Lavrov: “L’Europa costruisce la sicurezza contro la Russia”

MOSCA, 1 dicembre. /TASS/.

О готовности Москвы услышать Киев и неверии в Запад. Ответы Лаврова на пресс-конференции (tass.ru)

 

Il sistema di sicurezza europeo nella sua forma attuale non può essere ripristinato – dovrà essere creato di nuovo, e la Russia non è sicura che l’Occidente “troverà la forza e la ragione” per questo, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in una conferenza stampa giovedì.

Ha osservato che Mosca non “chiede negoziati” con Kiev per guadagnare tempo, e gli attacchi russi sono inflitti solo a quegli oggetti delle infrastrutture ucraine da cui dipende il potenziale militare. Lavrov ha anche sottolineato il coinvolgimento diretto degli Stati Uniti e della NATO nel conflitto e ha annunciato l’imminente funerale dell’OSCE e del Consiglio d’Europa “paralizzato”.

TASS ha raccolto le principali tesi del ministro.

Sulla crisi della sicurezza europea

politici europei stanno cercando di costruire la sicurezza senza Russia e Bielorussia, ma Mosca non ha bisogno di tale “sicurezza”: “L’intera sicurezza dell’Europa ora si riduce al fatto che è completamente subordinata agli Stati Uniti”.

Ripristinare il sistema di sicurezza europeo, anche se i paesi occidentali lo vogliono, non funzionerà: “Ricostruzione significa tornare a qualcosa che c’era prima. Ma non ci sarà business “as usual”. Quando e se l’Occidente capirà che è meglio coesistere su una base reciprocamente concordata, ascolteremo ciò che l’Occidente ha da offrire”. Mosca, tuttavia, dubita che i leader occidentali “troveranno forza e ragione”.

Il problema risale alla fine del secolo scorso, quando l’Occidente sperava che la Russia non avrebbe riconquistato la sua posizione in Europa, e procedeva dal fatto che “la fine della storia è arrivata, come si diceva allora, e ora tutto sarà secondo le regole della democrazia liberale”. E dopo la fine della Guerra Fredda, “l’istinto di base” di Washington e Bruxelles – il desiderio di dominare tutti gli affari mondiali – non è scomparso.

A proposito della “tomba” per l’OSCE

L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa è in attesa di un imminente collasso: la presidenza svedese “ha iniziato a preparare i funerali”, e quest’anno sta “scavando diligentemente la fossa” della Polonia (il cui ministero degli Esteri, in particolare, ha negato l’ingresso alla delegazione russa guidata da Lavrov alla riunione del Consiglio dei ministri dell’OSCE dell’1-2 dicembre).

L’Occidente, sotto il cui controllo si trova già l’organizzazione, preferisce “scavare linee divisorie” e “dove scavano, puoi seppellire qualcuno”, e questo è probabile che sia l’OSCE.

Un’altra struttura paneuropea, il Consiglio d’Europa (da cui la Russia ha annunciato il suo ritiro il 15 marzo), è già stata “paralizzata dall’Occidente senza possibilità di ripresa”.

Sulle ragioni dell’operazione militare e dei negoziati

L’operazione militare speciale è stata il risultato del rifiuto degli Stati Uniti di discutere le garanzie di sicurezza proposte dalla Russia l’anno scorso: “Non ci piaceva solo [il presidente ucraino Volodymyr] Zelensky, perché ha smesso di giocare in KVN”.

Mosca non ha mai chiesto colloqui con Kiev “per guadagnare tempo e raccogliere ulteriori forze”: “Non abbiamo mai chiesto alcun negoziato, ma abbiamo sempre detto che se qualcuno ha interesse a una soluzione negoziata, siamo pronti ad ascoltare”.

A marzo, sono state le autorità ucraine ad avviare i negoziati e a consegnare un documento con cui la Russia era d’accordo: “Eravamo pronti a negoziare con loro sui principi che si sono presentati, ma non è stato loro permesso di farlo, perché la guerra non ha ancora portato abbastanza arricchimento a coloro che la supervisionano, che la conducono, e questo è fatto principalmente dagli Stati Uniti e, naturalmente, gli inglesi”.

Sull’interferenza occidentale in Ucraina

Gli Stati Uniti e la NATO sono direttamente coinvolti nel conflitto in Ucraina – non solo fornendo “armi letali per uccidere i russi”, ma anche addestrando personale militare e identificando la “stragrande maggioranza degli obiettivi” che Kiev sta colpendo.

Tale interferenza mette le potenze nucleari sull’orlo della collisione, e se un conflitto tra loro “qualcuno progetta di iniziare mezzi convenzionali, il rischio di escalation in una guerra nucleare sarà enorme”.

Mosca attacca solo quegli oggetti da cui dipendono il potenziale di combattimento delle forze armate dell’Ucraina e la consegna di armi occidentali – anche gli esperti militari occidentali attirano l’attenzione sul fatto che l’operazione russa “fin dall’inizio è stata implementata nel modo di ridurre al minimo le conseguenze negative per la popolazione civile e le infrastrutture civili”.

Sul crollo della diplomazia europea

È necessario capire “se la diplomazia europea è stata preservata, e se sì, di cosa si tratta”. Se capisce per valori europei ciò che “ora l’Ucraina sta davvero promuovendo”, allora “non c’è bisogno di avere nulla a che fare con tale diplomazia”: “Lotteremo perché questa diplomazia si fermi il prima possibile”.

I paesi europei parlano molto di mediazione tra Mosca e Kiev, ma non offrono alcun dettaglio, e da parte ucraina l’Unione europea nei suoi sforzi “ha ripetutamente ricevuto una scomunica”.

Papa Francesco, che chiede anche negoziati, ha recentemente fatto una “dichiarazione non cristiana, evidenziando le due nazionalità della Federazione Russa in una categoria da cui ci si può aspettare atrocità”: “Questa causa non aiuta nemmeno l’autorità della Santa Sede”.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, prima insistono su canali riservati, e poi consentono fughe di notizie – questo è stato il caso del recente incontro dei capi dell’SVR e della CIA, Sergei Naryshkin e William Burns: “Non appena sono arrivati ad Ankara, è immediatamente trapelato”. Allo stesso tempo, un canale speciale per i negoziati sullo scambio di prigionieri funziona, e c’è la speranza che “alcuni risultati saranno raggiunti lì”.

Sul tetto del prezzo del petrolio

Il desiderio dell’Occidente di fissare un tetto ai prezzi delle risorse energetiche russe invia un segnale al mondo intero che è necessario allontanarsi dall’uso degli strumenti occidentali.

La Russia non è interessata al livello di questo tetto: “Non si tratta di ottenere un po ‘più di entrate per il nostro petrolio oggi”. Mosca interagirà direttamente con i partner e anche loro “non guarderanno a questi massimali”.

Sugli obiettivi della NATO

L’Alleanza del Nord Atlantico nella politica europea è tornata alle priorità dell’inizio della Guerra Fredda: “Vogliono tenere i russi fuori dall’Europa, gli americani hanno già ridotto in schiavitù l’intera Europa, e sotto controllo tengono sotto controllo non solo i tedeschi, ma anche l’intera Unione europea”.

Allo stesso tempo, la NATO per tutto il tempo della sua esistenza “difficilmente potrebbe registrare almeno una vera storia di successo” come risorsa: “Porta devastazione e sofferenza all’esterno”. Le conseguenze dei tentativi dell’Occidente di dimostrare che può “risolvere qualsiasi problema” – come è stato in Iraq, Libia, Jugoslavia – “stanno ancora volgendo al termine”.

Ora l’alleanza è attiva ben oltre il Nord Atlantico e i suoi “confini di difesa” raggiungeranno presto il Mar Cinese Meridionale: “Si sta prendendo una strada per creare costantemente irritanti, punti caldi con l’aspettativa che gli Stati Uniti siano lontani”.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi