Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Spazio Radio on line
 
 

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

RESISTERE AL MODELLO ESTRATTIVISTA

 Comitati e movimenti incontrano Raúl Zibechi

 

 

Il modello definito “estrattivista”, nel mondo attuale, non si definisce solo attraverso il brutale saccheggio delle risorse naturali a tutte le latitudini, ma anche attraverso la volontà chiara di eliminare ogni sorta di affermazione della volontà popolare.

Obiettivo è quello di depredare le comunità locali di ogni sorta di potere decisionale, senza limitarsi solamente alle questioni ambientali:Una sorta di non troppo velata strategia tesa a eliminare ogni forma di dissenso e di organizzazione dal basso.

Raul Zibechi è, al momento, uno dei più lucidi ed efficaci narratori della fase attuale dell'estrattivismo e delle sue ripercussioni in America Latina e non solo.
Attraverso le sue analisi abbiamo conosciuto battaglie e strategie dei movimenti latinoamericani che resistono al neoliberismo e praticano autonomia dal basso e autogestione, spesso in conflitto con i governi della regione, alcuni dei quali definiti “progressisti”.

Come ci insegnano le sue parole: “I territori in resistenza sono già altri mondi”.

Lo abbiamo visto nelle lotte per l’acqua a Cochabamba in Bolivia, nella resistenza dei popoli originari della Patagonia Mapuche e del Chiapas zapatista, solo per citare alcune di queste esperienze di creazioni di mondi "altri".

Il 9 giugno, approfittando della presenza di Raul a Roma, abbiamo deciso di invitare a un'incontro pubblico molti di quei quei comitati e movimenti che oggi, in Italia, fronteggiano il modello estrattivista a testa alta . Dalla Val di Susa alla Sicilia, dal Salento alla Sardegna.

Un'occasione per capire, attraverso i racconti dei vari fronti del NO e le parole di Raul, come nei nostri territori si stiano già costruendo nuovi mondi.

Consapevoli di come la complicità globale possa aiutarci a creare strumenti per costruire l’alternativa a questo sistema neoliberista che devasta i territori e le nostre vite, l'incontro è stato pensato in continuità con il primo "Encuentro por la Resistencia Global Autonoma" (https://resistenciaglobalautonoma.wordpress.com/), tenutosi nel settembre scorso al CIDECI-UNITIERRA, territorio liberato nella cittá di San Cristobal de Las Casas, Chiapas, Messico, cui ne seguirà un altro, sempre in Messico, il prossimo novembre.

L' APPUNTAMENTO È IL 9 GIUGNO, ALLE ORE 12.00, AL PARCO DELLE ENERGIE - EX SNIA, PER PRANZARE INSIEME E INIZIARE INTORNO ALLE ORE 15.

COSTRUIAMO #COMPLICITÁGLOBALE!
La Pirata, Nodo Solidale e Re:Common