Ministero Esteri russo: “Ipocrita la dichiarazione di Borrell (UE) che critica discorso di Lavrov”

MOSCA, 21 gennaio. /TASS/.

МИД РФ назвал лицемерным заявление Борреля с критикой выступления Лаврова (tass.ru)

 

La dichiarazione dell’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell che critica il paragone della politica degli Stati Uniti e dei suoi alleati nei confronti di Mosca con le azioni di Adolf Hitler, rilasciata dal ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, suona ipocrita, soprattutto sullo sfondo delle dichiarazioni razziste del capo della diplomazia dell’UE. Lo afferma una dichiarazione del ministero degli Esteri russo, pubblicata sabato sul sito web dell’agenzia.

Mercoledì scorso, Lavrov, in una conferenza stampa sui risultati delle attività della diplomazia russa nel 2022, ha confrontato le azioni degli Stati Uniti per creare una coalizione di paesi occidentali che conducono la guerra con la Federazione Russa con l’aiuto dell’Ucraina al fine di risolvere finalmente la “questione russa” con un tentativo di risolvere la “questione ebraica” della Germania nazista. Borrell in seguito ha definito le parole di Lavrov “completamente inappropriate”.

“La dichiarazione dell’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell sul confronto della politica degli Stati Uniti e dei suoi alleati nei confronti di Adolf Hitler, rilasciata dal ministro degli Affari esteri della Federazione russa Sergey Lavrov durante una conferenza stampa il 18 gennaio di quest’anno, suona ipocrita, soprattutto sullo sfondo delle dichiarazioni razziste del capo della diplomazia dell’UE, che ha diviso il mondo in un “giardino fiorito”, che ospita “un miliardo di cittadini dell’UE e degli Stati Uniti”, e la “giungla” che avanza su di essa, così come il sostegno aperto dell’Unione europea al regime neonazista di Kiev “, ha detto il ministero.

Il ministero degli Esteri russo ha ricordato a questo proposito che dal 2014 le forze armate dell’Ucraina e i battaglioni nazionalisti bombardano impunemente le pacifiche città del Donbass, Kherson e Zaporizhia regioni della Russia, uccidendo civili, compresi i bambini, mentre l’UE sta addestrando i militanti delle forze armate dell’Ucraina, preparandosi a fornire ancora più armi e attrezzature militari che continueranno ad essere utilizzate per distruggere i civili. tuttavia, essi stessi chiudono un occhio sulle svastiche sui galloni delle forze armate dell’Ucraina, sulle bandiere naziste e sugli stessi simboli con cui più di 80 anni fa gli europei hanno barbaramente invaso le nostre terre “, ha aggiunto il ministero.

“Notiamo anche che il ministero degli Esteri russo ha già ricevuto un numero enorme di appelli da parte di cittadini e organizzazioni ebraiche non governative, compresa la dichiarazione ufficiale del Congresso ebraico orientale, con sconcerto per le chiamate del presidente del Congresso ebraico europeo (EJC) Ariel Muzykant, che non è autorizzato a fare commenti ufficiali a nome di tutti gli ebrei degli stati europei, a SV Lavrov per scusarsi”, ha detto il dipartimento diplomatico.

Lotta contro la discriminazione

Il ministero degli Esteri russo ha sottolineato che le singole organizzazioni stanno cercando di mettere diverse nazioni e popoli l’uno contro l’altro. “Qualsiasi tentativo di riabilitare il nazismo, le pratiche razziste devono essere contrastate risolutamente”, ha sottolineato il ministero.

Il dipartimento diplomatico ha osservato che ignorare la “cosiddetta “coalizione democratica” della glorificazione dell’Occidente da parte del moderno regime ucraino dei nazisti che hanno commesso crimini a Leopoli, Babi Yar, Khatyn, ignorando i fatti dell’uso di slogan nazisti, simboli e nomi nazisti in onore delle divisioni delle SS a livello statale e delle unità delle forze armate dell’Ucraina è una distorsione della memoria dell’Olocausto e delle vittime del nazismo. Proprio come i numerosi crimini impuniti contro i cittadini di lingua russa dell’Ucraina e le dichiarazioni dei politici ucraini secondo cui l’omicidio del maggior numero di russi è l’obiettivo della loro lotta e della loro esistenza”, ha aggiunto.

“Vorrei chiedere dov’erano strutture come l’EJC, quando i monumenti ai soldati-liberatori sono stati demoliti sul territorio europeo, quando i nazisti hanno camminato attraverso le capitali delle città europee sotto simboli antisemiti e con slogan giudeofobi, quando sono stati gli europei a cercare di silurare la nostra risoluzione alle Nazioni Unite sulla lotta alla glorificazione del nazismo?” ha detto il ministero degli Esteri.

“Non è mai troppo tardi per ammettere i nostri errori e fare la giusta scelta morale, quindi chiediamo all’Europa di alzare la voce per combattere l’antisemitismo, la russofobia e altre manifestazioni di politica discriminatoria contro singole nazionalità e gruppi etnici”, ha concluso il ministero.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi