La crisi in Ucraina non ferma Mosca nella transizione al mondo multipolare

Andrew Korybko – 30/08/2022

Drills & Development: Moscow Is Mixing Military & Economic Diplomacy In Its Far East (substack.com)

‎L’ultima fase provocata dagli Stati Uniti del conflitto ucraino non ha costretto la Russia ad abbandonare l’Asia, ma ha effettivamente accelerato l’espansione globale della sua influenza lì, come dimostrato dall’ultima pratica coordinata della sua diplomazia militare ed economica in Estremo Oriente.‎

‎La ‎‎transizione sistemica globale verso il multipolarismo‎‎ ha visto i paesi praticare in modo creativo varie forme di diplomazia al fine di massimizzare la loro autonomia strategica durante questo periodo caotico nelle relazioni internazionali. Un esempio perfetto di questo è l’impiego della diplomazia militare ed economica da parte della Russia nel suo Estremo Oriente, come esemplificato dalle esercitazioni militari Vostok 2022 lì dal 1 al 7 settembre e dal settimo Forum economico orientale (EEF) che si terrà nella capitale regionale di Vladivostok dal 5 all’8 dello stesso mese.‎

‎La tempistica non è casuale dal momento che i pianificatori strategici russi intendevano che queste due forme di diplomazia si sovrapponessero. Il primo menzionato vedrà Cina, India e molti altri paesi partecipare a esercitazioni multilaterali in questa regione geo-cardine del nord-est asiatico, mentre il secondo riguarda gli sforzi di Mosca per incoraggiare lo sviluppo più guidato dall’Asia di questa fascia ricca di risorse ma in gran parte sottosviluppata del più grande paese del mondo.‎

‎A metà agosto, “‎‎Putin ha spiegato il ruolo della diplomazia militare russa nel rafforzamento del multipolarismo‎‎”, che in questo contesto si riferisce all’organizzazione di esercitazioni con i suoi partner multipolari che la pensano allo stesso modo al fine di migliorare la loro interoperabilità in vari scenari. Per quanto riguarda la sua imminente pratica di diplomazia economica, l’obiettivo ‎‎non dichiarato‎‎ è che l’India sviluppi in modo completo la regione dell’Estremo Oriente della Russia come ‎‎ricompensa non ufficiale per il suo sostegno‎‎ negli ultimi sei mesi e per ‎‎”bilanciare” pacificamente la Cina‎‎.‎

‎Nel complesso, la convergenza prepianificata della diplomazia militare ed economica della Russia in Estremo Oriente ha lo scopo di dimostrare che dà priorità alla sicurezza e allo sviluppo di questa regione geo-cardine dell’Indo-Pacifico. Lungi dall’essere “irrilevante” in questa parte del mondo come il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti lo ritrae falsamente come, la Russia è una forza seria i cui interessi sono riconosciuti e rispettati da una vasta gamma di parti interessate multipolari come Cina, India e altri.‎

‎Questo è fondamentale da tenere a mente mentre la Russia lavora alla fusione della sua grande strategia eurasiatica con quella indo-pacifica del suo partner strategico indiano speciale e privilegiato. Queste due grandi potenze si stanno già unendo sulla più grande massa terrestre del mondo attraverso lo sviluppo congiunto del corridoio di ‎‎trasporto nord-sud‎‎ (NSTC) che transita nel territorio del loro ‎‎partner iraniano condiviso‎‎, ma devono ancora compiere progressi tangibili nello sviluppo della sua controparte vladivostok-Chennai Maritime Corridor (VCMC).‎

‎Questo è pronto a cambiare durante l’EEF di quest’anno, come è stato accennato in precedenza, mentre il significato per la sicurezza di quella stessa regione dovrebbe anche crescere a causa della partecipazione della vicina Cina alle esercitazioni Vostok 2022 considerando ‎‎le tensioni provocate dagli americani ma guidate dai giapponesi‎‎ a cui questi due sono stati costretti a rispondere. Questo background strategico rende più facile per gli osservatori occasionali capire perché la Russia ha pianificato di praticare contemporaneamente la sua diplomazia militare ed economica in questo momento specifico.‎

‎La tendenza più ampia è che ‎‎la Russia ha davvero ripristinato il suo status storico di potenza mondiale‎‎ esattamente come il presidente Putin ha dichiarato alla fine di agosto poiché è indiscutibilmente in grado di far avanzare i suoi diversi interessi in tutta l’Eurasia. L’ultima ‎‎ fase ‎‎provocata dagli Stati Uniti‎‎ del ‎‎conflitto‎‎ ‎‎ucraino‎‎ ‎‎ non lo ha costretto ad abbandonare l’Asia, ma ha effettivamente accelerato l’espansione globale della sua influenza lì, come dimostrato dall’ultima pratica coordinata della sua diplomazia militare ed economica in Estremo Oriente.‎

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi