Lavrov (Russia) parla di scambio prigionieri, di Taiwan, ONU, nucleare iraniano

La Russia è pronta a discutere lo scambio di prigionieri con gli Stati Uniti, ma solo all’interno di un canale negoziato dal presidente russo Vladimir Putin e dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Se gli americani ricorrono alla diplomazia pubblica, è “il loro problema”, ha detto venerdì ai giornalisti il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

L’alto diplomatico ha detto che la logica di Washington nella situazione intorno alla visita della presidente della Camera Nancy Pelosi a Taiwan è “strana” e ha osservato che il segretario di Stato americano Antony Blinken non ha mostrato alcun interesse per i contatti con la sua controparte russa durante gli eventi dell’ASEAN a Phnom Penh.

Ecco le dichiarazioni chiave che Lavrov ha fatto mentre era in Cambogia.

Sullo scambio di prigionieri

La Russia è pronta a discutere lo scambio di prigionieri con gli Stati Uniti, ma solo all’interno di un canale, negoziato dai due leader nazionali: “Se gli americani decidono ancora una volta di ricorrere alla diplomazia pubblica e di fare annunci forti che intendono fare qualche passo, allora sono affari loro, e direi anche, il loro problema. Gli americani spesso non rispettano gli accordi su un tranquillo lavoro professionale su questo e molti altri argomenti”.

Sulla prossima Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Gli Stati Uniti manipolano i loro obblighi come paese ospitante del quartier generale delle Nazioni Unite. Recentemente, il ministro degli Esteri russo ha inviato una lettera su questo tema al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, “che deve far sì che il paese ospitante si comporti correttamente”.

Mosca non sa ancora, quale sarà il livello di rappresentanza della Russia durante la prossima Assemblea Generale delle Nazioni Unite: “Se sarà una delegazione di Mosca, o se […] i nostri colleghi americani ostacoleranno l’arrivo della nostra delegazione nel senso del loro ‘amore per la libertà’, vedremo”, ha detto Lavrov.

“La Russia non può non essere rappresentata alle Nazioni Unite, e non spetta agli Stati occidentali deciderlo”, ha aggiunto.

Sul riferimento di Blinken

Il Segretario di Stato americano ha fatto riferimento alla Carta delle Nazioni Unite per la prima volta “in molti anni”, quando ha affermato che l’integrità territoriale e la sovranità degli Stati sono sacre: “a quanto pare, si può fare riferimento anche alla Carta delle Nazioni Unite, quando vogliono giustificare quelle azioni totalmente minatorie che le Nazioni Unite hanno intrapreso e continuano a intraprendere per creare minacce per la Russia dal territorio ucraino”.

Sulla visita di Pelosi a Taiwan

Ci sono state molte “dichiarazioni scintillanti” durante l’incontro sulla situazione nello Stretto di Taiwan dopo la visita di Nancy Pelosi: “ci sono state osservazioni piuttosto taglienti fatte dai nostri partner cinesi, che sosteniamo. E ci sono state controdichiarazioni da parte degli Stati Uniti e del Giappone che non è affare della Cina, e che la politica dichiarata di sostenere il principio “una sola Cina” non significa che debbano chiedere il permesso a Pechino di visitare Taiwan. Questa è una strana logica, a dire il vero”.

Sulla politica degli Stati Uniti nell’Asia-Pacifico

La creazione di strutture come AUKUS da parte degli Stati Uniti rappresenta una minaccia per i formati aperti dell’ASEAN, e il blocco militare stesso viene utilizzato “per promuovere gli interessi della NATO nella regione indo-pacifica”.

Recentemente, Washington ha proposto un’alternativa al partenariato economico ASEAN, con solo sette Stati membri dell’ASEAN invitati: “questa è una dimostrazione di non inclusività, ma esclusività delle strutture proposte, dove vengono invitati solo quelli a cui non creeranno troppi problemi, che non enfatizzeranno troppo il loro punto di vista, e accetterà invece il punto di vista di chi prende le decisioni, effettivamente, da solo”.

Sull’accordo nucleare iraniano

La Russia sostiene l’Iran sull’accordo nucleare e gli Stati Uniti devono tornare agli accordi iniziali: “gli americani cercano di rendere un piano modificato oggetto di un nuovo accordo, mentre gli iraniani insistono sul fatto che tutto deve essere proprio come è stato approvato nel 2015. Credo che la posizione dell’Iran sia totalmente legittima”.

Sulla situazione nel Nagorno-Karabakh

Mosca non ha ancora visto le proposte del primo ministro armeno Nikol Pashinyan sui dettagli della missione di mantenimento della pace russa in Nagorno-Karabakh, ma “qualsiasi parte […] naturalmente ha il diritto di proporre ulteriori iniziative”, ha detto Lavrov.

PHNOM PENH, 5 agosto. /TASS/

Scambio di prigionieri, contatti con gli Usa: dichiarazioni di Lavrov in Cambogia – Russian Politics & Diplomacy – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi