Nidi Roma, “Bimboanatale” è servizio a costi maggiori e salari più bassi per lavoratrici

 

COMUNICATO STAMPA

NIDI ROMA: MUNICIPIO IX APPALTA “BIMBOANATALE”
USB, UN SERVIZIO A COSTI MAGGIORI CON SALARI PIÙ BASSI PER LE LAVORATRICI 

usb logoIn questi giorni i Funzionari Educativi dei nidi per il Municipio IX sono stati invitati ad esporre un modulo di adesione ad un progetto definito “BIMBOANATALE”, nel quale sostanzialmente si chiede di presentare domanda per la frequenza dei bambini durante il periodo natalizio presso il nido di Via San Domenico Savio. Il progetto è inserito nel “Tempo della non scuola”, ed è definito sperimentale perché diverso dal servizio erogato nel corso dell’anno.

“Tuttavia il progetto ha le stesse caratteristiche del nido – commenta Caterina Fida, responsabile del settore per l’USB – anche per quanto riguarda le giornate in cui è prevista la presenza dei familiari, una tecnica consolidata che rientra con molta frequenza nei progetti educativi dei nidi. La differenza, importante e sostanziale, è che questo servizio ‘sperimentale’ dovrebbe essere gestito dall’associazione Onlus “La Ciliegia”, alla quale l’amministrazione capitolina dovrà pagare 26.949,10 Euro per 10 giorni”.

“Non riusciamo a comprendere come possa essere giustificata tale spesa – sottolinea Fida – visto che lo stesso servizio, svolto dal personale inserito nelle graduatorie per supplenze e dagli operatori del comune di Roma, non arriverebbe a costare 20.000 Euro, comprensivi di spese per il personale e la copertura degli altri costi”.

“Sappiamo invece che gran parte della somma stanziata andrà a chi gestisce l’associazione – prosegue la rappresentante USB – poiché l’Onlus dovrà sostenere i costi del personale e dei pasti. Ma i contratti applicati alle lavoratrici sono generalmente quelli delle cooperative sociali, che portano ad una perdita salariale consistente, ed il costo di un pasto si aggira intorno ai 3 euro. Il resto delle spese rimarrebbero comunque a carico di Roma Capitale”.

“Perché allora si sceglie di esternalizzare il servizio, quando a costi inferiori si potrebbero garantire qualità e condizioni di lavoro dignitose al personale precario del Comune di Roma? Noi ci attiveremo per informare i genitori e per bloccare questa esternalizzazione”, conclude Fida.

Roma, 26 novembre 2012
Ufficio Stampa USB

Municipio XV, “basta polveroni sulla scuola”

 

MUNICIPIO XV, PARIS: BASTA POLVERONI SULLA SCUOLA

“E’ paradossale che ancora si vogliano confondere in un unico calderone opinioni, problemi e competenze. Non è accettabile che alcuni esponenti della destra coinvolgano il Municipio XV, evidentemente cercando consensi elettorali, anche quando intendono criticare i loro colleghi in Campidoglio.

Ad Augusto Santori che, tra l’altro , parla di “allergia che la giunta di centrosinistra in Municipio XV soffre nei confronti della manutenzione scolastica” voglio ricordare che è l’assoluta scarsità e incertezza dei fondi assegnati dal Campidoglio a determinare le attuali condizioni del patrimonio scolastico. Cosa che mi pare riconosca lui stesso.

Quindi non si tratta di scarsa attenzione municipale, ma del risultato di quattro anni di incuria e mancati investimenti del Campidoglio, di cui il fratello di Augusto Santori, Fabrizio, è autorevole esponente.

Nei 12 anni delle amministrazioni precedenti a questa, il Municipio XV ha potuto programmare ed effettuare interventi seri, evitando tante emergenze in base a bilanci certi.

Nel tempo, questo Municipio ha triplicato il numero degli asili nido a disposizione delle famiglie e ha proceduto alla ristrutturazione completa di tutti gli asili nido e delle materne. Con i pochi fondi assegnati, Arvalia ha provveduto anche a una diffusa manutenzione del patrimonio scolastico municipale.

Inoltre, sulla “scarsa trasparenza nella gestione dell’emergenza Sciascia” voglio dire che, personalmente, ho più volte incontrato i genitori degli alunni del Plesso Sciascia e che sul sito istituzionale del Municipio, sono dettagliatamente riportati i documenti più importanti sulla vicenda. (www.arvaliamunicipio15.it).

E’ ora di dire basta alla demagogia e a una politica pressappochista che ricade sulle spalle dei bambini e delle loro famiglie.

Tutto questo senza tenere conto delle tante persone che, nelle scuole e negli uffici del Municipio XV , sono costretti a gestire quotidianamente le emergenze che scaturiscono dal malgoverno del Campidoglio, con la beffa poi di sentirsene anche accusati. La vera allergia è quella che la nostra città ha sviluppato nei confronti di una destra incapace e inconcludente.”

Presidenza Municipio XV ARVALIA PORTUENSE – Ufficio stampa