Guerra Yemen, ecco come gli USA consegnano “in segreto” armi all’Arabia Saudita

È stato riferito che la consegna della nuova spedizione di armi per la coalizione a guida saudita nello Yemen è avvenuta il 29 ottobre scorso nel porto di Aden Read More “Guerra Yemen, ecco come gli USA consegnano “in segreto” armi all’Arabia Saudita”

Xylella: ennesima incursione presso la residenza del Sen. Lello Ciampolillo

Xylella: ennesima incursione presso la residenza parlamentare del Senatore Lello Ciampolillo

Cisternino- Ennesima incursione delle forze dell’ordine presso la residenza parlamentare del Senatore Lello Ciampolillo.
L’incursione viola chiaramente la nostra Carta costituzionale, il diritto all’inviolabilità della proprietà privata, il diritto alla sovranità alimentare e all’autodeterminazione e non è la prima volta che il parlamentare si oppone a tali misure.

Il fatto
Alle 5,30 del mattino, una squadra di “abbattitori” si è presentata davanti ai cancelli della campagna presidiata dal parlamentare, con l’intenzione di eradicare un ulivo secolare (che non mostra segni di malattia), in nome della Xylella.
A quanto pare, alla Regione Puglia non interessa il parere della UE, che consiglia “all’organismo ufficiale responsabile, di usare misure di contenimento anziché di eradicazione”.
Di fronte al Dio denaro, tutto passa in secondo piano.
Gli espianti portano reimpianti e foraggiano le tasche di colletti bianche, agromafie e multinazionali, che propongono un modello di sviluppo basato sul guadagno di pochi a danno di tutti.

Ma il parlamentare, noto per la sua “disobbedienza civile”, non ci sta e annuncia battaglia, anche in aula, contro normative figlie di una politica miope. Ecco cosa si legge sul suo profilo Fb.

CIAMPOLILLO M5S SENATO: IL SOTTOSEGRETARIO LABBATE DEVE ANDARE A CASA.
“Il sottosegretario Labbate, da sempre impegnato a difendere gli interessi speculativi di Coldiretti e dei falsi rappresentanti dell’agricoltura pugliese, continua a mentire sulla Xylella, rilasciando dichiarazioni sconcertanti alla stampa sulla necessità di continuare gli abbattimenti degli ulivi in Puglia.
La stessa Commissione europea, che peraltro si è sempre mossa sulla base dei dati inattendibili forniti dalla Regione Puglia, sta rivedendo in questi giorni le sue posizioni, limitando fortemente le aree dove applicare le misure di emergenza, fra cui i nostri governanti hanno inteso rinvenire esclusivamente quella inutile dei tagli degli ulivi.
È un segnale evidente, seppur ancora insufficiente e parziale, della inderogabile esigenza di revisione dell’intero quadro delle misure di emergenza fitosanitaria, in linea con quanto denunciato da me e da tutti coloro che si battono veramente e in maniera disinteressata per la difesa degli ulivi pugliesi.
È sufficiente ricordare quanto emerso a Monopoli, nell’ambito degli accertamenti disposti dalla Competente Procura della Repubblica, sulla assoluta in attendibilità degli accertamenti disposti dall’Arif e dalla Regione Puglia.
Come è noto, gli accertamenti sull’ulivo di Monopoli, effettuati a seguito della nostra denuncia, hanno addirittura escluso la presenza del batterio della Xylella.
In mancanza della nostra iniziativa Labbate e i suoi amici avrebbero consentito la devastazione anche della zona di Monopoli.
Del resto la semplice idea di tagliare 11 milioni di ulivi é una follia assoluta.
Il taglio degli ulivi, come Labbate e la sua cara Bellanova ben sanno, è del tutto inutile ai fini della lotta alla Xylella e alla diffusione del batterio, ma serve solo a garantire l’arrivo e la spartizione di ingenti fondi pubblici ai soliti noti, a fronte della distruzione della nostra terra e dei suoi meravigliosi ulivi.
È una vergogna contro cui i cittadini pugliesi devono mobilitarsi.
Labbate non è degno di rappresentare al governo gli interessi legittimi dei pugliesi e, in particolare, il desiderio di cambiamento degli attivisti veri del Movimento 5 Stelle. Deve dimettersi e andare a casa al più presto.

Per questo presenterò in Senato una specifica mozione di sfiducia al riguardo”.

I dati
A seguire, i dati ufficiali del monitoraggio 2018/2019 per Xylella in Puglia, rilasciati dalla Regione Puglia: su 68mila piante campionate, 7.050 sono sintomatiche, ma solo 610 sono positive alla Xylella, cioè solo il 9%.
Delle 7.050 analizzate, il 91% presenta i sintomi di CODiRO, ma non c’è il batterio Xylella.
I dati sono ben diversi da quelli snocciolati da Dee Spiegel e Coldiretti che parlano di 21 milioni di piante infette.

Gli interessi
La vera causa che ha portato al diffondersi del CoDiRO (e non della Xylella), è scaturita da un tipo di agricoltura basata sull’utilizzo massiccio e indiscriminato di fitofarmaci e di sostanze non sostenibili.
Eppure in passato il Comitato scientifico di Bari, ha divulgato informazioni infondate ed allarmistiche esclusivamente per interesse economico, allettato dai lauti fondi della UE.
Altro che scienza! Si dovrebbe parlare piuttosto di falso in atto pubblico, danno erariale e conflitto d’interesse.
Tutte questioni che il Senatore Ciampolillo intende approfondire nelle opportune sedi.

L’ultimo bollettino
Ecco l’ultima esternazione del Senatore
“Ciampolillo M5S Senato:
Resto qui a Cisternino a difesa di un ulivo per dimostrare come la Xylella possa essere combattuta e vinta senza bisogno di tagliare i meravigliosi ulivi di Puglia. Sto subendo minacce e intimidazioni di ogni tipo. Resisto nel mio campo a Cisternino e chiedo il sostegno delle istituzioni sane della nostra nazione. Confido nell’intervento della magistratura che già a Monopoli ha dimostrato l’inattendibilita dei rilievi dell’ ARIF.
La Xylella può essere vinta con le buone prassi agricole e con i prodotti naturali, come in Salento già sta avvenendo.
Solo l’avidità di Coldiretti e di qualche finto agricoltore da strapazzo può immaginare di distruggere i nostri meravigliosi ulivi.
L’ulivo di Cisternino é la prova evidente di quanto affermiamo da tempo e per questo l’ARIF sta facendo di tutto per eliminarlo, anche usando metodi violenti e clandestini.
Questi fatti sono oggetti di denuncia alla competente Procura della Repubblica, per il bene della Puglia e del suo patrimonio ambientale”.

http://www.lavalledeitempli.net/2019/11/07/xylella-ennesima-incursione-presso-la-residenza-parlamentare-del-senatore-lello-ciampolillo/?fbclid=IwAR0dTmzM2pGulxtyK57Kkx8C8vd9j64eHlqHEsbTZdxNblnt6mbCEZdIOLc

Assedio e violenza per cambiare il governo in Bolivia

Assedio e violenza per cambiare il governo in Bolivia: tutto quello che devi sapere sul golpe in corso

Assedio e violenza per cambiare il governo in Bolivia: tutto quello che devi sapere sul golpe in corso

di Mision Verdad

In Bolivia, è attualmente in fase di sviluppo una tabella di marcia dell’assedio, attraverso atti di ribellione interna che tentano di rompere le strutture istituzionali, in coordinamento con una criminalizzazione del governo Evo Morales dal fronte esterno.

Si tratta di un nuovo colpo di stato in corso, un modo accelerato per risolvere con i meccanismi della forza ciò che non è stato ottenuto con il voto del 20 ottobre.

Gli eventi mostrano un chiaro programma di cambiamento di regime in corso. Questo processo, sebbene si sia verificato dopo le ultime elezioni generali, era stato annunciato molto tempo prima da fattori opposti nel paese.

Settimane prima delle elezioni, attraverso la modalità di “cabildos”, l’opposizione boliviana era organizzata in una campagna cittadina (a parte gli stessi partiti di opposizione) di “punizione di voto” contro Morales e ignoranza a priori per motivi di “frode” risultato elettorale che, sapevano dai sondaggi, avrebbe favorito Morales.

Gli eventi sono stati articolati per fabbricare il risultato elettorale il più vicino possibile come fattore di legittimazione della presunta frode elettorale e le azioni e le conseguenze dell’opposizione del colpo di stato boliviano hanno caratteristiche che dovrebbero essere pianificate in anticipo.

LA SITUAZIONE ELETTORALE COME PUNTO DI ROTTURA

Nella notte del 20 ottobre, il presidente rieletto Evo Morales guidava le elezioni presidenziali con il 45,28% dei voti contro Carlos Mesa, che otteneva il 38,16%. Con questo risultato preliminare, entrambi i candidati si stavano dirigendo verso un secondo turno, evento senza precedenti in Bolivia, dopo aver esaminato l’84% dei voti.

Secondo la legislazione boliviana, per evitare una votazione, il candidato con il maggior numero di voti dovrebbe ottenere un punteggio superiore al 50%, o almeno il 40% dei voti con una differenza del 10% rispetto al secondo.L’organo elettorale, come previsto anche se fosse nascosto dai media, ha bloccato il conteggio la notte di domenica 20 ottobre, con l’emissione preliminare dei risultati all’84% dei voti, dando un risultato di conteggio manuale e anticipando un possibile scrutinio il 15 dicembre.

La modalità di conteggio rapido dei voti (TREP), ripresa alla fine del pomeriggio di lunedì 21, ha concesso il 46,4% dei voti a Morales e il 37,07% a Mesa, con il 95,63% dei voti conteggiati.

Giorni dopo, con l’avanzare del conteggio computerizzato e la digitalizzazione dei minuti, Evo Morales è aumentato con una differenza del 10%, vincendo al primo turno.

Nelle prime ore, quello che sembrava essere un atto negligente dell’organo elettorale a causa del ritardo nella consegna dei risultati, consisteva in realtà nell’esecuzione di un attacco in corso.

Protetta dalle vulnerabilità del sistema elettorale manuale della Bolivia, fin dalle prime ore di domenica sera e prima che fossero annunciati i risultati, l’opposizione aveva invitato i suoi seguaci a compiere attacchi frontali contro gli uffici elettorali, rallentando il processo di raccolta e il rigoroso conteggio dei voti.

Come annunciato dal presidente Evo Morales, nella notte di domenica 20, mancavano i verbali dei centri elettorali delle aree rurali e indigene, mancavano settori separati, con particolarità per la raccolta dei voti e che storicamente hanno sostenuto il presidente.

Il caos nei centri elettorali ha richiesto nuovi sforzi logistici per la protezione di voti e verbali, di fronte a una violenta sinergia che ha distrutto sedi e materiale elettorale in città come Potosí e Santa Cruz, compromettendo così il conteggio su un risultato che era già stato considerato “chiuso”, impossibile per Morales raggiungere una differenza del 10%.

In altre parole, l’intero processo è stato apertamente sabotato.

Tutti questi eventi, insieme alle debolezze del sistema elettorale boliviano, sono serviti a creare un “slancio” ideale per la riproduzione del ciclo violento in corso oggi.

LA FASE VIOLENTE

Da domenica 20, l’agenda programmata del caos si è sviluppata come annunciato nei “cabildos” organizzati prima delle elezioni.

L’enfasi sulla violenza nelle sue denominazioni più aperte ha avuto luogo a Santa Cruz, la storica città delle “cambas”, i bianchi della Bolivia, dove in realtà parte della sua popolazione si considera come una nazione che non ha nulla a che fare con il resto indios, e dove, ricordiamo, un attacco razzista e separatista ebbe luogo nel 2008. È proprio a Santa Cruz che ci si registrano la perdita di due vite umane nel contesto di questi eventi violenti.

Lo sviluppo della violenza dell’opposizione in Bolivia ha avuto gli sviluppi applicati in Venezuela nel 2014 e 2017, consistente nella chiusura di strade, l’attacco alle istituzioni simboliche, le paralizzazioni forzate della normalità economica, l’attacco diretto agli “indiani” o ai “masisti” (seguaci del Movimento al socialismo -MAS-) e al confronto con la forza pubblica con chiamate alla sedizione.

Esiste un chiaro fattore di consonanza tra violenza e dichiarazioni che dall’estero hanno messo in discussione il processo elettorale, da parte del governo degli Stati Uniti, l’Unione europea e l’Organizzazione degli Stati americani (OAS).

Nelle strade boliviane la frenesia violenta è stata accentuata dall’invocazione di un assalto internazionale contro la presunta frode.

IL RUOLO NON DEFINITO DELL’OSA

L’OSA di domenica sera 20 ha iniziato a mettere in discussione l’organo elettorale boliviano, creando così i primi sospetti che sono stati successivamente replicati nei portavoce di diversi governi della regione. In effetti, gli Stati Uniti, l’Argentina e il Brasile non hanno esitato a formulare opinioni divergenti tra loro.

Alcuni giorni dopo è stata convocata una riunione straordinaria prima di quella istituzione, che ha generato un particolare dibattito tra i paesi membri, divisa in posizioni a favore e contro l’interferenza nel processo elettorale boliviano, mentre il Cile bruciava e l’Ecuador appena usciva dalle violenze, senza nessun incontro a Washington, quartier generale dell’agenzia.

Per l’Osa, come affermato in una dichiarazione del Segretario Generale, Luis Almagro, l’ideale era il controllo ufficiale delle elezioni boliviane dal quale emanare da esso un risultato “vincolante”, chiaramente ignaro del ruolo esclusivo dell’organo elettorale.

Allo stesso tempo, la “raccomandazione” emessa per andare al secondo turno ha ignorato anche i voti che hanno dato a Morales una differenza superiore di 10 punti.

 

 

Ma ciò che sembrava impossibile, a spese di eventi violenti, ora era diventata una “possibilità” di risolvere il conflitto, o almeno questo è ciò che il governo boliviano si aspettava.

Il governo boliviano ha concordato la scorsa settimana con l’OAS di effettuare un controllo “vincolante” delle elezioni. “Abbiamo concluso gli accordi da firmare tra la Bolivia e l’Organizzazione degli Stati americani (OAS) in modo che possa essere svolto il controllo completo delle elezioni generali del 20 ottobre”, ha annunciato il ministro degli Esteri boliviano Diego Pary in una conferenza stampa.

Sul processo di controllo, il presidente rieletto ha indicato che “non abbiamo nulla da nascondere, lasciamo che l’audit internazionale da parte di esperti verifichi se vi siano o meno frodi”. Ha aggiunto dal suo Twitter:

A cosa obbedisce questa mossa del governo boliviano? A prima vista, sembra esserci piena fiducia nel controllo, ma oltre a ciò, c’è la fiducia nei revisori dell’OSA. Alcuni di loro sono gli stessi osservatori che hanno messo in dubbio il risultato il 20 ottobre.

Con un audit avviato giovedì scorso e che durerà tra i 10 e 12 giorni, resta da definire il ruolo finale dell’OAS negli eventi boliviani.

PAUSA OPPOSITORIA E GOVERNO PARALLELO?

Gli eventi in Bolivia e la sua spirale violenta risiedono anche nella rottura trasversale che segna l’opposizione boliviana. Questa è andata divisa alle elezioni e, ora, il ciclo violento è intrapreso principalmente dai “civili”, gli organizzatori dei “cabildos”.

Per il candidato perdente, Carlos Mesa, si deve andare verso la realizzazione di un secondo turno elettorale, in caso contrario, la sua agenda è la strada. Mesa ha perso la coesione della sua denuncia “frode” perché non riconosce il controllo, per un presunto “accordo” tra il governo e l’OSA, secondo le sue parole, “senza aver dato voce” a coloro che come lui denunciano la frode.

La probabilità che l’audit sosterrà l’esito favorevole per Morales significa per Mesa un esaurimento della sua agenda, in modo che il massimo utilizzo dei suoi meccanismi di pressione abbia tempo a sfidare.

Tuttavia, per i cittadini, il risultato che emanerà dall’OAS (se favorevole a Morales) sembra irrilevante. I “civili” sono espressioni di un nodo critico di dura opposizione con i coloranti fascisti e per loro lo spostamento di Morales deve essere immediato.

A Santa Cruz, il presidente del “Comitato Civico”, Luis Fernando Camacho, principale referente della destabilizzazione in Bolivia, ha chiamato a “resistere” con lo sciopero nazionale, i blocchi e le mobilitazioni, fino a quando il presidente Evo Morales non si sia dimesso dalla sua posizione.

“Abbiamo chiesto le dimissioni di Evo Morales, un nuovo processo elettorale senza la partecipazione di Evo Morales e un nuovo tribunale (elettorale), ma le dimissioni devono essere immediate”, ha dichiarato Camacho. In 6 regioni sono stati organizzati cabildos  che hanno deciso di respingere la tregua sollevata dal presidente Morales, il quale ha invitato la cessazione delle manifestazioni fino al termine della revisione contabile.

La narrazione e l’impeto di un chiaro confronto sollevato dai civici scudati ha anche significato l’annuncio di Carlos Mesa come il “presidente eletto e legittimo”. Questa semiotica sembra evidenziare la possibilità che un altro processo parallelo di proto-stato verrà forgiato in Bolivia, come in Venezuela con Juan Guaidó, sebbene tale esperienza non abbia prodotto i frutti previsti nell’agenda del colpo di stato.

Per il popolo di Mendoza, il loro proclama come “autonomia” o la loro consacrazione nella nuova condizione di essere “un altro paese” attraverso un’istituzionalità parallela, non sono atti inverosimili. Tuttavia, l’elemento sottostante di queste presunte azioni comporta la promozione di un crollo istituzionale, che viene prodotto in modo multidirezionale, con inviti alle forze armate a deporre Morales.

Per il popolo di Mendoza, il loro proclama come “autonomia” o la loro consacrazione nella nuova condizione di essere “un altro paese” attraverso un’istituzionalità parallela, non sono atti inverosimili. Tuttavia, l’elemento sottostante di queste presunte azioni comporta la promozione di un crollo istituzionale, che viene prodotto in modo multidirezionale, con inviti alle forze armate a deporre Morales.

Le possibilità del dialogo politico per una pacificazione della situazione boliviana sono indicibili, a causa della rottura dell’opposizione e del fatto che non vi è una chiara interlocuzione tra gli avversari di Morales.

TENTATIVO MAGNICIDA?

Come componente aggiuntivo alla crisi boliviana sono arrivati ??gli eventi del 4 novembre. L’elicottero su cui viaggiava il presidente Evo Morales ha subito un guasto meccanico, precipitando a terra a bassa quota, senza ferire il presidente o altro membro dell’equipaggio.

Attraverso una dichiarazione, l’aeronautica boliviana ha spiegato che durante il decollo, il pilota si è accorto di un guasto nella coda dell’aereo, quindi è atterrato immediatamente. In tal senso, il testo ha sottolineato che “il FAB secondo le regole procederà ad attivare l’Accident Investigation Board; per ottenere ulteriori dettagli in merito al fatto saranno forniti in base allo stato di avanzamento dell’indagine”.

Quasi contemporaneamente a questi eventi, le Forze armate boliviane si erano pronunciate a livello istituzionale ribadendo il proprio ruolo di assicurare il “mantenimento della democrazia” e aderire alla Costituzione, chiedendo “razionalità” e “dialogo”.

Una risposta diretta alle richieste di sedizione sempre più accentuate e alla vigilia dei risultati dell’attuale audit elettorale.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-assedio_e_violenza_per_cambiare_il_governo_in_bolivia_tutto_quello_che_devi_sapere_sul_golpe_in_corso/82_31576/