Tetto al prezzo del petrolio russo, potrebbero esserci conseguenze imprevedibili

Andrew Korybko – 03/12/2022

There Might Be Unpredictable Consequences From Capping Russian Oil (substack.com)

 

L’Occidente prevede di imporre il suo limite di prezzo di 60 dollari al barile sul petrolio russo a partire dal 5 dicembre. L’intento dichiarato di intromettersi in questo aspetto del mercato petrolifero è presumibilmente quello di privare la Russia dei fondi necessari per continuare la sua operazione speciale in Ucraina. Questa grave decisione è stata presa dopo che le sanzioni occidentali per tutto quest’anno non sono riuscite a raggiungere lo stesso obiettivo, ma è probabile che abbia conseguenze imprevedibili.

Prima di prevedere quali potrebbero essere, è importante informare il lettore sui meccanismi di applicazione del price cap proposto. Coloro che continuano a importare petrolio russo al di sopra di quel prezzo non sono autorizzati a utilizzare servizi occidentali come assicurazioni e spedizioni per facilitare tali transazioni, altrimenti saranno sanzionati. Ciò suggerisce che i governi occidentali possono semplicemente monitorare quelle società per vedere chi le sta usando per quale fine dopo il 5 dicembre, in modo tale da decidere se viola le loro regole.

A proposito di questi, questa politica incarna il loro concetto del cosiddetto “ordine basato sulle regole” in cui vengono applicati arbitrariamente due pesi e due misure per promuovere gli interessi dell’Occidente. Da un lato, questi paesi affermano di sostenere il libero scambio, mentre dall’altro minacciano di sanzionare coloro che continuano ad acquistare petrolio russo al prezzo di mercato. Qui sta una delle prime conseguenze di questa politica che l’Occidente non aveva previsto, vale a dire che scredita il suo soft power.

In secondo luogo, è improbabile che il prezzo del petrolio russo mandi in bancarotta il Cremlino, per non parlare di influenzare in alcun modo il corso della sua operazione speciale. Per quanto riguarda la prima previsione, ciò è dovuto al fatto che il Cremlino ha ricevuto entrate record quest’anno nonostante le sanzioni dovute all’aumento dei prezzi dell’energia, mentre la seconda è spiegata dal fatto che la sua leadership considera questa campagna per difendere l’integrità delle sue linee rosse di sicurezza nazionale in Ucraina dopo che la NATO le ha attraversate lì.

La terza conseguenza imprevedibile è che il mercato petrolifero globale viene radicalmente rimodellato a causa dell’incombente tetto dei prezzi. Sebbene la Russia abbia già perso il 90% del mercato europeo, sta compensando con un aumento delle esportazioni verso i paesi dell’Asia-Pacifico come l’India, che h aimportato letteralmente cinquanta volte più petrolio rispetto allo scorso anno. Nel frattempo, l’abbandono forzato della Russia dal mercato europeo ha lasciato un vuoto che gli Stati Uniti hanno riempito dopo che le sue esportazioni di petrolio sono aumentate del 52,2%.

In quarto luogo, il radicale rimodellamento del mercato petrolifero globale causato dall’ingerenza politica dell’Occidente potrebbe anche rimodellare radicalmente quello globale del gas a beneficio degli Stati Uniti. L’UE è stata messa sotto pressione dagli Stati Uniti per ridurre le sue importazioni di gas russo e sostituire tale risorsa con GNL più costoso dal suo alleato della NATO. Ciò è ironico dal momento che l’intento dichiarato di “disaccoppiamento” dalla Russia era quello di non essere più sproporzionatamente dipendente da un singolo fornitore, ma ora l’UE dipende invece dagli Stati Uniti.

Il tema della dipendenza porta l’analisi alla quinta conseguenza legata all’imminente tetto dei prezzi, ed è che la Turchia potrebbe diventare una via alternativa per le continue importazioni informali di petrolio russo da parte dell’Europa. Un rapporto di novembre del Centro finlandese per la ricerca sull’energia e l’aria pulita ha sostenuto che la Turchia ha venduto petrolio russo raffinato all’UE per tutto quest’anno. Se fosse vero, allora questa strada potrebbe aiutare il blocco a soddisfare la domanda senza diventare troppo dipendente dagli Stati Uniti.

Sesto, tutte le intuizioni precedenti suggeriscono che la politica dell’Occidente non raggiungerà il suo intento dichiarato di mandare in bancarotta la Russia e quindi influenzare la sua operazione speciale, anche se probabilmente sarà comunque considerata parzialmente riuscita. A tal fine, l’emergente stallo militare in Ucraina causato dalla limitata capacità militare-industriale dell’Occidente di mantenere la portata, la scala e il ritmo del sostegno al suo partner e l’inizio dell’inverno saranno probabilmente pubblicamente attribuiti al tetto dei prezzi per convenienza politica.

Per riassumere, limitare il prezzo del petrolio russo: scredita il soft power dell’Occidente contraddicendo i suoi principi di libero mercato; rimodellerà radicalmente il mercato globale dell’energia; ma non manderà in bancarotta il Cremlino o influenzerà la sua operazione speciale; eppure sarà probabilmente spacciato per responsabile di qualsiasi diminuzione dei combattimenti. Gli Stati Uniti stanno anche sfruttando il rispetto di questa politica da parte dell’UE per trarre profitto dalla conquista dei mercati del blocco. Tutto sommato, si può dire che questa mossa imminente è quindi un grande gioco di potere americano sotto mentite spoglie.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi