UE respinge risoluzione antinazista della Russia presentata all’ONU

Andrew Korybko – 08/11/2022 (traduzione automatica)

The EU’s Explanation For Rejecting Russia’s Anti-Nazi UN Resolution Isn’t Credible (substack.com)

 

L’intera faccenda è un insulto all’intelligenza di qualsiasi persona esperta e quindi non dovrebbe essere presa sul serio.

Gli osservatori non avrebbero dovuto essere sorpresi che l’UE abbia respinto la recente risoluzione antinazista della Russia alle Nazioni Unite dopo che, il mese scorso, il capo della politica estera Josep Borrell ha dichiarato che la “giungla” africana sta “invadendo” il “giardino” europeo. Va anche da sé che il sostegno globale del blocco alla giunta neonazista di Kiev ha reso politicamente impossibile per questi paesi sostenere la proposta del Cremlino. Invece di ammetterlo semplicemente, l’UE ha condiviso una spiegazione ridicola.

Secondo il suo rappresentante, “la fine della seconda guerra mondiale non ha portato libertà, ma ulteriore occupazione e più repressione e in alcuni casi anche crimini contro l’umanità da parte di altri regimi totalitari”. Questo è un occhiolino verso la nuova manipolazione “politicamente corretta” della storia che equipara la Germania nazista all’Unione Sovietica, che è falsa e offensiva. Nonostante tutti i suoi difetti, quest’ultima non ha mai sterminato milioni di persone, né è stato responsabile di far precipitare il mondo nel suo conflitto più mortale di sempre.

Al contrario, l’Unione Sovietica fu responsabile della fine della seconda guerra mondiale dopo la conquista di Berlino, che a sua volta influenzò Hitler a suicidarsi per evitare di affrontare la giustizia per i suoi innumerevoli crimini. Tuttavia, l’UE ha falsamente affermato che “Oggi, con il falso pretesto di combattere il nazismo, la Russia ha riportato gli orrori della guerra in Europa, insieme al promemoria che la pace non può essere data per scontata”. Oggettivamente parlando, il conflittoucrainonon può essere paragonato alla seconda guerra mondiale in alcun modo.

L’ascesa del neonazismo facilitata dall’Occidente in Ucraina, che ha preceduto di molto la follia urbana del terrorismo nota come “EuroMaidan” che è culminata nel colpo di stato del 2014, è stata in effetti una ragione parziale dietro la decisione della Russia di iniziare un’operazione speciale nell’ex Repubblica Sovietica. Deliberatamente omesso dalla dichiarazione dell’UE, tuttavia, è il fatto che il motivo principale era in realtà il dilemma della sicurezza regionale che la NATO guidata dagli Stati Uniti ha provocato con la Russia attraverso la sua espansione clandestina in Ucraina.

La parte più cinica della risposta dell’UE è stato il suo sfruttamento antisemita dell’Olocausto nel disperato tentativo di guadagnare punti politici a buon mercato contro la Russia. Il blocco ha affermato che il motivo di parziale denazificazione di Mosca per la sua operazione speciale in corso in Ucraina “erode la nostra comprensione dell’Olocausto (e) manca di rispetto alla sua eredità”. Manipolare la memoria dell’Olocausto per ragioni egoistiche è indiscutibilmente antisemita e mira a paragonare falsamente la Russia alla Germania nazista.

Andando avanti, il blocco ha continuato a ossessionarsi sul motivo di parziale denazificazione della Russia per la sua operazione speciale al fine di affermare che Mosca stava sfruttando questo pretesto ignorando il fatto che Bruxelles stessa ha attivamente sostenuto l’ascesa del neonazismo in Ucraina nel corso degli anni. Questa intuizione equivale a una forma di gaslighting che applica la tattica di disinformazione di DARVO, o “negare, attaccare e invertire vittima e colpevole”. L’UE ha negato la sua responsabilità, ha attaccato la Russia, poi ha invertito i loro ruoli.

Il resto della risposta è stato pieno zeppo di bugie oggettivamente esistenti e facilmente verificabili che affermano che l’UE è contro tutte le forme di bigottismo e ideologie radicali. La precedente dichiarazione citata da Borrell contraddice questa falsa rappresentazione delle sue politiche, così come la glorificazione del nazismo sostenuta dal governo di alcuni dei suoi stati membri, come le relative parate di veterani fascisti negli stati baltici. Anche il sostegno globale del blocco ai neonazisti in Ucraina è nascosto sotto il tappeto per ragioni di “convenienza politica”.

Per riassumere, la spiegazione dell’UE per aver respinto la risoluzione antinazista della Russia alle Nazioni Unite non è credibile poiché tutto ciò che il suo rappresentante ha fatto è stato riscrivere la storia in modo egoistico e fattualmente falso. È ossessionato dal motivo di parziale denazificazione di Mosca per la sua operazione speciale in Ucraina al fine di far avanzare la sua tattica di disinformazione DARVO volta a equiparare il presidente Putin a Hitler. L’intera faccenda è un insulto all’intelligenza di qualsiasi persona esperta e quindi non dovrebbe essere presa sul serio.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi