Un cessate il fuoco russo-ucraino non è uno scenario così inverosimile

Andrew Korybko – 07/11/2022 (traduzione automatica)

A Russian-Ukrainian Ceasefire Isn’t As Far-Fetched Of A Scenario As Many Might Think (substack.com)

 

L’ultima fase del conflitto ucraino, che è in realtà una guerra per procura della NATO guidata dagli Stati Uniti contro la Russia attraverso l’ex Repubblica Sovietica, potrebbe finire con un cessate il fuoco prima di quanto molti potrebbero aspettarsi. Al momento, entrambe le parti continuano a perseguire ufficialmente risultati massimalisti, ma una sorta di stallo si sta rapidamente assestando lungo la Linea di Controllo (LOC). Ciò è dovuto a tre fattori: la parziale mobilitazione della Russia di riservisti esperti che fortificano il LOC; la distruzione delle infrastrutture energetiche ucraine che sta creando il caos socio-economico e militare dietro la LOC; e le limitate capacità militari-industriali dell’Occidente che portano a un’inevitabile riduzione della scala, della portata e del ritmo del sostegno letale a Kiev.

In mezzo alla convergenza di queste tre tendenze interconnesse, gli Stati Uniti stanno già segnalando la loro apertura ad andare ufficiosamente oltre il risultato massimalista del loro procuratore nel conflitto ucraino. Ciò è evidenziato da tre recenti sviluppi: la psy-op dell’élite democratica al potere volta a manipolare il pubblico nel pensare che la suddetta riduzione del sostegno militare sia dovuta a un’altra cospirazione del Russiagate; l’amministrazione Biden avrebbe fatto pressione su Zelensky affinché facesse marcia indietro sul suo divieto autoimposto di tenere colloqui con la Russia; e l’interesse segnalato dagli Stati Uniti nel far mediare all’India un nuovo round di colloqui tra Kiev e Mosca quando sarà il momento giusto.

L’ultimo sviluppo riportato dal New York Times porta con sé un significato smisurato dal momento che il ministro degli Esteri indiano Jaishankar (EAM) è in visita a Mosca dal 7 all’8 novembre, durante il quale dovrebbe discutere la gamma della partnership strategica della sua crescente potenza con la Russia. Pertanto, non dovrebbe essere visto come una coincidenza che il suo viaggio sia stato preceduto il giorno prima dal loro articolo sulla possibilità che l’India mediasse la pace tra i delegati ucraini degli Stati Uniti e la Russia. Con ogni probabilità, sonderà la possibilità che il suo paese svolga un ruolo del genere quando sarà il momento giusto, il che potrebbe essere imminente per le ragioni menzionate nei due paragrafi precedenti.

Visto che gli osservatori prevedono che i repubblicani otterranno importanti guadagni politici dopo le midterm di martedì, il “pretesto pubblico” potrebbe quindi essere stabilito per gli Stati Uniti di ridurre i loro aiuti militari a Kiev, come è stato spiegato in precedenza a causa delle limitate capacità del suo complesso militare-industriale. Prima che ciò accada, ne consegue che gli Stati Uniti hanno interesse a esplorare quanto la Russia sarebbe ricettiva nei confronti dell’India nel ruolo di mediazione che il New York Times ha riportato il giorno prima del viaggio di EAM Jaishankar a Mosca. Non c’è dubbio che il Cremlino sarebbe d’accordo su questo considerando la vicinanza senza precedenti delle loro relazioni che si sono ampiamente ampliate da febbraio.

L’India è emersa con successo come il kingmaker geostrategico nella Nuova Guerra Fredda tra il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e il Sud globale guidato congiuntamente da BRICS e SCO di cui fa parte come risultato del suo attento equilibrio tra i due blocchi de facto. Avere Delhi mediare tra i delegati di Mosca e Washington a Kiev confermerebbe pubblicamente che l’India è davvero la forza equilibratrice insostituibile nella transizione sistemica globale, che si allinea con gli interessi della Russia e degli Stati Uniti. Ognuno vuole accelerare l’ascesa del proprio partner condiviso come polo indipendente di influenza nell’ordine mondiale emergente, anche se per ragioni diverse, a tal fine è probabile che accettino di dare all’India questo ruolo diplomatico fondamentale.

Naturalmente, ci sono anche diverse variabili che potrebbero compensare questo scenario reciprocamente vantaggioso per raggiungere eventualmente un cessate il fuoco nel conflitto ucraino. Alcuni elementi etno-fascisti del governo di Kiev potrebbero sabotare il processo di pace, così come i loro mecenati nel Regno Unito, che ha i suoi interessi nel perpetuare indefinitamente questa guerra per procura che potrebbe potenzialmente metterlo in contrasto con gli Stati Uniti. Inoltre, anche quelli all’interno delle burocrazie militari, di intelligence e diplomatiche permanenti degli Stati Uniti (“stato profondo”) che hanno interessi simili nel continuare quel conflitto potrebbero ostacolare questo scenario. Non dovrebbe quindi essere dato per scontato che l’India medierà un cessate il fuoco.

Tuttavia, l’ultima sequenza di eventi che è stata spiegata nei primi due paragrafi di questa analisi, insieme al fatto che tutto è accaduto nel periodo precedente al viaggio di EAM Jaishankar a Mosca, suggerisce fortemente che alcuni influenti politici americani stanno almeno prendendo seriamente in considerazione questo possibile scenario. Gli Stati Uniti probabilmente continueranno a sostenere le ultime offensive di Kiev lungo il LOC per il resto del mese in corso, ma potrebbero poi accontentarsi di far mediare all’India un cessate il fuoco qualche tempo dopo, specialmente dopo che il previsto Congresso repubblicano entrerà in carica a gennaio. Naturalmente resterà da vedere cosa succederà, ma niente di tutto questo è così inverosimile come molti potrebbero pensare.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi