Quando Maradona apprese della scomparsa di Fidel Castro

Quando Diego per la morte di Fidel Castro disse: “La più brutta notizia dalla morte dei miei genitori”

Scherzi maledetti del destino. Diego Armando Maradona ci lascia nello stesso giorno nel quale, 4 anni fa, ci salutava l’eterno Comandante Fidel Castro.

Vi riproponiamo questo articolo dell’epoca da La Nación.

È scomparso il volto scintillante e festoso che Diego Maradona aveva durante la prima giornata della finale di Coppa Davis tra Croazia e Argentina. Con il cuore spezzato, l’ex capitano della nazionale è entrato all’Arena di Zagabria insieme alla sua compagna, Rocío Oliva, senza sembrare che volesse entrare e festeggiare. Lo ha scosso la morte di Fidel Castro, il suo “secondo padre” secondo lo stesso Maradona.

“Mi hanno chiamato da Buenos Aires ed è stato qualcosa di molto scioccante. Sono stato colto da un pianto terribile, perché Fidel era come il mio secondo padre. Ho vissuto a Cuba per quattro anni e Fidel mi ha chiamato alle due del mattino per parlare di politica, o di sport. , o qualunque cosa accadesse nel mondo, ed ero pronto a parlare. Questo è il ricordo più bello che ho. Quando c’era un evento mi chiamava sempre per vedere se volevo andare, se volevo collaborare e questo non sarà facilmente dimenticato “, ha confessato Maradona dialogando con un gruppetto di giornalisti, nel box 107 dello stadio, prima del punto di doppio tra Juan Martín del Potro e Leonardo Mayer contro Marin Cilic e Ivan Dodig .

-Da quanto tempo non parlavi con Fidel?

-E … lui era … Sono andato a trovarlo tre anni fa e mi ha lasciato una frase. Quando entro nella stanza, si ferma e mi dice ‘Vieni a dirmi addio? Io gli dissi di no. ‘No, maestro, per niente.” Io piangendo. Sono rimasto sorpreso dalla notizia. È come se un servizio di Del Potro mi avesse colpito al petto. Che vuoi che ti dica, sì, andavo a dirgli addio. “No, maestro,” gli ho detto. Ho iniziato a piangere perché forse aveva più ragione di me.

-Vai al funerale all’Avana?

-Dopo questo, dalla Davis, vado all’Avana. Voglio stare con Raúl (Castro)Voglio stare con i bambini, voglio stare con il popolo cubano che mi ha dato tanto. E dare addio a Fidel, amico mio, della porta accanto. Lo cremeranno. E per poter dire tutta la gratitudine che avrò per tutta la vita. Mi ha parlato molto di droghe, ha parlato molto di guarigioni, mi ha detto che può e poteva. E io sono qui, parlo di lui (la sua voce si spezza) e purtroppo tre anni fa, forse nel mio inconscio, sono andato a salutarlo per l’ultima volta. Non ho ancora parlato con nessuno, perché è molto forte. Tutto quello che sta succedendo. Guardando la televisione prima di venire allo stadio, è molto triste vedere una morte celebrata. È molto triste. È disgustoso. Fa davvero schifo. Ciò che Fidel ha fatto è stato combattere per il suo popolo. E se ai vermi non piaceva, beh, mi dispiace. Mi sembra che celebrare una morte sia molto triste.

Dopo la morte dei tuoi genitori, è questo il tuo più grande dolore?

-Sì, sì, dopo la morte di Tota e del mio vecchio, è il dolore più grande che ho, davvero.

Qual è stato il primo ricordo che ti è passato per la mente quando hai saputo della sua morte?

-Quando Morla (Matías, il suo avvocato) mi chiama e mi dice che l’ambasciatore cubano lo aveva chiamato, che Fidel era morto, la prima immagine che è arrivata è stata quando mi ha chiamato alle 2 del mattino ed entrambi abbiamo preso un mojito , e abbiamo parlato degli americani, di Clinton. Un giorno gli ho detto che avevo una foto di Clinton sul sedile del water. E lui mi ha detto “Stai calmo che quello che viene è peggio”. Era W. Bush. Avevo il sedile del water perché era divertente.

-Come ha reagito il giorno in cui gli hai mostrato il suo tatuaggio sulla gamba sinistra?

-Ha detto ‘Cosa hai fatto, pazzo? Ma io sono meglio di quello con il tatuaggio ”(sorride). Dico ‘Sì, il fatto è che il tatuatore è bravo, ma nemmeno lui farà lo stesso. Per me è stato come un secondo padre, perché mi ha consigliato, mi ha aperto le porte di Cuba quando in Argentina c’erano cliniche che me lo chiudevano, non volevano la morte di Maradona. E Fidel me li ha aperti di cuore, è stato con me in permanenza e per questo i miei ringraziamenti. Il rivoluzionario numero uno è stato il Che, con Fidel in testa. Vengo nel secondo plotone.

Quando Diego per la morte di Fidel Castro disse: “La più brutta notizia dalla morte dei miei genitori” – World Affairs – L’Antidiplomatico

 

“Guaido’ non vuole le elezioni perché e’ il personaggio più impopolare del Venezuela”

Boris Castellano, volto noto della televisione pubblica venezuelana che conduce uno dei programmi di punta di Venezuelana de Television (Vtv), risponde alle domande di Geraldina Colotti. Read More ““Guaido’ non vuole le elezioni perché e’ il personaggio più impopolare del Venezuela””