Perché Kiev pressa la Germania affinchè le invii un considerevole numero di carri armati?

Andrew Korybko – 19/09/2022 (traduzione automatica)

Why’s Kiev So Insistent On Germany Sending It A Bunch Of Battle Tanks? (substack.com)

Kiev sta lavorando mano nella mano con i suoi mecenati congiunti americano-polacchi per manipolare la Germania in un dilemma di soft power intrattabile che danneggerà i suoi interessi indipendentemente da qualsiasi cosa faccia.

La guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso l’Ucraina è indiscutibilmente guidata dagli Stati Uniti, che hanno fornito la parte del leone dell’equipaggiamento militare su cui Kiev fa affidamento in questa campagna. Nessuno dei membri del blocco è considerato avere qualcosa di simile alla qualità delle armi di cui l’America dispone. Naturalmente, Washington vuole ancora che tutti svolgano un ruolo al fine di consolidare la base anti-russa su cui questo blocco è stato originariamente costruito, ma i suoi interessi nel farlo sono puramente politici e non militari come è stato appena spiegato.

Questo aggiunge un contesto strategico al motivo per cui Kiev è così delusa che la Germania ha rifiutato di inviarle un gruppo di carri armati da battaglia e continua a insistere sul fatto che lo faccia il prima possibile, anche se Berlino sarebbe la prima a inviare tali attrezzature in quello scenario, cosa che è scomodo fare. Zelensky arrivò persino a dire che la Germania dovrebbe dimenticare il suo passato nazista, abbandonare la sua colpa di guerra e andare oltre queste “barriere psicologiche”, ecco quanto vuole i suoi carri armati. Al contrario, non ha esercitato alcuna pressione sui suoi principali mecenati statunitensi per inviare invece attrezzature equivalenti.

Ciò che sta realmente accadendo è che Kiev e Washington, la seconda delle quali secondo quanto riferito considera Berlino “inaffidabile” ora che sta esitando a inviare carri armati e altre armi, hanno messo il leader de facto dell’UE in difficoltà. Da un lato, il rifiuto di inviare più equipaggiamento militare – incluso essere il primo a trasferire carri armati all’avanguardia – gioca nella narrativa di cui il primo ministro polacco Morawiecki ha recentemente parlato riguardo alla presunta inaffidabilità della Germania come alleato, ma dall’altro, farlo gioca nell’altro che pubblicizza la minaccia tedesca.

Il primo mira a ridurre la fiducia nella leadership tedesca in modo che la Polonia possa posizionarsi come partner più affidabile per gli Stati dell’Europa centrale e orientale (CEE) mentre si ritaglia una “sfera di influenza” attraverso la “Three Seas Initiative” (3SI). Il secondo, nel frattempo, manipola il trauma storico sulla precedente aggressione della Germania al fine di posizionare la Polonia come l’unica potenza in grado di proteggere la CEE. Indipendentemente da ciò che fa Berlino, finisce per fare il gioco di Varsavia, che a sua volta fa avanzare gli interessi di Kiev e Washington nel sostituire l’attuale ruolo della Germania nella regione.

Tutti e tre – gli Stati Uniti, la Polonia e il loro “protettorato” ucraino congiunto (con il quale la Polonia si è recentemente fusa ufficiosamente in una confederazione de facto) – sono uniti nei loro sforzi per continuare a esercitare la massima pressione sulla Germania affinché faccia il passo senza precedenti di inviare carri armati a Kiev. Come è stato citato in precedenza, gli Stati Uniti considerano Berlino “inaffidabile” dal momento che deve ancora farlo, Kiev è “delusa”, e il massimo diplomatico di Varsavia ha appena ipotizzato che il ritardo nell’invio di armi lì in generale (come l’attesa di 30 mesi sugli obici) faccia parte di un complotto per evitare di attraversare la “linea rossa” della Russia.

A questo proposito, il Cremlino ha accusato il leader de facto dell’UE di averlo già fatto attraverso le sue precedenti spedizioni di armi letali, ma c’è sempre la possibilità teorica che quei due possano ancora sistemare le cose finché la Germania rimane riluttante a prendere l’iniziativa nell’invio di carri armati da battaglia come vogliono i suoi “alleati”. Amplificare pubblicamente questi sospetti come ha appena fatto il ministro degli Esteri Rau ha lo scopo di mettere contemporaneamente più pressione su Berlino e allo stesso tempo alimentare la paura delle sue grandi intenzioni strategiche, entrambe le quali giocano nel dilemma narrativo-soft power che è stato precedentemente spiegato in questo articolo.

Anche nell’improbabile eventualità che la Germania capitolasse immediatamente a questa pressione e svuotasse le sue rimanenti scorte di carri armati regalando tutto a Kiev, non avrebbe comunque reso felici i suoi “alleati”. Avrebbero semplicemente definito quello sviluppo “troppo poco, troppo tardi” e avrebbero incolpato la riluttanza di Berlino a farlo per le precedenti battute d’arresto in quel conflitto, immaginando che non sarebbero accadute se la Germania avesse fatto subito ciò che chiedevano. Questi tre paesi non avrebbero mai smesso di ricordare a tutti quanto tempo ci è voluto perché la Germania inviasse quell’attrezzatura, continuando così a dipingerla come inaffidabile.

Allo stesso tempo, avrebbero anche diffuso la narrativa opposta nei confronti della Russia esagerando il presunto nuovo impegno della Germania in quel conflitto per procura al fine di modellare le condizioni di soft power entro le quali sarebbe impossibile per quei due avviare un riavvicinamento. Se Berlino conclude che questo scenario già inverosimile non vale più la pena di essere preso sul serio, allora potrebbe essere costretta dallo slancio strategico-militare a fare ancora di più per Kiev in un tentativo fuorviante di darsi un vantaggio nella competizione improvvisamente feroce per l’influenza regionale con Varsavia.

L’intuizione precedente che è stata condivisa finora consente di rispondere con sicurezza alla domanda che ha guidato questa analisi. Kiev è così insistente sul fatto che la Germania le invii un gruppo di carri armati perché sta lavorando mano nella mano con i suoi mecenati congiunti americano-polacchi per manipolare Berlino in un dilemma di soft power intrattabile che danneggerà i suoi interessi indipendentemente da qualsiasi cosa faccia. Rimanendo riluttante a soddisfare le sue richieste senza precedenti, Berlino gioca nella narrativa di Varsavia che è un alleato inaffidabile, mentre capitolare a loro gioca nella sua narrativa di una minaccia tedesca e peggiora anche i legami con Mosca.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi