Diana Johnstone: “Lo spettro della Germania (minaccia russa) sta sorgendo”

Diana Johnstone – 12 settembre 2022 (traduzione automatica)

DIANA JOHNSTONE: Lo spettro della Germania sta sorgendo – Consortium News

 

Per far fronte all’immaginaria minaccia russa all’Europa occidentale, la Germania guiderà un’UE allargata e militarizzata.

L’Unione europea è in preda a una lunga guerra contro la Russia che appare chiaramente contraria agli interessi economici europei e alla stabilità sociale. Una guerra apparentemente irrazionale – come molti lo sono – ha profonde radici emotive e rivendica giustificazioni ideologiche. Tali guerre sono difficili da porre fine perché si estendono al di fuori della gamma della razionalità.

Per decenni dopo che l’Unione Sovietica entrò a Berlino e sconfisse definitivamente il Terzo Reich, i leader sovietici si preoccuparono della minaccia del “revanscismo tedesco”. Dal momento che la seconda guerra mondiale poteva essere vista come una vendetta tedesca per essere stata privata della vittoria nella prima guerra mondiale, l’aggressivo Drang nach Osten tedesco non poteva essere rianimato, specialmente se godeva del sostegno anglo-americano? C’era sempre stata una minoranza nei circoli di potere degli Stati Uniti e del Regno Unito che avrebbe voluto completare la guerra di Hitler contro l’Unione Sovietica.

Non era il desiderio di diffondere il comunismo, ma la necessità di una zona cuscinetto che ostacolasse tali pericoli che era la motivazione principale per il continuo giro di vite politico e militare sovietico sul livello di paesi dalla Polonia alla Bulgaria che l’Armata Rossa aveva strappato all’occupazione nazista.

Questa preoccupazione diminuì considerevolmente nei primi anni 1980 quando una giovane generazione tedesca scese in piazza in manifestazioni per la pace contro lo stazionamento di “Euromissili” nucleari che potevano aumentare il rischio di guerra nucleare sul suolo tedesco. Il movimento ha creato l’immagine di una nuova Germania pacifica. Credo che Mikhail Gorbaciov abbia preso sul serio questa trasformazione.

Il 15 giugno 1989, Gorbaciov arrivò a Bonn, che era allora la capitale di una Germania Ovest ingannevolmente modesta. Apparentemente deliziato dall’accoglienza calorosa e amichevole, Gorbaciov si fermò a stringere la mano alla gente lungo la strada in quella tranquilla città universitaria che era stata teatro di grandi manifestazioni per la pace.

Ero lì e ho sperimentato la sua insolitamente calda, ferma stretta di mano e il suo sorriso desideroso. Non ho dubbi che Gorbaciov credesse sinceramente in una “casa comune europea” in cui l’Europa orientale e occidentale potessero vivere felicemente fianco a fianco unite da una sorta di socialismo democratico.

Gorbaciov il 13 giugno 1989 nella piazza del mercato di Bonn. (Jüppsche/Wikimedia Commons)

Gorbaciov è morto all’età di 91 anni due settimane fa, il 30 agosto. Il suo sogno che la Russia e la Germania vivessero felici nella loro “casa comune europea” era stato presto fatalmente minato dal via libera dell’amministrazione Clinton all’espansione verso est della NATO. Ma il giorno prima della morte di Gorbaciov, i principali politici tedeschi a Praga spazzarono via ogni speranza di un tale lieto fine proclamando la loro leadership di un’Europa dedicata alla lotta contro il nemico russo.

Questi erano politici degli stessi partiti – l’SPD (Partito Socialdemocratico) e i Verdi – che hanno preso il comando nel movimento per la pace del 1980.

L’Europa tedesca deve espandersi verso est

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz è un politico SPD incolore, ma il suo discorso del 29 agosto a Praga è stato provocatorio nelle sue implicazioni. Scholz ha chiesto un’Unione Europea allargata e militarizzata sotto la guida tedesca. Ha affermato che l’operazione russa in Ucraina ha sollevato la questione di “dove sarà la linea di demarcazione in futuro tra questa Europa libera e un’autocrazia neo-imperiale”. Non possiamo semplicemente guardare, ha detto, “come i paesi liberi vengono cancellati dalla mappa e scompaiono dietro muri o cortine di ferro”.

(Nota: il conflitto in Ucraina è chiaramente l’affare incompiuto del crollo dell’Unione Sovietica, aggravato da provocazioni esterne maliziose. Come nella Guerra Fredda, le reazioni difensive di Mosca sono interpretate come precursori dell’invasione russa dell’Europa, e quindi un pretesto per l’accumulo di armi.)

Per far fronte a questa minaccia immaginaria, la Germania guiderà un’UE allargata e militarizzata. In primo luogo, Scholz ha detto al suo pubblico europeo nella capitale ceca: “Sono impegnato nell’allargamento dell’Unione europea per includere gli stati dei Balcani occidentali, l’Ucraina, la Moldavia e, a lungo termine, la Georgia”. Preoccuparsi che la Russia sposti la linea di demarcazione verso ovest è un po ‘strano mentre si pianifica di incorporare tre ex Stati sovietici, uno dei quali (la Georgia) è geograficamente e culturalmente molto lontano dall’Europa, ma alle porte della Russia.

Fall Fund Drive 2022

Nei “Balcani occidentali”, l’Albania e quattro staterelli estremamente deboli lasciati dall’ex Jugoslavia (Macedonia del Nord, Montenegro, Bosnia-Erzegovina e Kosovo ampiamente non riconosciuto) producono principalmente emigranti e sono lontani dagli standard economici e sociali dell’UE. Il Kosovo e la Bosnia sono di fatto protettorati della NATO occupati militarmente. La Serbia, più solida delle altre, non mostra segni di rinuncia alle sue relazioni benefiche con la Russia e la Cina, e l’entusiasmo popolare per “l’Europa” tra i serbi è svanito.

L’aggiunta di questi Stati membri otterrà “un’Unione europea geopolitica più forte, più sovrana”, ha affermato Scholz. Una “Germania più geopolitica” è più simile. Mentre l’UE cresce verso est, la Germania è “al centro” e farà di tutto per riunirli tutti. Quindi, oltre all’allargamento, Scholz chiede “un graduale passaggio alle decisioni a maggioranza nella politica estera comune” per sostituire l’unanimità richiesta oggi.

Ciò che questo significa dovrebbe essere ovvio per i francesi. Storicamente, i francesi hanno difeso la regola del consenso per non essere trascinati in una politica estera che non vogliono. I leader francesi hanno esaltato la mitica “coppia franco-tedesca” come garante dell’armonia europea, principalmente per tenere sotto controllo le ambizioni tedesche.

Ma Scholz dice che non vuole “un’UE di stati o direzioni esclusive”, il che implica il divorzio definitivo di quella “coppia”. Con un’UE di 30 o 36 Stati, osserva, “è necessaria un’azione rapida e pragmatica”. E può essere certo che l’influenza tedesca sulla maggior parte di questi nuovi Stati membri poveri, indebitati e spesso corrotti produrrà la maggioranza necessaria.

La Francia ha sempre sperato in una forza di sicurezza dell’UE separata dalla NATO in cui l’esercito francese avrebbe svolto un ruolo di primo piano. Ma la Germania ha altre idee. “La NATO rimane il garante della nostra sicurezza”, ha detto Scholz, rallegrandosi che il presidente Biden sia “un transatlantico convinto”.

Ogni miglioramento, ogni unificazione delle strutture di difesa europee nel quadro dell’UE rafforza la NATO”, ha detto Scholz. “Insieme ad altri partner dell’UE, la Germania garantirà quindi che la forza di reazione rapida prevista dall’UE sia operativa nel 2025 e fornirà quindi anche il suo nucleo.

Ciò richiede una chiara struttura di comando. La Germania affronterà questa responsabilità “quando guideremo la forza di reazione rapida nel 2025”, ha detto Scholz. È già stato deciso che la Germania sosterrà la Lituania con una brigata rapidamente dispiegabile e la NATO con ulteriori forze in un alto stato di prontezza.

Servire a condurre … Dove?

Robert Habeck parla alla protesta davanti alla sede del Partito dei Verdi, Berlino, 28 ottobre 2020. (Leonhard Lenz/Wikimedia Commons)

In breve, l’accumulo militare della Germania darà sostanza alla famigerata dichiarazione di Robert Habeck a Washington lo scorso marzo che: “Più forte è la Germania, maggiore è il suo ruolo”. Habeck dei Verdi è il ministro dell’economia tedesco e la seconda figura più potente dell’attuale governo tedesco.

L’osservazione è stata ben compresa a Washington: servendo l’impero occidentale guidato dagli Stati Uniti, la Germania sta rafforzando il suo ruolo di leader europeo. Proprio come gli Stati Uniti armano, addestrano e occupano la Germania, la Germania fornirà gli stessi servizi per gli stati più piccoli dell’UE, in particolare a est.

Dall’inizio dell’operazione russa in Ucraina, la politica tedesca Ursula von der Leyen ha usato la sua posizione di capo della Commissione europea per imporre sanzioni sempre più drastiche alla Russia, portando alla minaccia di una grave crisi energetica europea questo inverno. La sua ostilità verso la Russia sembra sconfinata. A Kiev lo scorso aprile ha chiesto una rapida adesione all’UE per l’Ucraina, notoriamente il paese più corrotto d’Europa e lontano dal soddisfare gli standard dell’UE. Ha proclamato che “la Russia scenderà nel decadimento economico, finanziario e tecnologico, mentre l’Ucraina sta marciando verso un futuro europeo”. Per von der Leyen, l’Ucraina sta “combattendo la nostra guerra”. Tutto ciò va ben oltre la sua autorità di parlare a nome dei 27 membri dell’UE, ma nessuno la ferma.

Il ministro degli Esteri tedesco dei Verdi Annalena Baerbock è altrettanto intenzionato a “rovinare la Russia”. Fautrice di una “politica estera femminista”, Baerbock esprime la politica in termini personali. “Se faccio la promessa alla gente in Ucraina, stiamo con voi finché avete bisogno di noi”, ha detto al Forum 2000 sponsorizzato dal National Endowment for Democracy (NED) degli Stati Uniti a Praga il 31 agosto, parlando in inglese. “Allora voglio consegnare, non importa quello che pensano i miei elettori tedeschi, ma voglio consegnare al popolo ucraino”.

La gente andrà per strada e dirà, non possiamo pagare i nostri prezzi dell’energia, e io dirò: ‘Sì, lo so, quindi vi aiuteremo con misure sociali. […] Staremo con l’Ucraina e questo significa che le sanzioni rimarranno anche fino all’inverno, anche se diventa davvero difficile per i politici”.

Certamente, il sostegno all’Ucraina è forte in Germania, ma forse a causa dell’incombente carenza di energia, un recente sondaggio Forsa indica che circa il 77% dei tedeschi sarebbe favorevole agli sforzi diplomatici per porre fine alla guerra – che dovrebbe essere affare del ministro degli Esteri. Ma Baerbock non mostra alcun interesse per la diplomazia, solo per il “fallimento strategico” per la Russia – per quanto tempo ci vorrà.

Nel movimento per la pace del 1980, una generazione di tedeschi si stava allontanando da quella dei loro genitori e ha promesso di superare le “immagini nemiche” ereditate dalle guerre passate. Curiosamente, Baerbock, nata nel 1980, si è riferita a suo nonno che ha combattuto nella Wehrmacht come se avesse in qualche modo contribuito all’unità europea. È questo il pendolo generazionale?

I Piccoli Revanscisti

Sfilata di fiaccole di Stepan Bandera a Kiev, 1 gennaio 2020. (A1/Wikimedia Commons)

C’è motivo di supporre che l’attuale russofobia tedesca tragga gran parte della sua legittimazione dalla russofobia degli ex alleati nazisti nei paesi europei più piccoli.

Mentre il revanscismo anti-russo tedesco potrebbe aver richiesto un paio di generazioni per affermarsi, c’erano un certo numero di revanscismi più piccoli e oscuri che fiorirono alla fine della guerra europea che furono incorporati nelle operazioni della Guerra Fredda degli Stati Uniti. Quei piccoli revanscismi non sono stati sottoposti ai gesti di denazificazione o alla colpa dell’Olocausto imposta alla Germania. Piuttosto, sono stati accolti dalla C.I.A., da Radio Free Europe e dalle commissioni del Congresso per il loro fervente anticomunismo. Sono stati rafforzati politicamente negli Stati Uniti dalle diaspore anticomuniste dell’Europa orientale.

Di questi, la diaspora ucraina è stata sicuramente la più grande, la più intensamente politica e la più influente, sia in Canada che nel Medio Occidente americano. I fascisti ucraini che avevano precedentemente collaborato con gli invasori nazisti erano i più numerosi e attivi, guidando il Blocco delle nazioni anti-bolsceviche con legami con l’intelligence tedesca, britannica e statunitense.

La Galizia dell’Europa orientale, da non confondere con la Galizia spagnola, è stata parte avanti e indietro della Russia e della Polonia per secoli. Dopo la seconda guerra mondiale fu divisa tra Polonia e Ucraina. La Galizia ucraina è il centro di un marchio virulento del nazionalismo ucraino, il cui principale eroe della seconda guerra mondiale fu Stepan Bandera. Questo nazionalismo può essere propriamente definito “fascista” non solo per i segni superficiali – i suoi simboli, saluti o tatoos – ma perché è sempre stato fondamentalmente razzista e violento.

Incitato dalle potenze occidentali, Polonia, Lituania e Impero asburgico, la chiave del nazionalismo ucraino era che era occidentale, e quindi superiore. Poiché ucraini e russi provengono dalla stessa popolazione, l’ultranazionalismo ucraino filo-occidentale è stato costruito su miti immaginari di differenze razziali: gli ucraini erano il vero occidentale qualunque cosa fosse, mentre i russi erano mescolati con “mongoli” e quindi una razza inferiore. I nazionalisti ucraini banderisti hanno apertamente chiesto l’eliminazione dei russi in quanto tali, come esseri inferiori.

Finché esisteva l’Unione Sovietica, l’odio razziale ucraino per i russi aveva l’anticomunismo come copertura, e le agenzie di intelligence occidentali potevano sostenerli sulle “pure” basi ideologiche della lotta contro il bolscevismo e il comunismo. Ma ora che la Russia non è più governata dai comunisti, la maschera è caduta e la natura razzista dell’ultranazionalismo ucraino è visibile – per tutti coloro che vogliono vederlo.

Tuttavia, i leader e i media occidentali sono determinati a non accorgersene.

L’Ucraina non è come qualsiasi paese occidentale. È profondamente e drammaticamente diviso tra donbass a est, territori russi dati all’Ucraina dall’Unione Sovietica e l’Occidente anti-russo, dove si trova la Galizia. La difesa russa del Donbass, saggia o imprudente, non indica in alcun modo l’intenzione russa di invadere altri paesi. Questo falso allarme è il pretesto per la rimilitarizzazione della Germania in alleanza con le potenze anglosassoni contro la Russia.

Il preludio jugoslavo

Taglio della legna da ardere a Sarajevo durante le guerre che hanno distrutto la Jugoslavia, 1993. (Christian Maréchal/Wikimedia Commons)

Questo processo è iniziato nel 1990, con la disgregazione della Jugoslavia.

La Jugoslavia non era un membro del blocco sovietico. Proprio per questo motivo, il paese ha ottenuto prestiti dall’Occidente che nel 1970 ha portato a una crisi del debito in cui i leader di ciascuna delle sei repubbliche federate volevano spingere il debito su altri. Ciò favorì le tendenze separatiste nelle relativamente ricche repubbliche slovena e croata, tendenze imposte dallo sciovinismo etnico e dall’incoraggiamento delle potenze esterne, in particolare della Germania.

Durante la seconda guerra mondiale, l’occupazione tedesca aveva diviso il paese. La Serbia, alleata di Francia e Gran Bretagna nella prima guerra mondiale, fu soggetta a un’occupazione punitiva. L’idilliaca Slovenia fu assorbita nel Terzo Reich, mentre la Germania sostenne una Croazia indipendente, governata dal partito fascista ustascia, che comprendeva la maggior parte della Bosnia, teatro dei più sanguinosi combattimenti interni. Quando la guerra finì, molti ustascia croati emigrarono in Germania, negli Stati Uniti e in Canada, senza mai rinunciare alla speranza di rilanciare il nazionalismo secessionista croato.

A Washington nel 1990, i membri del Congresso hanno avuto le loro impressioni sulla Jugoslavia da un singolo esperto: la 35enne croato-americana Mira Baratta, assistente del senatore Bob Dole (candidato presidenziale repubblicano nel 1996). Il nonno di Baratta era stato un importante ufficiale ustascia in Bosnia e suo padre era attivo nella diaspora croata in California. Baratta conquistò non solo Dole ma praticamente l’intero Congresso alla versione croata dei conflitti jugoslavi dando la colpa di tutto ai serbi.

In Europa, tedeschi e austriaci, in particolare Otto von Habsburg, erede del defunto impero austro-ungarico e membro del Parlamento europeo dalla Baviera, riuscirono a ritrarre i serbi come i cattivi, ottenendo così una vendetta efficace contro il loro storico nemico della prima guerra mondiale, la Serbia. In Occidente, è diventato normale identificare la Serbia come “alleato storico della Russia”, dimenticando che nella storia recente i più stretti alleati della Serbia erano la Gran Bretagna e soprattutto la Francia.

Nel settembre 1991, un importante politico cristiano democratico tedesco e avvocato costituzionalista spiegò perché la Germania avrebbe dovuto promuovere la disgregazione della Jugoslavia riconoscendo le repubbliche jugoslave secessioniste slovena e croata. (L’ex ministro della Difesa della CDU Rupert Scholz al 6esimo Simposio Fürstenfeldbrucker per la leadership dell’esercito e degli affari tedeschi, tenutosi dal 23 al 24 settembre 1991.)

Ponendo fine alla divisione della Germania, Rupert Scholz ha detto: “Abbiamo, per così dire, superato e padroneggiato le conseguenze più importanti della seconda guerra mondiale … ma in altre aree abbiamo ancora a che fare con le conseguenze della prima guerra mondiale” – che, ha osservato, “è iniziata in Serbia”.

La Jugoslavia, come conseguenza della prima guerra mondiale, è una costruzione molto artificiale, mai compatibile con l’idea di autodeterminazione”, ha detto Rupert Scholz. Ha concluso: “A mio parere, Slovenia e Croazia devono essere immediatamente riconosciute a livello internazionale. (…) Quando questo riconoscimento avrà avuto luogo, il conflitto jugoslavo non sarà più un problema interno jugoslavo, dove nessun intervento internazionale può essere permesso”.

E in effetti, il riconoscimento è stato seguito da un massiccio intervento occidentale che continua fino ad oggi. Schierandosi, la Germania, gli Stati Uniti e la NATO alla fine hanno prodotto un risultato disastroso, una mezza dozzina di staterelli, con molte questioni irrisolte e fortemente dipendenti dalle potenze occidentali. La Bosnia-Erzegovina è sotto occupazione militare e sotto i dettami di un “Alto Rappresentante” che sembra essere tedesco. Ha perso circa la metà della sua popolazione a causa dell’emigrazione.

Solo la Serbia mostra segni di indipendenza, rifiutando di aderire alle sanzioni occidentali contro la Russia, nonostante le forti pressioni. Per gli strateghi di Washington la disgregazione della Jugoslavia fu un esercizio nell’uso delle divisioni etniche per rompere entità più grandi, l’URSS e poi la Russia.

Bombardamenti umanitari

I politici e i media occidentali hanno persuaso il pubblico che il bombardamento NATO del 1999 sulla Serbia era una guerra “umanitaria”, generosamente condotta per “proteggere i kosovari” (dopo che molteplici omicidi da parte di secessionisti armati hanno provocato le autorità serbe nell’inevitabile repressione usata come pretesto per i bombardamenti).

Ma il vero punto della guerra del Kosovo è stato che ha trasformato la NATO da un’alleanza difensiva in un’alleanza aggressiva, pronta a fare la guerra ovunque, senza il mandato delle Nazioni Unite, con qualsiasi pretesto scelga.

Questa lezione era chiara ai russi. Dopo la guerra del Kosovo, la NATO non poteva più affermare in modo credibile di essere un’alleanza puramente “difensiva”.

Non appena il presidente serbo Milosevic, per salvare le infrastrutture del suo paese dalla distruzione della NATO, ha accettato di consentire alle truppe della NATO di entrare in Kosovo, gli Stati Uniti hanno afferrato senza cerimonie un’enorme fascia di territorio per costruire la loro prima grande base militare statunitense nei Balcani. Le truppe della NATO sono ancora lì.

Proprio come gli Stati Uniti si sono affrettati a costruire quella base in Kosovo, era chiaro cosa aspettarsi dagli Stati Uniti dopo che nel 2014 sono riusciti a installare un governo a Kiev desideroso di aderire alla NATO. Questa sarebbe l’opportunità per gli Stati Uniti di prendere il controllo della base navale russa in Crimea. Poiché era noto che la maggioranza della popolazione in Crimea voleva tornare in Russia (come aveva fatto dal 1783 al 1954), Putin è stato in grado di prevenire questa minaccia tenendo un referendum popolare che confermasse il suo ritorno.

Il revanscismo dell’Europa orientale conquista l’UE

L’appello del cancelliere tedesco Scholz ad allargare l’Unione europea di un massimo di nove nuovi membri ricorda gli allargamenti del 2004 e del 2007 che hanno portato dodici nuovi membri, nove dei quali provenienti dall’ex blocco sovietico, compresi i tre Stati baltici un tempo parte dell’Unione Sovietica.

Quell’allargamento ha già spostato l’equilibrio verso est e ha rafforzato l’influenza tedesca. In particolare, le élite politiche della Polonia e in particolare dei tre Stati baltici, erano pesantemente sotto l’influenza degli Stati Uniti e della Gran Bretagna, dove molti avevano vissuto in esilio durante il dominio sovietico. Hanno portato nelle istituzioni dell’UE una nuova ondata di anticomunismo fanatico, non sempre distinguibile dalla russofobia.

Il Parlamento europeo, ossessionato dalla segnalazione di virtù in materia di diritti umani, è stato particolarmente ricettivo allo zelante antitotalitarismo dei suoi nuovi membri dell’Europa orientale.

Parlamento europeo a Strasburgo, Francia. (Foto ONU/Eskinder Debebe)

Il revanscismo e l’arma della memoria

Come aspetto della lustrazione anticomunista, o purghe, gli Stati dell’Europa orientale sponsorizzarono “Istituti della memoria” dedicati alla denuncia dei crimini del comunismo. Naturalmente, tali campagne sono state utilizzate dai politici di estrema destra per gettare sospetti sulla sinistra in generale. Come spiegato dallo studioso europeo Zoltan Dujisin, gli “imprenditori della memoria anticomunista” a capo di questi istituti sono riusciti a sollevare le loro attività di informazione pubblica dal livello nazionale, a quello dell’Unione europea, usando i divieti occidentali sulla negazione dell’Olocausto per lamentarsi, che mentre i crimini nazisti erano stati condannati e puniti a Norimberga, i crimini comunisti non lo erano.

La tattica degli imprenditori anticomunisti era quella di chiedere che i riferimenti all’Olocausto fossero accompagnati da denunce del Gulag. Questa campagna ha dovuto affrontare una delicata contraddizione poiché tendeva a sfidare l’unicità dell’Olocausto, un dogma essenziale per ottenere il sostegno finanziario e politico degli istituti di memoria dell’Europa occidentale.

Nel 2008, il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione che istituisce il 23 agosto come “Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo” – per la prima volta adottando quella che era stata un’equazione di estrema destra abbastanza isolata. Una risoluzione del Parlamento europeo del 2009 su “Coscienza europea e totalitarismo” ha chiesto il sostegno degli istituti nazionali specializzati in storia totalitaria.

Dujisin spiega: “L’Europa è ora perseguitata dallo spettro di una nuova memoria. La singolare posizione dell’Olocausto come formula fondante negativa dell’integrazione europea, il culmine degli sforzi di lunga data di eminenti leader occidentali … è sempre più sfidato da una memoria del comunismo, che ne contesta l’unicità”.

Gli istituti di memoria dell’Europa orientale hanno formato insieme la “Piattaforma della memoria e della coscienza europea”, che tra il 2012 e il 2016 ha organizzato una serie di mostre su “Totalitarismo in Europa: fascismo- nazismo – comunismo”, viaggiando in musei, memoriali, fondazioni, municipi, parlamenti, centri culturali e università in 15 paesi europei, presumibilmente per “migliorare la consapevolezza pubblica e l’educazione sui crimini più gravi commessi dalle dittature totalitarie”.

Sotto questa influenza, il Parlamento europeo il 19 settembre 2019 ha adottato una risoluzione “sull’importanza della memoria europea per il futuro dell’Europa” che è andata ben oltre l’equiparazione dei crimini politici proclamando un’interpretazione distintamente polacca della storia come politica dell’Unione europea. Arriva al punto di proclamare che il patto Molotov-Ribbentrop è responsabile della seconda guerra mondiale – e quindi la Russia sovietica è colpevole della guerra quanto la Germania nazista.

La risoluzione,

“sottolinea che la seconda guerra mondiale, la guerra più devastante nella storia dell’Europa, è stata avviata come risultato immediato del famigerato trattato di non aggressione nazi-sovietico del 23 agosto 1939, noto anche come patto Molotov-Ribbentrop, e dei suoi protocolli segreti, in base ai quali due regimi totalitari che condividevano l’obiettivo della conquista mondiale dividevano l’Europa in due zone di influenza; 

Inoltre:

“ricorda che i regimi nazista e comunista hanno compiuto omicidi di massa, genocidi e deportazioni e hanno causato una perdita di vite umane e di libertà nel 20° secolo su una scala mai vista nella storia umana e ricorda l’orribile crimine dell’Olocausto perpetrato dal regime nazista; condanna con la massima fermezza gli atti di aggressione, i crimini contro l’umanità e le violazioni di massa dei diritti umani perpetrati dai regimi nazista, comunista e da altri regimi totalitari;”

Questo, naturalmente, non solo contraddice direttamente la celebrazione russa della “Grande Guerra Patriottica” per sconfiggere l’invasione nazista, ma ha anche contestato i recenti sforzi del presidente russo Vladimir Putin di mettere l’accordo Molotov-Ribbentrop nel contesto dei precedenti rifiuti degli stati dell’Europa orientale, in particolare la Polonia, di allearsi con Mosca contro Hitler.

Ma la risoluzione del PE:

“è profondamente preoccupato per gli sforzi dell’attuale leadership russa per distorcere i fatti storici e mascherare i crimini commessi dal regime totalitario sovietico e li considera una componente pericolosa della guerra dell’informazione condotta contro l’Europa democratica che mira a dividere l’Europa, e invita pertanto la Commissione a contrastare con decisione questi sforzi“;

Così l’importanza della memoria per il futuro, risulta essere una dichiarazione ideologica di guerra contro la Russia basata su interpretazioni della seconda guerra mondiale, soprattutto perché gli imprenditori della memoria suggeriscono implicitamente che i crimini passati del comunismo meritano una punizione – come i crimini del nazismo. Non è impossibile che questa linea di pensiero susciti una certa tacita soddisfazione tra alcuni individui in Germania.

Quando i leader occidentali parlano di “guerra economica contro la Russia” o di “rovinare la Russia” armando e sostenendo l’Ucraina, ci si chiede se stiano preparando consapevolmente la terza guerra mondiale o stiano cercando di fornire una nuova fine alla seconda guerra mondiale. O i due si fonderanno?

Mentre si configura, con la NATO che cerca apertamente di “sovraestendere” e quindi sconfiggere la Russia con una guerra di logoramento in Ucraina, è un po ‘come se la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, circa 80 anni dopo, cambiassero schieramento e si unissero all’Europa dominata dalla Germania per condurre una guerra contro la Russia, insieme agli eredi dell’anticomunismo dell’Europa orientale, alcuni dei quali erano alleati della Germania nazista.

La storia può aiutare a capire gli eventi, ma il culto della memoria diventa facilmente il culto della vendetta. La vendetta è un cerchio senza fine. Usa il passato per uccidere il futuro. L’Europa ha bisogno di una mente lucida che guardi al futuro, capace di comprendere il presente.

Diana Johnstone è stata segretaria stampa del gruppo Verde al Parlamento europeo dal 1989 al 1996. Nel suo ultimo libro, Circle in the Darkness: Memoirs of a World Watcher (Clarity Press, 2020), racconta episodi chiave nella trasformazione del Partito Verde tedesco da una festa della pace a una festa della guerra. I suoi altri libri includono Fools’ Crusade: Yugoslavia, NATO and Western Delusions (Pluto/Monthly Review) e in co-paternità con suo padre, Paul H. Johnstone, From MAD to Madness: Inside Pentagon Nuclear War Planning (Clarity Press). Può essere raggiunta all’indirizzo diana.johnstone@wanadoo.fr

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi