Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Società

[Aquarius] Asgi: "Comportamento governo italiano è stato gravissimo"

Scritto da Pressenza. Postato in Società

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

Asgi: il comportamento del governo italiano nella vicenda Aquarius è stato gravissimo

Asgi: il comportamento del governo italiano nella vicenda Aquarius è stato gravissimo
(Foto di Medici senza Frontiere)

La scelta di solidarietà fatta dal governo spagnolo di fornire assistenza materiale e giuridica ai naufraghi salvati dalla nave Aquarius con conseguente conclusione positiva di questa drammatica vicenda non deve oscurare la gravi responsabilità del governo italiano nella conduzione complessiva di tutte le operazioni.

Va infatti ricordato che le operazioni di soccorso sono partite su impulso di un SOS diramato dall’MRCC (Comando generale del Corpo della Capitanerie di Porto) di Roma e che pertanto, in base al diritto internazionale e in particolare:

– la Convenzione sulla salvaguardia della vita umana in mare (Convenzione SOLAS, firmata a Londra nel 1974 e ratificata dall’Italia con L. 313/1980);
– la Convenzione internazionale sulla ricerca ed il soccorso in mare (Convenzione SAR, firmata ad Amburgo nel 1979 e ratificata dall’Italia con L. 147/1989, da cui il Regolamento di attuazione D.P.R. 662/1994;
– la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (Convenzione CNUDM o UNCLOS, adottata a Montegobay nel 1982 e ratificata dall’Italia con L. 689/1994)

L’Italia risultava essere il Paese giuridicamente responsabile del coordinamento dei soccorsi ed è dunque lo Stato che doveva esercitare, «conformemente al diritto internazionale», le funzioni esecutive che tale coordinamento comporta (v. mutatis mutandis, Al-Skeini c. Regno Unito e Jaloud c. Paesi Bassi).

Fino al momento nel quale la Spagna non ha annunciato il suo intervento per ragioni umanitarie il centro di coordinamento dei soccorso italiano, competente e responsabile degli stessi, ha continuato a non indicare alcuna destinazione alla nave Aquarius, rendendosi completamente inadempiente verso precisi obblighi indicati dal diritto internazionale ed interno e ponendo a rischio la vita di centinaia di persone.

La situazione di pericolo e di estrema difficoltà, in cui si trovavano i migranti oltre ai membri dell’equipaggio integrava senza dubbio una situazione di pericolo che non legittimava alcuna limitazione all’approdo in un porto italiano. Nel caso di specie doveva infatti trovare applicazione l’art. 18, par. 2 della Convenzione SOLAS, la quale prevede che lo Stato costiero non può invocare una violazione del diritto di passaggio inoffensivo né obbligare la nave straniera a riprendere il largo. Conseguentemente, lo Stato costiero, nel cui mare territoriale, o nelle vicinanze del quale, si trovi una nave in una situazione di pericolo è, infatti, il titolare primario dell’obbligo di portare soccorso ed è responsabile della conclusione del salvataggio. La nave che si trova quindi in una situazione di pericolo implicante una minaccia per la vita delle persone a bordo, qualsiasi sia lo status di questi passeggeri, gode di un “diritto” di accesso al porto.

Il diniego di accesso ai porti italiani a imbarcazioni che abbiano effettuato il soccorso in mare comporta la violazione degli articoli 2 e 3 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo.  Le persone soccorse vertevano infatti in evidente necessità di cure mediche urgenti, nonché di generi di prima necessità (acqua, cibo, medicinali), e tali bisogni non potevano esser soddisfatti in alto mare.  Le condizioni alle quali gli stessi sono stati sottoposti determinano l’esposizione di uomini, donne e bambini ad un reale trattamento disumano e degradante ( in violazione dell’art. 3 cedu) e ad un serio rischio per la loro vita ( in violazione dell’ art. 2 cedu).

Sulla nave Aquarius vi erano richiedenti asilo e rifugiati, pertanto la scelta del governo italiano di negare un porto sicuro a queste persone, poiché le operazioni di soccorso erano state gestite dalle autorità italiane, avrebbe potuto comportare per lo Stato Italiano la violazione del principio di non refoulement, ai sensi dell’art 33 della Convenzione di Ginevra sullo Status dei Rifugiati del 1951, se non si fosse trovato un porto sicuro. Il principio di non refoulement è un principio di diritto internazionale generale, di natura consuetudinaria ed è quindi applicabile a tutti gli Stati,   esso stabilisce il divieto di respingimento verso qualsiasi luogo in cui una persona potrebbe trovarsi esposta al rischio di persecuzione e/o di  condizione ascrivibile a trattamento disumano e degradante, trattamento nel quale, si sono trovati a vivere coloro che erano da giorni in alto mare in assenza di approdo in porto sicuro.

Sotto il  profilo del diritto penale, l’obbligo di prestare soccorso configura una precisa prescrizione giuridica, la quale non può essere disattesa. Si ritiene che la condotta tenuta dall’MRCC di Roma sia stata suscettibile da integrare almeno la fattispecie dell’omissione di soccorso ai sensi dell’art. 593 c.p. A ciò si aggiunga che se dal ritardo dell’ingresso fossero derivate morte o lesioni integrerebbero fattispecie penali autonome, quali omicidio o lesioni, che sarebbero imputabili a tutta la catena di comando in ragione dell’evidente dovere giuridico di salvaguardia della vita che incombe sul paese che coordina i soccorsi

Il  “braccio di ferro”  diplomatico attuato parte del Governo italiano con le Autorità di Malta e con la UE ha messo a rischio la vita di centinaia di persone ed il rispetto di basilari diritti della persona e ciò costituisce un precedente gravissimo nella storia europea.

Il governo italiano aveva tutti gli strumenti legali e politici per far valere nella fase di discussione e votazione del Regolamento Dublino IV le argomentazioni che ha portato invece sul piano mediatico e dell’uso della forza contro persone in stato di necessità, dimostrando l’esplicita volontà di non proporre politiche costruttive con un ruolo centrale nel dibattito europeo, ma di imporre il solo uso della forza. Sarebbe stato possibile recandosi a Bruxelles per il Ministro degli Interni in carica per discutere sulla necessità di ripartizione equa dei rifugiati fra tutti gli Stati europei, facendo valere in modo democratico e legale, presso tale sede, gli interessi dello Stato italiano senza incorrere nelle violazioni dei diritti umani fondamentali e delle norme cogenti.

ASGI ha il fondato timore che situazioni analoghe possano ripetersi già dalle prossime ore fa appello a tutte le istituzioni e al Parlamento affinché il nostro paese non si renda più responsabile degli indecorosi eventi che si sono consumati negli ultimi giorni e che il diritto internazionale e quello interno in materia di soccorsi in mare venga scrupolosamente rispettato.

11.06.2018 - ASGI Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione

 


 

Al vertice di Singapore la Campagna ICAN presenta un piano per la denuclearizzazione della penisola coreana

Posted: 11 Jun 2018 12:17 PM PDT

La Campagna premio Nobel per la Pace 2017, di cui sono membri italiani Senzatomica e Rete Italiana per il Disarmo avanza la proposta alla vigilia del vertice tra Donald Trump e Kim Jong-un.  Per ICAN saranno in questi giorni a Singapore la direttrice internazionale Beatrice Fihn e il presidente dello Steering Committee Akira Kawasaki Da […]

Rete Italiana per il Disarmo

La Repubblica Dominicana diventa il 59° paese a firmare il Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari

Posted: 11 Jun 2018 11:39 AM PDT

In un tweet  del Ministero degli Esteri della Repubblica Dominicana è stato comunicato che il Ministro degli Esteri Miguel Vargas ha firmato il Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari nella sede delle Nazioni Unite di New York giovedì 7 giugno. Va sottolineato che l’influenza della Repubblica Dominicana nella regione e nel mondo è aumentata sensibilmente  […]

Tony Robinson

Aprite i porti, aprite le porte. Presidio a Como

Posted: 11 Jun 2018 10:51 AM PDT

Organizzato da Como senza frontiere Martedì 12 giugno dalle 18 alle 20 Piazza Boldoni, Como Como senza frontiere invita tutte e tutti martedì 12 giugno dalle 18 in piazza Boldoni a Como al presidio di civiltà “Aprite i porti, aprite le porte” contro la barbarie di azioni che mettono in pericolo la vita di naufraghi e […]

Redazione Italia

Acquarius: i comboniani fanno appello a Conte

Posted: 11 Jun 2018 09:48 AM PDT

“Come cittadini e cristiani siamo esterrefatti e indignati della decisione del ministro degli Interni Matteo Salvini che impedisce alla nave Aquarius di portare in salvo nei porti italiani 629 migranti, salvati in acque territoriali libiche”: comincia così una lettera-appello al premier Giuseppe Conte pubblicata oggi dai missionari comboniani. “Il rifiuto di prestare soccorso ai migranti […]

Agenzia DIRE

Apriamo i porti. Presidio in piazza Scala a Milano

Posted: 11 Jun 2018 09:22 AM PDT

Domani 12 giugno alle 18 Nessuna Persona è Illegale e Milano Antifascista, Antirazzista, Meticcia e Solidale saranno in piazza Scala al presidio promosso da Insieme senza Muri contro la chiusura dei porti italiani, concordata dai neo ministri delle infrastrutture e degli interni. Il secondo, Matteo Salvini, ha chiaramente è cinicamente voluto usare questa scelta a […]

Redazione Italia

Summit Usa-Corea del Nord: qual è il futuro delle armi nucleari coreane?

Posted: 11 Jun 2018 09:15 AM PDT

Domani, 12 giugno, dovrebbe svolgersi a Singapore lo “storico” incontro fra il presidente americano e il leader supremo della DPRK per discutere della “denuclearizzazione” della Corea del Nord. La cautela è necessaria, data l’imprevedibilità dei due leader, che  negli ultimi dodici giorni hanno alternato nei reciproci rapporti toni concilianti a insulti e minacce.Non è chiaro cosa intendano effettivamente […]

Redazione Italia

Varoufakis risponde a Salvini dal presidio Baobab Experience

Posted: 11 Jun 2018 08:53 AM PDT

Martedì 12 giugno alle ore 15.00, l’ex ministro delle finanze greco e leader del movimento politico europeo DiEM25, Yanis Varoufakis, sarà al presidio umanitario Baobab Experience in via Gerardo Chiaromonte a Roma per presentare un’alternative umanista e concreta alle politiche del ministro Salvini. Tre anni fa nasceva il presidio informale Baobab Experience, un luogo in […]

DiEM25

Migranti: Bimbo di 11 anni salvato a Reggio Calabria, in Libia ha visto morire i genitori

Posted: 11 Jun 2018 07:05 AM PDT

Ramonda (Apg23): «I migranti in mare vanno soccorsi ed accolti» C’è anche Ola (nome di fantasia), 11 anni , fra i 28 minori stranieri non accompagnati che sono sbarcati sabato mattina a Reggio Calabria. È arrivato solo: mamma è papà sono stati uccisi in Libia, durante il suo disperato viaggio della speranza. Sulla nave anche altri adulti vittime di […]

Comunità Papa Giovanni XXIII

#VoceAiGiornalisti un coro che rivendica libertà di stampa. Il 12 giugno a Napoli

Posted: 11 Jun 2018 05:52 AM PDT

È dedicato a una ragazza vittima innocente della camorra lo spazio-biblioteca dove martedì prossimo si terrà la manifestazione nazionale promossa, a Napoli, dalla FNSI in collaborazione con il Sindacato unitario dei giornalisti della Campania contro le minacce ai giornalisti, il precariato e qualsiasi forma di bavaglio. Annalisa Durante, è stata uccisa a 14 anni da […]

Articolo 21

Non perdiamo la capacità di indignarci

Posted: 11 Jun 2018 05:44 AM PDT

Non è assolutamente facile capire il mondo contemporaneo. Si coglie però una sorta di regressione globale che oggi si concretizza nella vittoria di leader nazionalisti nei paesi occidentali, mentre aumentano gli squilibri economici. Per questo è sicuramente un bene cercare di avere uno sguardo complessivo e retrospettivo. Il professor Roberto Savio, ex politico, giornalista, cooperante è […]

Unimondo

Festival Internazionale di Poesia di Genova: il reading al Coronata Campus diventa un appello alle istituzioni internazionali

Posted: 11 Jun 2018 05:29 AM PDT

Il pomeriggio del 7 giugno si è tenuto presso il Coronata Campus di Genova Cornigliano il reading “Passione per l’umano: poesia per una civiltà senza muri né frontiere”. L’evento di apertura del 24° Festival Internazionale di Poesia di Genova ha emozionato ed entusiasmato il pubblico intervenuto, regalando performance di poesia e musica che hanno sottolineato […]

Articolo 21

Gino Strada: “A 70 anni non pensavo di vedere più in Italia ministri razzisti”

Posted: 11 Jun 2018 05:17 AM PDT

Sono sconcertato. Ho 70 anni e non pensavo più di vedere ministri razzisti o sbirri nel mio Paese. Non hanno considerazione delle vite umane”. Lo dice Gino Strada, fondatore di Emergency, a ‘Mezz’ora in più su Raitre, riferendosi al ministro dell’Interno Matteo Salvini e al precedente Marco Minniti. “Io in questa società non mi ritrovo […]

Agenzia DIRE

Aquarius, Amsi e Co-mai, appello al presidente Conte: “L’Italia ha sempre insegnato al mondo intero cosa è la vera solidarietà”, #Salviamoli

Posted: 11 Jun 2018 04:51 AM PDT

Foad Aodi: l’Italia non sarà mai un paese razzista. Lavoriamo dunque tutti insieme per una immigrazione programmata e controllata, nel rispetto degli accordi bilaterali e del principio dei diritti e doveri. Così l’Amsi-Associazione medici di origine straniera in Italia e le Co-mai (Comunità del Mondo Arabo in Italia) fondatrici del movimento internazionale “Uniti per Unire” […]

AMSI Associazione di Medici di Origine Straniera in Italia

Energia, Greenpeace in Lussemburgo: “Italia si schieri in difesa di rinnovabili e clima. UE punti su democrazia energetica”

Posted: 11 Jun 2018 04:28 AM PDT

In occasione del Consiglio Europeo per l’energia in corso in Lussemburgo, attivisti di Greenpeace sono entrati in azione per chiedere ai ministri riuniti di rispettare gli impegni sul clima e il diritto dei cittadini a produrre in autonomia energia da fonti rinnovabili. Gli attivisti hanno accolto i ministri srotolando due striscioni con i messaggi (in […]

Greenpeace Italia

Colombia: alta tensione alla frontiera con Ecuador

Posted: 11 Jun 2018 03:48 AM PDT

Alta tensione alla frontiera tra Ecuador e Colombia. Presunto gruppo dissidente della Farc colombiana, diretto da Alias Guancho sequestra due cittadini ecuadoregni. Parallelamente l’Ecuador ha ritirato l’appoggio al processo di pace con l’ELN dopo il sequestro e l’uccisione di giornalisti, attivisti politici e semplici cittadini nell’area. Alias Guacho, inoltre, ha fatto pervenire alle autorità ecuadoriane […]

Alessandro Bonafede

 Le diecimila e una Italia

Posted: 11 Jun 2018 02:33 AM PDT

Riflessioni per un rilancio della partecipazione e della democrazia partecipativa Una grande ricchezza per la vita democratica Giovanni Arpino, in un suo bel libro, rivolto particolarmente alle ragazze ed ai ragazzi, ci racconta “mille e una Italia”, facendo incontrare Riccio, il piccolo protagonista che compie un viaggio dalla Sicilia alle Alpi, con molti personaggi della […]

Moreno Biagioni

 

Pin It