Il rifiuto di Israele di armare Kiev scredita cinque narrazioni occidentali sul conflitto ucraino

Andrew Korybko – 19/10/2022

Israel’s Refusal To Arm Kiev Discredits Five Western Narratives About The Ukrainian Conflict (substack.com)

 

Il ministro della Giustizia israeliano Gideon Saar ha ribadito martedì che “il nostro sostegno all’Ucraina non include sistemi d’arma e armi – e non vi è alcun cambiamento in questa posizione”, dimostrando così che il pragmatismo strategico ha prevalso sull’opportunismo politico interno su questa delicata questione. “Israele farebbe un errore geostrategico irreversibile armando Kiev“, come ho scritto ieri, dal momento che attraversare la linea rossa della Russia avrebbe spinto Mosca a ritirare tutti gli ostacoli per l’Iran in Siria e quindi prevedibilmente portare a un’escalation delle tensioni regionali per procura. Questo scenario reciprocamente dannoso è stato appena evitato dopo che gli Stati Uniti e Kiev non sono riusciti a dividere e governare ancora una volta Russia e Israele.

Questo sviluppo scredita le seguenti cinque narrazioni occidentali sul conflitto ucraino:

1. Tutte le democrazie in stile occidentale non sono senza riserve in piena solidarietà militare con Kiev

Il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti non può più affermare che questo conflitto è una lotta per procura tra democrazia e dittatura dopo che Israele, che lo stesso blocco della Nuova Guerra Fredda considera la cosiddetta “unica democrazia in Medio Oriente”, ha rifiutato di inviare armi al procuratore di Washington.

2. Israele non crede che la Russia stia compiendo un secondo Olocausto

Israele avrebbe già armato Kiev se avesse veramente creduto alle precedenti insinuazioni di Zelensky secondo cui la Russia sta compiendo un secondo Olocausto in Ucraina, ma l’ex primo ministro Bennett lo ha rimproverato all’epoca per aver fatto un paragone “proibito” e quindi ha completamente screditato questa notizia falsa altamente offensiva.

3. Israele non considera l’Ucraina come una scena di rivalità per procura con l’Iran

Indipendentemente dal fatto che ci sia qualche verità nelle affermazioni secondo cui l’Iran ha fornito alla Russia una tecnologia di droni rivoluzionaria, Israele chiaramente non considera quelle voci rilevanti per la sua più ampia rivalità per procura con l’Iran poiché non ritiene che abbiano alcun impatto sulla sua sicurezza nazionale.

4. I voti anti-russi delle Nazioni Unite non equivalgono automaticamente alle politiche anti-russe

Nonostante abbia votato contro la Russia alle Nazioni Unite, Israele non ha dato seguito a politiche anti-russe come rispettare le relative sanzioni degli Stati Uniti o armare Kiev, il che dimostra che parlare è a buon mercato e che andare contro Mosca in quell’organismo globale non implica nulla di più che un servizio verbale a Washington.

5. Israele è veramente indipendente dagli Stati Uniti

Gli Stati con una vera autonomia strategica non sacrificheranno mai unilateralmente i loro interessi nazionali oggettivi, non importa quanto intensamente i loro alleati li pressino, il che conferma che Israele è genuinamente indipendente dagli Stati Uniti proprio come lo sono UngheriaArabia Saudita e Turchia, a differenza degli Stati dell’UE.

Cinque osservazioni relative all’intuizione di cui sopra concluderanno ora la presente analisi.

In primo luogo, la “correttezza politica” occidentale infonde in Israele un’autorità morale indiscutibile. In secondo luogo, la sfida dello Stato ebraico alle pressioni degli Stati Uniti porta a un dilemma in base al quale non può essere criticato senza sfidare il dogma precedente. In terzo luogo, accusare Israele di avere “secondi fini” come si sostiene su Ungheria, Arabia Saudita e Turchia, potrebbe suscitare preoccupazioni sull'”antisemitismo” e quindi sarà probabilmente evitato. In quarto luogo, il modo “politicamente corretto” in cui sarà gestita la sfida di Israele alla pressione degli Stati Uniti potrebbe semplicemente vedere la questione essere ampiamente ignorata dai media. E infine, coloro che lo guardano andare giù nel “buco della memoria” si renderanno conto che la narrativa occidentale sull’Ucraina è piena di bugie.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi