Olocausto, USA bravi a condannare il paragone di Lavrov ma restano in silenzio per quello di Zelensky

Andrew Korybko – 19/01/2023

The US’ Holocaust Games: Condemn Lavrov’s Comparison But Remain Silent After Zelensky’s (substack.com)

 

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti John Kirby ha finto indignazione dopo che il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha accusato il suo paese di “usare l’Ucraina per condurre una guerra per procura contro la Russia con il vecchio obiettivo di risolvere finalmente la ‘questione russa’, come Hitler, che cercava una soluzione finale alla ‘questione ebraica’”. Quel paragone ha spinto Kirby a condannare con rabbia il principale diplomatico russo, ma le sue parole alla fine sono suonate vuote se si considera la sua reazione completamente opposta a quella di Zelensky dell’anno scorso.

Ecco cosa ha detto giovedì il funzionario americano in risposta a una domanda sulla battuta di Lavrov: “La nostra prima reazione è come osa paragonare qualcosa all’Olocausto, qualsiasi cosa. Per non parlare di una guerra che hanno iniziato. È quasi così assurdo che non vale la pena rispondere, a parte il modo veramente offensivo in cui ha cercato di presentarci in termini di Hitler e dell’Olocausto”. Al contrario, Kirby era totalmente silenzioso quando Zelensky ha evocato l’Olocausto mentre si rivolgeva agli israeliani in video 10 mesi fa.

A quel tempo, il leader ucraino disse loro di “ascoltare le parole del Cremlino. Stanno usando la terminologia dei nazisti. La soluzione finale alla questione ebraica la ricordate bene. Ascoltate cosa stanno dicendo ora a Mosca. Ora vengono usate di nuovo queste parole, la Soluzione Finale, ma ora sono dirette a noi, sulla questione dell’Ucraina. Ne parlano apertamente sui siti ufficiali e sui media”.

Ciò a sua volta ha spinto l’ex primo ministro israeliano Naftali Bennett a rimproverare pubblicamente Zelensky dicendogli che “è vietato paragonare qualsiasi cosa all’Olocausto”, che è stata anche l’essenza della risposta del Ministero degli Esteri israeliano all’ultimo paragone di Lavrov a quel genocidio nazista. L’intera amministrazione Biden è rimasta in silenzio, tuttavia, Kirby incluso. Nessuno di loro ha osato seguire l’esempio dell’allora premier israeliano condannando Zelensky, che oggi è divinizzato da loro come un “dio secolare”.

Questo contrasto tra le reazioni dei funzionari americani ai rispettivi paragoni con l’Olocausto di Lavrov e Zelensky espone i modi in cui gli Stati Uniti armano quel crimine storico. I burattini americani sono autorizzati a riferirlo ai mercanti di paura su quei leader e sui loro paesi che sfidano l’agenda dell’egemone unipolare in declino in modo da generare sostegno pubblico per gli sforzi di contenimento prepianificati, mentre a quei leader presi di mira e ai loro paesi è proibito dire lo stesso dei burattini americani.

Nel momento in cui lo fanno, gli Stati Uniti fingono indignazione come ha fatto Kirby nel fingere di condannare sempre chiunque paragoni qualcosa all’Olocausto, che ha lo scopo di manipolare le percezioni degli occidentali medi implicando che chiunque abbia fatto riferimento a questo è presumibilmente antisemita. Indipendentemente da ciò che si pensa della reazione di Israele a coloro che lo fanno, almeno è coerente nel condannare sia Zelensky che Lavrov, a differenza degli Stati Uniti che armano due pesi e due misure per scopi di infowar.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi