Il presidente del Joint Chiefs of Staff ha appena ammesso che Kiev non può sconfiggere la Russia

Andrew Korybko – 21/01/2023

The Chairman Of The Joint Chiefs Of Staff Just Admitted That Kiev Can’t Defeat Russia (substack.com)

 

Il capo del Joint Chiefs of Staff, generale Mark Milley, è il più alto funzionario militare degli Stati Uniti e non può ragionevolmente essere diffamato come un cosiddetto “propagandista russo” considerando il suo ruolo di primo piano nell’orchestrare la guerra per procura della NATO contro quel paese attraverso l’Ucraina. Se non altro, è una delle figure anti-russe più famigerate dalla seconda guerra mondiale a causa di ciò che sta facendo oggi, motivo per cui la sua ultima previsione sul conflitto ucraino dovrebbe essere profondamente riflessa da tutti gli occidentali.

Milley ha portato le parole del primo ministro, del presidente e del capo di stato maggiore delle forze armate polacche della scorsa settimana alla loro logica conclusione dichiarando pubblicamente venerdì che “Da un punto di vista militare, sostengo ancora che da quest’anno sarebbe molto, molto difficile espellere militarmente le forze russe da ogni centimetro dell’Ucraina occupata dai russi”. Ecco il video delle sue osservazioni condivise dal Guardian del Regno Unito per quegli scettici che dubitano delirantemente che l’alto funzionario militare degli Stati Uniti abbia davvero detto questo.

Ciò significa che i circa 100 miliardi di dollari che gli Stati Uniti hanno già dato a Kiev per combattere la Russia per suo conto nella guerra per procura della Nuova Guerra Fredda al giorno d’oggi chiaramente non erano sufficienti per vincere. Il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti è quindi davvero al cosiddetto “punto di svolta” che la CNN ha affermato all’inizio di questa settimana, per cui dovrà raddoppiare il finanziamento dell’Ucraina a tempo indeterminato per centinaia di miliardi di dollari in più o accettare l’imminente fatto compiuto della vittoria della Russia.

Per aggiungere la beffa al danno che i polacchi e ora anche gli alti funzionari militari americani hanno appena inflitto alla precedente “narrativa ufficiale” su questa guerra per procura presumibilmente orientata verso una “inevitabile vittoria ucraina”, un anonimo alto funzionario degli Stati Uniti ha detto ai media che Kiev stava sprecando risorse preziose continuando a combattere su Artymovsk / Bakhmut. Questo consiglio è arrivato una settimana dopo che la Russia ha confermato ufficialmente la liberazione di Soledar, il cui sviluppo ha costretto la “narrativa ufficiale” a cambiare drasticamente.

In quella che ovviamente non è stata una coincidenza, Der Spiegel ha riferito lo stesso giorno della suddetta dichiarazione anonima di alti funzionari statunitensi e di Milley che l’agenzia di intelligence tedesca in precedenza ha informato i legislatori che Kiev sta perdendo “un numero a tre cifre di soldati” ogni giorno intorno ad Artyomovsk. Presi insieme, questi tre eventi narrativi più gli altri tre avviati dal Primo Ministro, Presidente e Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate polacche stanno preparando il pubblico alla sconfitta di Kiev.

Questo non vuol dire che il procuratore anti-russo del Golden Billion crollerà presto, per non parlare del fatto che le forze del suo avversario spazzeranno l’intera ex Repubblica Sovietica in rovina nel prossimo futuro, ma solo che la sconfitta di Kiev ora sembra inevitabile in assenza di qualche sviluppo rivoluzionario. Per lo meno, ulteriori battute d’arresto nella battaglia per il Donbass sono attese da Stati Uniti, Polonia e Germania, ergo perché i loro funzionari (sia nominati che non nominati) hanno semplicemente spostato decisamente la “narrativa ufficiale”.

Queste dinamiche strategico-militari tardivamente riconosciute, che erano evidenti già da un po ‘ma sono diventate innegabili dopo la liberazione di Soledar la scorsa settimana, aiutano anche a spiegare la riluttanza di Berlino ad approvare la richiesta dei suoi partner europei di inviare i loro carri armati Leopard forniti dalla Germania in Ucraina. In poche parole, il leader de facto dell’UE non vuole scommettere su un cavallo perdente e finire per imbarazzarsi se le forze russe iniziano a condividere filmati di loro che distruggono quegli armamenti troppo pubblicizzati.

La Germania potrebbe ancora capitolare alla pressione senza precedenti del Golden Billion per riconsiderare, ma sta tenendo duro per il momento almeno in gran parte a causa di questi calcoli prudenti. Con Milley che dichiara pubblicamente che la sua stessa egemonia unipolare in declino non si aspetta che Kiev sconfigga la Russia in qualsiasi momento quest’anno, non c’è davvero motivo per il cancelliere Olaf Scholz e il suo nuovo ministro della Difesa Boris Pistorius di invertire la rotta, il che potrebbe a sua volta accelerare i tempi per la vittoria apparentemente inevitabile della Russia.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi