave_della_conferenza_stampa_internazionale_di_nicols_maduro/5694_21281/

 

Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha dichiarato che in nessuna circostanza tradirà la Rivoluzione Bolivariana e non darà mai il potere a chi ha storicamente aggredito il popolo venezuelano

 

Brasile – ex Ministro Celso Amorim: una voce libera contro Trump

https://www.pandoratv.it/?p=19585

 

Celso Amorim è un politico brasiliano che è stato Ministro degli Esteri durante i due mandati di Lula, e Ministro della Difesa nel primo mandato di Dilma Rousseff. Poco noto tra la gente comune, Amorim gode invece di fama e apprezzamento nelle alte sfere degli ambienti diplomatici internazionali.

Un episodio tragico, avvenuto nella base spaziale di Alcântara, lo ha coinvolto all’inizio del primo governo Lula. Un incendio e una successiva esplosione hanno distrutto il vettore VLS-1 che doveva essere lanciato tre giorni dopo. Persero la vita 21 tra ingegneri e tecnici spaziali, lasciando il progetto senza personale specializzato.

Riguardo alle recenti provocazioni USA contro il Venezuela, Amorim, dichiara: “la minaccia dell’uso della forza deve essere ripudiata fermamente. Oltre a violare i principi di base del diritto internazionale, essa rischia di portare a una guerra civile, a un nuovo Vietnam in America Latina, proprio alla frontiera con il Brasile.

Nel marzo 2016 Celso Amorim, di passaggio per l’Italia, ha concesso a Pandora TV una lunga intervista presso l’Ambasciata del Brasile in Roma. L’intervista, che ha avuto come tema “Il Brasile e le sfide dell’ordine mondiale”, è stata pubblicata in italiano e in portoghese.

https://www.pandoratv.it/?p=6577

https://www.pandoratv.it/?p=7229

https://www.pandoratv.it/?p=6814

https://www.pandoratv.it/?p=7242

Intellettuali messicani respingono critiche al Venezuela

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-intellettuali_messicani_respingono_critiche_al_venezuela/5694_21290/
 

                   Photo:    Photo:

La Siria si congratula con il Venezuela per il successo delle elezioni dell’Assemblea Costituente

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-la_siria_si_congratula_con_il_venezuela_per_il_successo_delle_elezioni_dellassemblea_costituente/82_21056/

 

 

La solidarietà con il Venezuela passa da Saracena

La solidarietà con il Venezuela passa da Saracena

«Se continueremo a guardare la storia con gli occhi del capitalismo non capiremo mai dove sta la verità»

http://www.corrieredellacalabria.it/societ%C3%A0/item/61215-la-solidariet%C3%A0-con-il-venezuela-passa-da-saracena

—-Messaggio originale—-
Da: p.delablanca14@gmail.com
Data: 25-ago-2017 9.50
Ogg: Fwd: Petición: hacia el ecosocialismo de Hugo Chávez

 

 

                                                                          Ojos para la Paz

 
Nuestra compañera, la periodista italiana Marinella Correggia nos pasa esta petición de apoyo “hacia el ecosocialismo de Hugo Chávez”. Yo ya la he fimado

 

 
“Si crees en una nueva sociedad donde podamos convivir en paz y en armonía con la naturaleza para lograr el vivir bien / buen vivir para todas y todos, por favor firma esta petición y corre la voz”
 

 
(Marinella)

 

STATI UNITI

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Stati Uniti: dove i poveri non si devono vedere

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-stati_uniti_dove_i_poveri_non_si_devono_vedere/82_21306/
 

 

LIBIA
 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Mossad Officer Leading ISIL as Mosque Imam Arrested in Libya

http://en.farsnews.com/newstext.aspx?nn=13960604301530

SIRIA

L'immagine può contenere: una o più persone, campo da basket e scarpe
 

La coalición de EEUU y la organización terrorista Daesh se complementan en atacar a los civiles y destruir la infraestructura

http://sana.sy/es/?p=69073

They're coming soon
 

Coalición internacional asesinan niños en la provincia Dier Ezzor

http://sana.sy/es/?p=68631

 

 

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

Siria, capo terrorista conferma ‘la cooperazione diretta’ con Israele

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-siria_capo_terrorista_conferma_la_cooperazione_diretta_con_israele/82_21304/

 

Raqqa, la denuncia dei civili: La Coalizione [ USA ]  “ha bombardato deliberatamente” quando c’erano bambini nelle strade

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-raqqa_la_denuncia_dei_civili_la_coalizione_ha_bombardato_deliberatamente_quando_cerano_bambini_nelle_strade/82_21285/

 

I sopravvissuti agli attacchi della coalizione guidati dagli Stati Uniti segnalano che gli aerei hanno usato fosforo bianco quando hanno bombardato un’area residenziale in Siria.

 

 

La coalición “bombardeó deliberadamente” a civiles en Raqa cuando había niños jugando en la calle

Publicado: 23 ago 2017 12:54 GMT | Última actualización: 23 ago 2017 14:24 GMT
Sobrevivientes de los ataques de la coalición liderada por EE.UU. denuncian que los aviones utilizaron fósforo blanco al bombardear una zona residencial en Siria.

https://actualidad.rt.com/actualidad/247876-coalicion-bombardeo-deliberadamente-civiles-raqa

 

La Siria denuncia i massacri dei civili e danni per 2,5 miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi aerei USA

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-la_siria_denuncia_i_massacri_dei_civili_e_danni_per_25_miliardi_di_dollari_nel_settore_petrolifero_a_causa_degli_attacchi_aerei_usa/82_21277/
 

Dopo le continue denuncie all’ONU sulle morti dei civili, il governo siriano lamenta anche danni per miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi della Coalizione guidata dagli USA che illegalmente opera nel paese arabo.

 

Siria exige al Consejo de Seguridad que ponga coto a los crímenes de la llamada Coalición Internacional contra el pueblo sirio

http://sana.sy/es/?p=68639

 

Bacetto e pace fatta!  FrightNight2 (L'ammazzavampiri 2)
 

Washington: No tenemos la intención de quedarnos en Siria después de la derrota del “Daseh”

http://sana.sy/es/?p=68737

 

Il ritrovamento in Siria di armi chimiche “made in USA” mette in evidenza l’appoggio dell’Occidente ai terroristi

http://www.controinformazione.info/il-ritrovamento-in-siria-di-armi-chimiche-made-in-usa-mette-in-evidenza-lappoggio-delloccidente-ai-terroristi/

 

Russia: La scoperta di armi chimiche degli Stati Uniti in Siria è la prova che l’Occidente sostiene i terroristi

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-russia_la_scoperta_di_armi_chimiche_degli_stati_uniti_in_siria__la_prova_che_loccidente_sostiene_i_terroristi/82_21227/
 

PTV News 17.08.17 – Siria: Nuove prove delle responsabilità occidentali

https://www.pandoratv.it/?p=19440

– Chi è l’assassino? Naturalmente un russo
– Vicino a saltare l’accordo con l’Iran sul nucleare
– Cina e Russia contro l’intervento in Venezuela
– Vengono dall’Ucraina i missili di Kim?
– L’atollo dell’Unesco ricoperto di plastica
 

 

Assad: “Abbiamo contrastato il progetto occidentale, ma la battaglia deve continuare fino alla vittoria”

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-assad_abbiamo_contrastato_il_progetto_occidentale_ma_la_battaglia_deve_continuare_fino_alla_vittoria/8_21265/
 

Nel corso di una conferenza organizzata dal Ministero degli esteri, il Presidente siriano, Bashar al Assad ha dichiarato che “l’Occidente ora vive un conflitto esistenziale ogni volta che percepisce che uno Stato vuole prendere parte al suo ruolo.”

 

L’esercito siriano ha messo l’ISIS in trappola nella Siria centrale

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-lesercito_siriano_ha_messo_lisis_in_trappola_nella_siria_centrale/82_21249/

 

Era solo una questione di tempo e, infatti, adesso l’ISIS si trova completamente assediato nel Governatorato di Hama. Il crollo completo del gruppo terroristico in tutto il deserto siriano in tempi così rapidi, fino a poco tempo, non era affatto previsto.

 

La liberazione della Siria è vicina

https://www.pandoratv.it/?p=19562

– Trump in equilibrio precario
– Lula torna in campo
– Anche le renne si estinguono

 

Astaná se prepara para una nueva ronda de conversaciones sobre Siria

http://sana.sy/es/?p=68704

 

Normalizan estatus jurídico de 93 buscados de Wadi Baradah

http://sana.sy/es/?p=68775

Rif Dimashiq, SANA– En cumplimiento del Acuerdo de Reconciliación Nacional en el área de Wadi Bardah, en el campo de Damasco, se realizó una reunión de masa hoy en la aldea de Huraira, en la que se distribuyeron documentos del arreglo del estatus jurídico de 93 personas en la aldea.



Declino dello Stato Islamico , eroi sconfiggono gli oscurantisti

http://assadakah.com/2017/08/13/lo-stato-islamico-sulla-via-del-declino/

 

Figuras yemeníes: la amplia participación en la Feria Internacional de Damasco rompió la conspiración

http://sana.sy/es/?p=68678

 

Vicepresidente del Parlamento sirio se reúne con el Canciller y el ministro de Economía de Abjasia

http://sana.sy/es/?p=68799

Miles de ciudadanos acuden a la Feria Internacional de Damasco (video)

http://sana.sy/es/?p=68740

—Messaggio originale—-
Da: brandienzo@libero.it
Data: 24-ago-2017 20.59
Ogg: Due articoli: 1) sulla politica estera italiana, alla luce delle prospettive di fine della guerra e di ricostruzione in Siria; 2) sulla figura dello scienziato Lavoisier, padre della chimica moderna.

 

Sul numero di settembre del mensile “LA VOCE” DI G.A.M.A.D.I. (Gruppo Atei Materialisti Dialettici) usciranno i due articoli in oggetto. Il primo critica l’atteggiamento del governo  italiano che continua nella sua assurda politica autolesionista in Siria, Libia ed Egitto al servizio dell’imperialismo USA. Il secondo articolo ricorda sinteticamente la figura del chimico Lavoisier, scienziato di chiara impostazione empirista-sperimentale e materialista, fondatore della chimica moderna.

 

LA FIERA DI DAMASCO: LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL. COSA FA L’ITALIA?

 

L’apertura della Fiera di Damasco, ancora in corso mentre scrivo (agosto 2017), segna un punto significativo di svolta – sia simbolico che pratico – nella drammatica crisi siriana, come ha giustamente sottolineato anche Gianmarco Pisa in un articolo già diffuso (1).

L’economia siriana, devastata da oltre sei anni di guerra feroce e distruttiva, sta lentamente ripartendo nelle zone che progressivamente vengono liberate dall’esercito che le ripulisce dal cancro terrorista, alimentato e strumentalizzato da potenze esterne.

Ad esempio, si cerca di rilanciare l’attività economica nella grande città industriale di Aleppo, le cui fabbriche furono smantellate dalle bande terroriste che avevano occupato, a partire dal 2012, tutta la periferia ed alcuni quartieri centrali. Gli impianti delle fabbriche furono smontati e contrabbandati nella vicina Turchia, dove furono rivenduti per alimentare la “jihad” degli estremisti sunniti. Ora che la città è stata completamente liberata, la gente ricomincia faticosamente a riprendere le vecchie attività.

La fulminante controffensiva lanciata dall’esercito nelle regioni orientali e meridionali, con l’aiuto dell’aviazione russa e delle milizie di Hezbollah e palestinesi filo-governative, ha permesso al governo di tornare in possesso di vastissime zone già occupate dallo Stato Islamico (Daesh) e di numerosi pozzi petroliferi e giacimenti di gas, con cui gli estremisti si erano finanziati contrabbandando il petrolio verso la compiacente Turchia ed Israele. Questo permette al governo, non solo di riapprovvigionarsi di gas e petrolio, ma anche di riavvicinarsi alla città di Deir-Es-Zor, sul fiume Eufrate, assediata da Daesh da oltre due anni e difesa strenuamente da una guarnigione governativa. La battaglia che si prepara a Deir-Es-Zor sarà probabilmente decisiva per la sconfitta finale delle bande di  Daesh e dei suoi sponsor, come l’Arabia Saudita, ed anche in passato la Turchia, con la complicità di alcuni paesi occidentali interessati a destabilizzare la Siria.

Rimane aperto il problema di almeno 10.000 militanti di Al Qaida che occupano la provincia nord-occidentale di Idlib, ma che hanno perso l’appoggio della Turchia, e che non potranno sfuggire alla controffensiva dell’esercito dopo che avrà liquidato Daesh.

Alla Fiera di Damasco partecipano 43 paesi e, secondo molte fonti, anche varie imprese tedesche e francesi, magari in forma indiretta attraverso succursali e prestanomi. I terroristi, rendendosi conto dell’importanza dell’avvenimento, hanno bombardato alla cieca l’ingresso della mostra con i mortai uccidendo vari civili, ma la mostra non ha chiuso e continua come atto di speranza e di sfida verso gli estremisti ed i loro sciagurati sponsor esterni.

L’Italia, prima della guerra, era il principale partner commerciale della Siria. Allo scoppio della cosiddetta rivolta, in realtà ben organizzata dall’esterno, con la complicità di paesi come gli USA, Francia, UK, Giordania Turchia, Arabia Saudita, Qatar, l’Italia si è allineata agli ordini superiori. Ha rotto le relazioni diplomatiche con la Siria; ha imposto sanzioni; ha rifornito di armi e finanziamenti i cosiddetti “ribelli”, riconoscendo come unico rappresentante della Siria la “Coalizione Nazionale Siriana”, un gruppo di politicanti venduti che non rappresentano nessuno. La serva stampa nostrana si è scatenata con assurde bugie per demonizzare il governo siriano riconosciuto all’ONU ed il suo Presidente Bashar Al-Assad, eletto in regolari elezioni a larga maggioranza.

Lo stesso è avvenuto in analoghe situazioni, come quella della Libia, in cui siamo stati trascinati in guerra contro i nostri interessi da USA, Francia, UK e NATO, o come quella dell’Egitto, in cui il governo italiano si è fatto incastrare nell’oscura provocazione dell’assassinio di Regeni, rompendo le realazioni col Cairo, mentre Francesi ed Inglesi concludevano lauti accordi con L’Egitto alle nostre spalle.

L’affare Regeni è esploso proprio nel momento in cui un’importante delegazione italiana era al Cairo a sottoscrivere una serie di importanti accordi economici con l’Egitto, al largo delle cui coste era stato scoperto il più grande giacimento di gas del Mediterraneo. Lo sfortunato giovane aveva lavorato in Inghilterra con la Oxford Analytica, un’agenzia di “informazione” diretta da ex-criminali e spioni come John Negroponte – ex agente CIA organizzatore degli squadroni della morte in Centro-America – e tali McCall e Young, ex dirigenti dei servizi segreti inglesi. Poi aveva ricevuto un incarico di “studio” dall’Università di Cambridge, che però rifiuta di collaborare con la magistratura italiana per chiarirne i contenuti. L’attribuzione senza prove della responsabilità dell’assassinio al governo egiziano da parte di tutta la stampa serva, non tiene conto del “cui prodest” e del contesto politico ed economico. Solo oggi il governo italiano comincia timidamente ad accorgersi della trappola in cui è cascato e riallaccia le relazioni con l’Egitto, scatenando la reazione di tutta la falsa sinistra “umanitaria” che agisce da utile idiota. Vedi in proposito la documentazione allegata: (2) (3) (4).

Qualcosa di analogo è avvenuto quando finalmente il governo ha preso le distanze da alcune ONG finto-umanitarie, ben finanziate da governi occidentali e da ambigui finanzieri come George Soros,  impegnate nel traffico di “migranti” dalla Libia, come Medicine Sans Frontiere (già implicata nella distruzione della Jugoslavia e nella guerra in Siria) e Amnesty International, sempre pronta ad indicare i “cattivi” da colpire, come Gheddafi o Assad.

Cosa farà il governo italiano ora che in Siria si vede la luce in fondo al tunnel: ritirerà le sanzioni e riallaccerà le relazioni diplomatiche ed economiche? O si farà ancora una volta turlupinare come nel caso libico ed egiziano?

Roma 23.08.2017                               Vincenzo Brandi

 

(1)    “La Fiera Internazionale di Damasco” di G.M. Pisa, http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/noguerra/NotizieCommenti_1503157646.htm  

(2)   “Ordigno Regeni su Medioriente e Mediterraneo” di Fulvio Grimaldi, www.fulviogrimaldicontroblog.info

(3)   “Caso Regeni e ONG, la resa senza condizioni della sinistra senza se e senza ma” di Fulvio Scaglione, su l’Antidiplomatico.

(4)   Intervista al Gen. Tricarico su Regeni,

http://notizie.tiscali.it/esteri/articoli/intervista-generale-tricarico-regeni/


 


 


 


 


 


 


 

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

—-Messaggio originale—-
Da: p.delablanca14@gmail.com
Data: 25-ago-2017 23.50
Ogg: Fwd: SIRIA: El Derecho a la Verdad (Recopilación)

 

                                                                      Ojos para la Paz

 

 

Estupendo video recopilatorio, directo y claro sobre Siria, que nos envía desde Chile nuestro compañero Pablo Ruiz, del Observatorio para el cierre de la Escuela de las Américas. Sobre la campaña orquestada contra Siria y el engaño de los medios de “comunicación”.  Interesante el apartado que dedica a los Cascos Blancos y a su fundador, James le Mesurier, exmilitar británico, vinculado a contratas de mercenarios, y relacionado con los Blakwater -ahora llamado Academy- . A uno de sus representantes, que viajó a los Estados Unidos para recibir un homenaje -como el que les hizo el Ayuntamiento de Madrid-  se le negó la entrada en ese país, ya que estaba en una lista de terroristas y era peligroso. Son peligrosos en los EE.UU. pero los financian para que operen en Siria? Claro.  Los Cascos Blancos están financiados por EE.UU. y los paises de la OTAN

SIRIA: El Derecho a la Verdad (Recopilación)

 

Presentamos en esta recopilación una sería de pequeños videos sobre la situación de SIRIA que vienen a desmentir tantas “verdades” de los grandes medios de información que engañan a la población y la comunidad internacional para justificar su guerra contra el gobierno legitimo en SIRIA:

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.