Putin: “L’operazione militare era l’unica via possibile per proteggere la popolazione russa in Ucraina”

Andrew Korybko – 24/12/2022

Putin Explained Why He Had No Choice But To Protect The Russian Population In Ukraine (substack.com)

 

Il presidente Putin ha inaspettatamente tenuto una conferenza stampa di vasta portata giovedì, durante la quale ha spiegato perché non aveva altra scelta che proteggere la popolazione russa in Ucraina, tra gli altri argomenti importanti che ha discusso. Il leader russo ha regolarmente riaffermato questa motivazione umanitaria dietro l’operazione speciale del suo paese, ma questa volta lo ha fatto in modo molto più dettagliato del solito. Il presente articolo analizzerà ogni parte della sua risposta, dopo di che verranno condivisi alcuni pensieri finali.

———-

Lei ha chiesto se è possibile parlare di un maggiore coinvolgimento degli Stati Uniti nel conflitto in Ucraina. Penso che dobbiamo esaminare il problema in modo più ampio. Cosa intendo nello specifico e perché? Perché gli Stati Uniti lo fanno da molto tempo – sono stati a lungo coinvolti nei processi che si svolgono nello spazio sovietico e post-sovietico. “

Il presidente Putin ha immediatamente inserito l’attuale fase del conflitto ucraino nel suo giusto contesto storico ricordando al suo pubblico le sue vere origini, sottolineando che tutto può essere ricondotto all’ingerenza americana nell’ex Unione Sovietica.

* “In epoca sovietica interi istituti lavoravano in Ucraina, e si resero pienamente conto dello sfondo del problema. Hanno specialisti esperti e profondi che lo sanno professionalmente. Ripeto, il terreno è stato gettato durante il periodo sovietico; Le persone sono state selezionate, i significati sono stati definiti e così via. Non voglio entrare nei dettagli a questo punto – questo non è il formato giusto in cui si può andare in profondità nella storia del problema. Detto questo, è ancora chiaro da dove provenga tutto questo“.

Ha poi costruito sull’intuizione precedente spiegando il modus operandi in gioco, in particolare l’influenza che le forze esterne hanno esercitato nell’esacerbare le differenze di identità preesistenti attraverso i loro servizi di intelligence.

L’unità del mondo russo è una questione molto sottile. Divide et impera – questo slogan è stato usato nei tempi antichi ed è ancora attivamente utilizzato nella politica reale. Questo è il motivo per cui […] i nostri avversari hanno sempre sognato questo e sono sempre stati impegnati in questo. Hanno cercato di dividerci e poi gestire le parti separate”.

Il presidente Putin ha poi detto esplicitamente ciò a cui aveva finora accennato, vale a dire che il gioco finale americano è sempre stato quello di far avanzare la classica strategia del divide et impera contro l’ex Unione Sovietica e il suo stato successore della Federazione Russa.

* “Cosa c’è di nuovo qui? L’idea del separatismo ucraino è nata da sola molto tempo fa, quando eravamo ancora un solo paese. Sai, ho sempre detto che se qualcuno decide che si è formato un gruppo etnico separato e vuole vivere in modo indipendente, per l’amor di Dio, è impossibile andare contro la volontà del popolo”.

Ciò a cui si riferisce specificamente rispetto alla sua posizione precedentemente articolata è il suo magna opus dell’estate 2021 “Sull’unità storica di russi e ucraini“, che ha riaffermato la sua fede nell’indipendenza dell’Ucraina, sebbene come uno stato veramente sovrano e non un intermediario di potenze ostili come gli Stati Uniti.

Ma se è così, questo principio deve essere universale ed è impossibile andare contro la volontà di persone che si sentono in una realtà diversa, che si considerano parte del popolo russo e del mondo russo, che credono di far parte di questa cultura, di questa lingua e di questa storia e di queste tradizioni. Nessuno può combatterli”.

È qui che il presidente Putin ha iniziato a spiegare la motivazione umanitaria dietro l’operazione speciale del suo paese attirando l’attenzione sul fatto che i doppi standard non dovrebbero essere applicati agli ucraini e ai russi quando si tratta del diritto all’autodeterminazione sancito dalle Nazioni Unite.

Ma una guerra è stata scatenata contro di loro nel 2014. Intendo una guerra. Ecco di cosa si trattava. Cos’è stato quando i centri di milioni di città sono stati colpiti dall’aria? Che cosa è stato quando le truppe con l’armatura sono state schierate contro di loro? Era una guerra, operazioni di combattimento. Abbiamo sopportato tutto questo, sopportato e sopportato, nella speranza di un accordo di pace. Ora si scopre che siamo stati semplicemente ingannati. Quindi, un paese come gli Stati Uniti è stato coinvolto in questo per molto tempo. Molto tempo”.

Non lo dice direttamente, ma l’ultima parte del passaggio precedente suggerisce quanto si senta deluso dalla sua ex amica intima Merkel per aver ammesso che Minsk era solo uno stratagemma per riarmare Kiev prima della sua offensiva finale pianificata sul Donbass, che aveva lo scopo di porre fine in modo decisivo alla guerra civile ucraina.

* “In questo senso, è possibile dire che conducendoci agli eventi attuali, hanno raggiunto l’obiettivo desiderato. Da parte nostra, non avevamo altra scelta che le azioni intraprese alla fine dello scorso febbraio. Sì, questa è stata la logica che ha plasmato gli sviluppi, ma il nostro obiettivo primario è proteggere le persone che – lasciatemelo ripetere – si sentono parte della nostra nazione, parte della nostra cultura”.

Il presidente Putin ha dato l’esempio in questa parte dissipando il pio desiderio che in precedenza aveva consigliato ai previsori strategici russi di non indulgere dopo aver riconosciuto di essere stato effettivamente ingannato dalla Merkel su Minsk, nonostante alcuni nella comunità dei media alternativi continuassero a insistere sul fatto che non lo fosse.

* “Che cosa credevamo una volta? Credevamo che ok, l’URSS ha cessato di esistere. Ma, come ho detto alla riunione del Consiglio del Ministero della Difesa di ieri, pensavamo che le nostre radici storiche comuni, il nostro background culturale e spirituale sarebbero stati più forti di ciò che ci separa, e tali forze sono sempre esistite. Abbiamo dato per scontato che ciò che ci unisce fosse più forte. Ma no, non era così, a causa dell’assistenza di forze esterne e del fatto che persone con opinioni nazionaliste estreme sono salite al potere fondamentalmente dopo il crollo dell’Unione.

Qui aggiunge all’intuizione precedente spiegando il processo mentale dei politici russi che hanno inavvertitamente contribuito a tutti loro, incluso se stesso, ingannati dalla Merkel nell’indulgere in un pio desiderio su Minsk e cadendo in fantasie politiche ben intenzionate sull’Ucraina.

E questa divisione stava peggiorando continuamente con l’aiuto di queste forze e nonostante tutti i nostri sforzi. Come ho detto una volta, all’inizio siamo stati separati, separati e poi messi l’uno contro l’altro. In questo senso, hanno ottenuto risultati, naturalmente, e in questo senso è stato una specie di fiasco per noi. Non ci è rimasto nient’altro. Forse siamo stati deliberatamente portati a questo, a questo baratro. Ma non avevamo nessun posto dove ritirarci, questo è il problema“.

Il presidente Putin ha dimostrato ancora una volta di non riconoscere apertamente le sue carenze politiche descrivendo la complicata situazione in cui la Russia è stata costretta alla vigilia della sua operazione speciale come “una sorta di fiasco per noi”, il che è vero e testimonia il fallimento dell’approccio precedente del suo paese.

* “Erano sempre pienamente coinvolti; Hanno fatto del loro meglio. Ora non ricordo, ma puoi leggerlo nei libri di storia. Uno dei deputati della Duma di Stato zarista ha detto, se vuoi perdere l’Ucraina, aggiungi la Galizia. E questo è quello che è successo alla fine; Si è rivelato un visionario. Perché? Perché le persone di quella parte si comportano in modo molto aggressivo e in realtà sopprimono la maggioranza silenziosa nel resto di quel territorio”.

Elaborando un po ‘di più sul motivo per cui la Russia è stata portata in un tale “fiasco”, ha sottinteso che è in parte perché i politici hanno sottovalutato l’influenza degli ucraini iper-nazionalisti dell’ex regione polacca della Galizia orientale sul resto del paese, il cui problema era previsto un secolo fa.

Ma ancora una volta, credevamo che le fondamenta sottostanti della nostra unità sarebbero state più forti delle tendenze che ci stanno lacerando. Ma si è scoperto che non era così. Hanno iniziato a sopprimere la cultura russa e la lingua russa, hanno cercato di rompere la nostra unità spirituale in modi totalmente barbari. E facevano finta che nessuno se ne accorgesse. Perché? Perché, come ho detto, la loro strategia era quella di dividere e governare“.

Tornando alla sua ragione principale per sollevare le origini dell’ultima fase del conflitto ucraino, il presidente Putin ha spiegato come gli ucraini iper-nazionalisti della Galizia hanno violentemente imposto la loro identità ai loro compatrioti russi, che gli Stati Uniti hanno sostenuto come parte del loro complotto divide et impera.

Un’unificazione del popolo russo è indesiderabile. Nessuno lo vuole. D’altra parte, la nostra disunione li renderebbe felici; Continuerebbero volentieri a farci a pezzi. Ma la nostra unificazione e il nostro consolidamento sono cose che nessuno vuole, tranne noi, e lo faremo e ci riusciremo”.

L’ultima parte della sua risposta sul ruolo dell’America nel provocare l’operazione speciale della Russia riassume la grande motivazione strategica dell’egemone unipolare in declino e la contrasta con quella del suo paese, dichiarando che Mosca non sarà mai sconfitta nel suo tentativo di unire il popolo russo.

———-

Chiaramente, le motivazioni umanitarie hanno giocato un ruolo importante nella decisione del Presidente Putin di iniziare l’operazione speciale del suo paese. Era parzialmente guidato dal desiderio di difendere i diritti umani dei suoi co-etnici in Ucraina dopo che i protettori occidentali del suo regime hanno sostenuto la violenta violazione di Kiev come parte di quella guerra ibrida de facto del blocco della Nuova Guerra Fredda contro la Russia. La guerra civile ucraina ha quindi posto la Russia in una posizione strategicamente svantaggiosa che ha costretto il presidente Putin ad agire.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi