Andriy Bystritsky: “Il rifiuto di Zelensky di negoziare comporta un enorme rischio di escalation”

MOSCA, 4 ottobre. /TASS/.

Эксперт считает, что отказ Зеленского от переговоров несет колоссальный риск эскалации (tass.ru)

Il decreto del presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky, che mette in atto la decisione del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale (NSDC) sull’impossibilità di tenere colloqui con il leader russo Vladimir Putin, taglia la strada a una soluzione pacifica e comporta enormi rischi di escalation del conflitto con un aumento del numero di vittime. Questa opinione è stata condivisa con TASS martedì dal Presidente del Consiglio della Fondazione per il Sostegno e lo Sviluppo del Valdai Discussion Club Andrei Bystritsky.

“La situazione con questa dichiarazione di Zelensky è diventata estremamente aggravata. Così, sta cercando di vendicarsi della Russia per aver riconosciuto i referendum nelle regioni DPR, LPR, Zaporozhye e Kherson sull’adesione alla Federazione Russa e sull’accettazione di questi territori”, ha detto. Ma una tale reazione del presidente ucraino, a suo parere, è estremamente pericolosa. “Perché di fatto Kiev riceve, anche dal Presidente della Federazione Russa, proposte per un cessate il fuoco virtuale. E potrebbe arrivare proprio ora”, ritiene l’esperto.

Secondo lui, Zelensky, con il suo decreto, ha tagliato la strada ai negoziati, “de facto ha portato la situazione al fatto che i negoziati possono essere considerati irrealistici”. “Ciò significa un enorme rischio di escalation della guerra, la crescita della violenza, il numero di vittime”, ha sottolineato Bystritsky.

L’esperto ritiene che rimanga una domanda importante: se questa decisione sia un’iniziativa indipendente di Zelensky o se sia stata approvata dai suoi curatori dei paesi occidentali e degli Stati Uniti. “Se questa dichiarazione sull’impossibilità di negoziare viene concordata con i paesi occidentali, allora, ovviamente, avremo a che fare con una drammatica escalation. Ciò significa che siamo sull’orlo di una vera grande guerra. Se questo non è concordato, allora vedremo come si comporterà Zelensky quando riceverà una sorta di reazione dai suoi partner occidentali “, ha detto Bystritsky.

A sua volta, il vicedirettore dell’Istituto dei paesi della CSI Vladimir Zharikhin ritiene che questa dichiarazione di Zelensky non sia altro che una forte PR. “Questa è un’altra azione di pubbliche relazioni del presidente ucraino, che, dal punto di vista della legislazione, compresa l’ucraina, sembra dubbia, anche se brillante”, ha detto l’esperto. Allo stesso tempo, a suo parere, Kiev, dichiarando la sua riluttanza a negoziare al più alto livello, non implica né il ritiro dal dialogo sullo scambio di prigionieri, né il rifiuto di estendere l’accordo sul grano.

Martedì, Zelensky ha messo in atto la decisione dell’NSDC sull’impossibilità di tenere colloqui con Putin. Il decreto corrispondente è stato pubblicato sul sito web dell’ufficio del presidente ucraino.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi