Ministero degli Esteri russo: la NATO può provocare incidenti militari nell’Artico

TASS, 2 Ottobre 2022

МИД РФ: НАТО может спровоцировать военные инциденты в Арктике – Интервью ТАСС (tass.ru)

 

La NATO ha recentemente annunciato l’intenzione di aumentare la sua presenza nella regione artica. L’ambasciatore in generale del ministero degli Esteri russo, il presidente del Comitato degli alti funzionari artici Nikolai Korchunov ha parlato in un’intervista con TASS dell’attività dell’alleanza nell’Artico, della sicurezza della rotta del Mare del Nord e dei preparativi per il Forum artico internazionale di San Pietroburgo.

A dicembre, San Pietroburgo dovrebbe ospitare un forum internazionale sull’Artico, originariamente previsto per aprile. C’è la possibilità che, sullo sfondo di una difficile situazione internazionale, il forum venga nuovamente rinviato? Quali ospiti stranieri sono stati invitati a partecipare al forum?

— Nel dicembre 2022, il prossimo forum internazionale “L’Artico: il presente e il futuro” si terrà a San Pietroburgo, organizzato dall’organizzazione pubblica “Associazione degli esploratori polari” sotto la guida del Rappresentante speciale del Presidente della Federazione Russa per la cooperazione internazionale nell’Artico e nell’Antartico Artur Chilingarov. Consideriamo questo forum come un’importante piattaforma internazionale che dà un contributo costruttivo alla discussione di temi di attualità dello sviluppo della cooperazione nell’Artico, compresa quella internazionale. Vorrei sottolineare che questo forum è organizzato da un’organizzazione non governativa e tradizionalmente ha un’agenda depoliticizzata incentrata sulla risoluzione di problemi urgenti nella regione artica.

Tradizionalmente, la comunità internazionale, i circoli scientifici e di esperti sono ampiamente rappresentati in questo forum. Speriamo che quest’anno questo evento sarà frequentato da una vasta gamma di partecipanti.

– Tenendo conto dei disaccordi della Russia con i paesi del Consiglio artico, con quali stati Mosca è pronta a sviluppare progetti congiunti nell’Artico? Qualcuno dei partner stranieri ha mostrato interesse per questa cooperazione?

“La Russia persegue una politica multi-vettore di cooperazione nella regione artica ed è pronta al dialogo con tutti i paesi che condividono un approccio costruttivo all’interazione nell’interesse dello sviluppo sostenibile della regione artica. Vediamo che anche nella fase attuale, l’interesse dei partner stranieri a sviluppare la cooperazione in questa regione continua senza sosta.

— In precedenza, lei ha parlato del suo interesse ad approfondire la cooperazione con i partner orientali su progetti infrastrutturali nel settore energetico nella regione artica. Sono stati raggiunti accordi in questa direzione, con quali paesi?

— I progetti infrastrutturali nel settore dell’energia nella regione artica sono a lungo termine e, soprattutto, commerciali, la cui composizione dei partecipanti si forma nel corso dei contatti e dei negoziati pertinenti, il cui corso e i cui risultati non vorrei anticipare.

— A suo parere, la mancanza di cooperazione con altri paesi del Consiglio artico comporta sfide e minacce per la rotta del Mare del Nord (RSN)? O non è correlato in alcun modo?

“La Federazione Russa, come di fatto l’unico operatore della NSR, prende tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza della navigazione su questa autostrada in conformità con le norme del diritto internazionale e le disposizioni della legislazione russa. Di conseguenza, la mancanza di interazione con altri paesi artici non può avere un impatto critico sull’attuazione delle misure per lo sviluppo della rotta del Mare del Nord. A proposito, il 1 ° agosto 2022, il presidente del governo della Federazione Russa Mikhail Mishustin ha approvato il piano di sviluppo della rotta del Mare del Nord per il periodo fino al 2035.

– (EN) Prima lei ha parlato del rafforzamento dell’attività della NATO nell’Artico. Quali misure sono state adottate per porre fine alle minacce al funzionamento stabile della rotta del Mare del Nord?

“Posso assicurarvi che tutte le misure necessarie sono state prese militarmente che tengono conto della crescente attività della NATO nell’Artico negli ultimi anni e consentono di prevenire minacce alla navigazione civile nelle acque della rotta del Mare del Nord.

Pensa che uno scontro militare tra Russia e NATO sia possibile nella regione artica?

Prima di tutto, vorrei sottolineare che la Russia non può che essere preoccupata per un aumento significativo dell’attività della NATO nell’Artico, compresi i paesi membri extraregionali dell’alleanza, ad esempio il Regno Unito. Inoltre, come ha dimostrato la recente dichiarazione del Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, anche la cooperazione economica della Russia con i paesi non artici della regione (la Repubblica popolare cinese), che è posizionata dagli occidentali come una minaccia alla sicurezza di questo blocco, viene utilizzata come pretesto per aumentare la presenza dell’Alleanza alle alte latitudini.

Tale tendenza, in assenza di dialogo con la partecipazione di tutti gli Stati artici, aumenta naturalmente il grado di conflitto e può provocare incidenti militari nella regione. Allo stesso tempo, la Russia, in quanto il più grande paese artico che attua un’agenda su larga scala nell’interesse dello sviluppo di questa regione, sta facendo e continuerà a fare tutto il possibile per prevenire tali incidenti.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi