L’ex consigliere di Zelensky rischia la vita per dire agli ucraini la verità

Andrew Korybko – 22/01/2023

Zelensky’s Former Advisor Is Risking His Life To Tell Ukrainians The Truth (substack.com)

 

L’ex consigliere di Zelensky, Alexey Arestovich, che si è dimesso sotto un’immensa pressione dopo aver inavvertitamente ammesso la colpevolezza di Kiev nella tragedia di Dnipropetrovsk / Dnipro di questo mese, sta rischiando la vita per dire agli ucraini la verità sulla guerra per procura della NATO contro la Russia. Secondo lui, è improbabile che la sua parte prevalga in questo conflitto dal momento che Kiev ha già presumibilmente perso molte opportunità politico-militari che la Russia ha finito per cogliere e che quindi l’hanno resa superiore sotto alcuni aspetti, ha detto.

Con questo in mente, Arestovich ha dato credito al terribile avvertimento del presidente polacco Andrzej Duda che l’Ucraina potrebbe alla fine non sopravvivere all’operazione speciale della Russia, che secondo questo ex consigliere avrebbe potuto essere condivisa con il mondo “sulla base di una sorta di informazione (segreta)”. Questa osservazione provocatoria suggerisce che Zelensky e i suoi simili stanno nascondendo la dura verità al popolo ucraino, le cui insinuazioni rompono tutti i tabù del loro paese e quindi mettono la vita di Arestovich in pericolo immediato.

È andato anche oltre, insinuando che la squadra del suo ex capo è piena di lotte intestine quando dice che “Siamo invincibili solo finché non siamo alla gola l’uno dell’altro. Quando questo accade, siamo praticamente vincibili, in breve tempo e inaspettatamente per noi stessi”. Ciò è particolarmente scandaloso alla luce dell’incidente in elicottero della scorsa settimana fuori Kiev che ha finito per uccidere il ministro dell’Interno Denis Monastyrsky e la sua squadra, in particolare dopo che Zelensky ha detto a Davos che “non ci sono incidenti in tempo di guerra”.

Arestovich ha sempre avuto una vena indipendente anche durante il suo precedente mandato come capo propagandista de facto dell’Ucraina, ma ora è totalmente diventato “canaglia” nel contesto della cosiddetta “correttezza politica” del suo paese. Non si preoccupa più di nascondere la verità, ma sta invece rivelando ciò che il suo ex capo ovviamente preferirebbe tenere nascosto, vale a dire che è improbabile che Kiev batta la Russia esattamente come il presidente del Joint Chiefs of Staff degli Stati Uniti Mark Milley ha dichiarato il giorno prima.

Tutti gli scettici che dubitavano della valutazione dell’alto funzionario militare americano, pienamente in linea con quella della leadership polacca che era stata articolata nei giorni precedenti l’ammissione di Milley, dovrebbero ora essere convinti della sua veridicità dopo che l’ex consigliere di Zelensky ha appena esteso la sua credibilità. La rivelazione implicita di Arestovich che ci sono gravi lotte intestine nel governo ucraino e l’insinuazione che il ministro dell’Interno potrebbe essere stato ucciso come risultato di ciò è ciò che ha davvero attraversato la linea rossa di Kiev, tuttavia.

Una cosa è ripetere ciò che i funzionari americani e polacchi hanno appena detto, non importa quanto “politicamente scorretto”, e un’altra è suggerire che le lotte intestine ucraine non sono solo letali per coloro che sono stati catturati nel fuoco incrociato risultante (forse anche letteralmente come nel caso di Monastyrsky), ma è anche responsabile della probabile perdita della guerra per procura di Kiev contro la Russia. Nessun funzionario ucraino fino a quel momento, sia ex che attualmente in servizio, aveva osato condividere queste dure verità.

Il precedente periodo di Arestovich come capo propagandista de facto dell’Ucraina lo ha portato a generare un’enorme fiducia tra le masse che rimane ancora in vigore nonostante il suo cosiddetto “passo falso” della scorsa settimana in cui ha inavvertitamente ammesso la colpevolezza di Kiev nella tragedia di Dnipropetrovsk / Dnipro. La gente crede a quello che dice, motivo per cui Zelensky e i suoi simili probabilmente considereranno le sue ultime parole come una minaccia diretta al loro potere, ergo il motivo per cui Arestovich potrebbe presto essere assassinato dall’SBU a meno che non fugga prima.

C’è anche la possibilità, per quanto esigua possa essere, che alcuni elementi dei potenti servizi di intelligence militare dell’Ucraina lo sostengano. In questo scenario, potrebbe finire sotto la loro protezione e quindi essere autorizzato a continuare a sganciare le sue bombe della verità su Zelensky, il cui scopo sarebbe quello di generare sentimenti antigovernativi in vista di un cambio di regime contro di lui (sia democraticamente prima delle prossime elezioni della primavera 2024 o attraverso una rivoluzione colorata o anche una sorta di colpo di stato).

In ogni caso, non ci dovrebbe essere alcun dubbio che Arestovich stia letteralmente rischiando la vita per dire agli ucraini la dura verità che hanno così urgente bisogno di sentire. È improbabile che Kiev batta la Russia, la cui previsione si allinea con le ultime valutazioni pubbliche dei funzionari americani e polacchi, e questo risultato è indiscutibilmente dovuto in parte alle feroci (e potenzialmente anche letali) lotte intestine che affliggono la leadership ucraina. Arestovich ha quindi fatto un servizio patriottico, ma alla fine potrebbe pagarlo con la sua vita.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi