AmbienteWeb - Ambientalismo, Pacifismo, Diritti, Libera Comunicazione

 

 

Ecuador: foreste di montagna per le future generazioni

Contro l'estrazione mineraria, difendendo le foreste per il futuro (© Flora Farruggia)

 

L'estrazione mineraria è una seria minaccia per le ultime foreste dell'Ecuador, ad Intag, Imbabura, nel nord del paese. I minatori hanno iniziato a esplorare, contaminare e abbattere la riserva forestale delle comunità nella comunità di Junín. Ed è solo una delle 33 concessioni nella zona. Firma la petizione.

Lettera

CA: Sig. Lenin Moreno Presidente dell'Ecuador; Ministro delle miniere dell'Ecuador

Sospendete le concessioni per l'estrazione mineraria in Ecuador e avviate un reale processo di consultazione preventiva.

Leggi tutta la lettera

Diversi fiumi attraversano Intag, coperta da foreste di montagna uniche nel punto più ricco di biodiversità tra i 36 hotspots del mondo. L'associazione locale Defensa y Conservación Ecológica di Intag DECOIN spiega che oltre ad una rana dichiarata estinta e riscoperta nel 2016, ci sono centinaia di specie vulnerabili come giaguari, orsi dagli occhiali e scimmie ragno.

Intag si trova nella regione di Cotacachi, provincia di Imbabura e le comunità si oppongono ai numerosi progetti minerari che sono in concessione nella zona. La concessione per estrarre rame a cielo aperto, chiamata "Llurimagua", è enorme e interessa soprattutto le comunità di Junín e Chalguayacu. 

Marcia Ramírez, che si oppone al progetto minerario, afferma che "l'esplorazione preliminare sta già generando seri problemi. Questo sarà il futuro dell'area a meno che il governo non riveda i suoi progetti estrattivi, inquinanti e distruttivi. Questa concessione è in capo alla compagnia mineraria statale ecuadoriana ENAMI e della società statale cilena CODELCO.

"Si vedono sempre meno animali, e a volte gli animali non riescono più a abbeverarsi con l'inquinamento che c'è," dice Israel Perez, anche lui contrario alle attività minerarie.

Anche le associazioni produttive locali come quella di Caficultores Río Intag AACRI resistono da oltre 20 anni alle attività minerarie nella zona. Esportano caffè biologico in Europa, in Asia e negli Stati Uniti e affermano che "l'estrazione non è compatibile con il nostro stile di vita, mette a rischio i nostri terreni fertili e le nostre risorse idriche".

Ciò che preoccupa le popolazioni locali sono la distruzione dell'ambiente, l'accesso all'acqua e al cibo, il caos sociale e il futuro delle prossime generazioni, che non trarranno beneficio dall’estrazione mineraria.

 

Firma la petizione per sostenerle.

Pin It

è realizzato da