Crisi energetica: Gli europei avranno l’intelligenza comune di capire che sono stati fregati dagli USA?

Di seguito il parere di MK Bhadrakumar sulle conseguenze economiche per i paesi europei derivanti dal coinvolgimento sia pure indiretto nella guerra Russia-Ucraina. MK Bhadrakumar è un diplomatico indiano con esperienza trentennale di cui la metà passata in paesi come la Russia. L’articolo è apparso sul suo blog. Ve lo proponiamo nella versione tradotta da Sabino Paciolla.

 

Il 1° luglio, alla Casa Bianca, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha rivelato in modo sorprendente che “l’idea che saremo in grado di premere un interruttore, abbassando il costo della benzina, non è probabile nel breve termine”.

Gli esportatori di gas americani si sono posizionati di conseguenza per colmare il vuoto che si creerà quando l’Europa abbandonerà le importazioni russe. Il Financial Times ha riportato di recente che “i produttori di gas naturale liquefatto degli Stati Uniti hanno annunciato una serie di accordi per incrementare le esportazioni, mentre l’industria capitalizza la carenza che ha lasciato l’Europa con una crescente crisi energetica”.

Gli accordi sono così vantaggiosi che Cheniere, il principale esportatore di gas americano, ha deciso di investire per portare avanti un progetto che aumenterà la sua capacità di oltre il 20% entro la fine del 2025, anticipando accordi di fornitura a lungo termine e bloccando gli acquisti di gas statunitense nei prossimi decenni. I produttori di gas statunitensi starebbero facendo funzionare gli impianti a pieno ritmo per aumentare le forniture all’UE.

Gli Stati Uniti hanno superato per la prima volta la Russia come primo fornitore di gas dell’Europa. Sebbene il GNL (Gas Naturale Liquido, ndr) proveniente dagli Stati Uniti sia venduto all’Europa a costi molto più elevati rispetto al gas di gasdotto proveniente dalla Russia, i Paesi dell’UE non hanno scelta.

Con le forniture russe attraverso Nord Stream ad appena il 40% della capacità e con l’interruzione completa delle forniture per la manutenzione annuale dall’11 al 21 luglio, le prospettive per la fornitura di gas russo all’Europa a breve termine appaiono desolanti.

La Germania ha avvertito del rischio che il gas del Nord Stream non ritorni affatto dopo la manutenzione. In ogni caso, le forniture russe all’Europa sono ai minimi storici e “sono destinate a rimanere limitate fino al terzo trimestre”, secondo S&P Global.

La Germania si sta avviando verso una grave crisi economica. Il capo della Federazione tedesca dei sindacati ha dichiarato nel fine settimana: “Intere industrie rischiano di collassare per sempre a causa delle strozzature del gas – in particolare le industrie chimiche, del vetro e dell’alluminio, che sono i principali fornitori del settore automobilistico”. È probabile una disoccupazione massiccia. Quando la Germania starnutisce, ovviamente, l’Europa prende freddo – non solo l’Eurozona, ma anche la Gran Bretagna post-Brexit.

Benvenuti alle “sanzioni infernali” dell’Unione Europea. Gli Stati Uniti hanno letteralmente trascinato gli europei nella crisi ucraina. Quante volte il Segretario di Stato Antony Blinken si è recato in Europa in quei mesi critici che hanno preceduto l’invasione russa dell’Ucraina per assicurarsi che la porta di qualsiasi colloquio significativo con il Cremlino rimanesse chiusa! E le compagnie energetiche americane oggi fanno profitti a palate vendendo gas agli europei. Gli europei non avranno l’intelligenza comune di capire che sono stati fregati?

Ora Biden si è lavato le mani dalla crisi del gas. In una conferenza stampa tenutasi a Madrid il 30 giugno, ha dichiarato bruscamente che tale premio sul prezzo del petrolio continuerà “finché sarà necessario, in modo che la Russia non possa, di fatto, sconfiggere l’Ucraina e andare oltre l’Ucraina”. Questa è una posizione critica, critica per il mondo. Siamo qui. Perché abbiamo la NATO?”.

La narrazione controfattuale di Biden è che le sanzioni contro la Russia alla fine funzioneranno e che una lunga guerra in Ucraina sarebbe la rovina della Russia. La narrazione statunitense è che se si guarda sotto il cofano dell’economia russa, questa potrebbe non essere abbastanza flessibile e piena di risorse da sviluppare uno spirito imprenditoriale da bunker e adottare nuovi modelli di business per neutralizzare le sanzioni. Biden è convinto che l’economia russa sia in mano a mafie industriali poco innovative e che, quindi, non ci siano molte opzioni per la Russia sotto le sanzioni occidentali.

Biden ha dichiarato a Madrid: “Guardate l’impatto che la guerra in Ucraina ha avuto sulla Russia… I russi hanno perso 15 anni di guadagni in termini di economia… Non possono nemmeno – sapete, hanno – avranno problemi a mantenere la produzione di petrolio perché non hanno la tecnologia per farlo. Hanno bisogno della tecnologia americana. E si trovano in una situazione simile anche per quanto riguarda i loro sistemi di armamento e alcuni dei loro sistemi militari. Quindi stanno pagando un prezzo molto, molto alto per questo”.

Ma anche se fosse così, in che modo tutto ciò può aiutare gli europei? D’altra parte, i calcoli strategici del Presidente Putin in merito alla guerra sono ancora in corso. Le forze russe hanno compiuto progressi indiscutibili nello stabilire il pieno controllo di Luhansk. Lunedì Putin ha dato il via libera alla proposta dei comandanti dell’esercito di lanciare “operazioni offensive”. A cinque mesi dall’inizio della guerra, gli ucraini stanno guardando alla sconfitta e i generali dell’esercito russo lo sanno.

La Russia non è entrata in Ucraina impreparata. Evidentemente, ha preso misure precauzionali sia prima che dopo la guerra per proteggere la sua economia. E questo permette all’economia russa di assestarsi su una “nuova normalità”. Le opzioni di Washington sono piuttosto limitate in queste circostanze. Fondamentalmente, le sanzioni occidentali non affrontano le cause del comportamento russo e quindi sono destinate a non risolvere il problema.

Di sicuro, Putin ha in serbo per Biden alcune brutte sorprese in vista delle elezioni di metà mandato di novembre. Biden presume allegramente di controllare tutte le variabili della situazione. La spensieratezza non è mai una base razionale per la politica di Stato.

Ieri, la regione di Kherson, strategicamente importante e confinante con la Crimea, ha formato un nuovo governo con il primo vice primo ministro della regione russa di Kaliningrad a capo del gabinetto e cittadini russi tra i suoi deputati. Ora che il sistema di razzi a lancio multiplo HIMARS, contrariamente a quanto promesso da Biden, sta facendo esplodere le città russe, ci si aspetta un’importante rappresaglia russa.

Il percorso delle operazioni offensive russe è stato ridisegnato per includere anche Kharkov e Odessa, oltre al Donbass. L’influente politico del Cremlino e presidente della Duma Vyacheslav Volodin ha dichiarato martedì,

“Alcune persone si chiedono quale sia il nostro obiettivo e quando tutto questo finirà. Finirà quando le nostre città e paesi pacifici non saranno più oggetto di bombardamenti. Quello che stanno facendo è costringere le nostre truppe a non fermarsi ai confini delle repubbliche di Lugansk e Donetsk (Donbass) perché i colpi (sulle regioni russe) provengono dalle regioni di Kharkov e da altre regioni dell’Ucraina”.

Per quanto tempo Biden pensa che gli europei vorranno essere coinvolti in una prolungata guerra per procura con la Russia? La Bild ha riferito domenica che il 75% degli intervistati tedeschi vede i recenti aumenti dei prezzi come un pesante fardello, mentre il 50% ha dichiarato di ritenere che le proprie condizioni economiche stiano peggiorando; un tedesco su due teme la mancanza di riscaldamento nel prossimo inverno a causa della riduzione delle forniture di gas russo e dell’aumento dell’inflazione nell’Unione Europea.

Tuttavia, Biden afferma che la guerra andrà avanti “finché sarà necessario” e la carenza di carburante continuerà “finché sarà necessario”. Si prevede che l’economia europea inizierà a contrarsi nel corso della seconda metà del 2022 e la recessione potrebbe continuare almeno fino all’estate del 2023.

Gli analisti della JP Morgan Chase, la banca d’investimento statunitense, hanno affermato la scorsa settimana che la Russia potrebbe anche provocare aumenti “stratosferici” del prezzo del petrolio se usasse i tagli alla produzione come ritorsione. Ha dichiarato: “La rigidità del mercato petrolifero globale è dalla parte della Russia”. Gli analisti hanno scritto che i prezzi potrebbero più che triplicare fino a 380 dollari al barile se la Russia tagliasse la produzione di 5 milioni di barili al giorno.

Il decreto di Putin della scorsa settimana è inquietante: il Cremlino ha assunto il pieno controllo del progetto petrolifero e del gas Sakhalin-2 nell’Estremo Oriente russo. Gazprom, di proprietà dello Stato, deteneva una quota del 50% più una azione del progetto e i suoi partner stranieri includevano Shell (27,5%), Mitsui (12,5%) e Mitsubishi (10%). Il decreto stabilisce che Gazprom manterrà la sua quota di maggioranza, ma gli investitori stranieri dovranno chiedere al governo russo una partecipazione nella nuova impresa entro un mese o saranno espropriati. Il governo deciderà se approvare o meno le richieste.

Questo sconvolgerà ulteriormente i mercati energetici e metterà a dura prova il mercato del GNL, e può essere visto come una mossa per esercitare maggiore pressione sull’Occidente, limitando contemporaneamente le forniture di gas all’Europa e creando una maggiore domanda di GNL in Asia che sottrarrà le forniture attualmente destinate all’Europa. Sakhalin-2 fornisce circa il 4% del mercato globale del GNL!

L’unica parte dell’agenda degli Stati Uniti che sta andando bene sembra essere quella non dichiarata: gli stessi obiettivi anglo-americani che Lord Ismay una volta aveva previsto come la ragione dell’esistenza della NATO – “tenere i russi fuori, gli americani dentro e i tedeschi giù”.

(Traduzione Sabino Paciolla) 8/07/2022

Crisi energetica: Gli europei avranno l’intelligenza comune di capire che sono stati fregati dagli USA? – Il blog di Sabino Paciolla

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi